Benvenuto su TuttoCamere.it Benvenuto su TuttoCamere.it  
  Registrati gratuitamente! Home  ·  Argomenti  ·  Stats  ·  Il tuo account  ·  Inserisci Articolo  ·  Top 10  

  Mappa del Sito
· Home
· Archivio Notizie
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Cerca
· Contenuti
· Downloads
· FAQ
· Feedback
· Forum
· Il Tuo Account
· La Camera di Commercio
· Link Utili
· Messaggi Privati
· Proponi Notizia
· Raccomanda questo sito
· Sondaggi
· Top 10

  Cerca con Google
Google
Web www.tuttocamere.it

  Sponsor

  ITALIA.IT
Sito ufficiale del turismo in Italia
Sito ufficiale del turismo in Italia

  Software e servizi
Firma Digitale
Actalis File Protector
Versione corrente: 5.1.x



Firma Digitale
Versione corrente: 6.0



COMUNICA

La Comunicazione Unica d’impresa
Registro imprese, Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP



FedraPlus
FedraPlus
Software per la compilazione della pratica Registro imprese
Versione corrente 06.81.00



COMUNICA Starweb
COMUNICA Starweb
Il servizio per la compilazione della Comunicazione Unica
Versione corrente 3.5.5



L'ufficio online del Registro delle imprese

L'ufficio online del Registro delle imprese



Impresa in un giorno

Impresa in un giorno
La tua scrivania telematica



La posta certificata di Infocamere

La posta certificata di Infocamere



 SPID – Sistema pubblico di identità digitale

SPID
Sistema pubblico di identità digitale



I CONTO

”ICONTO”
Il conto per i pagamenti verso le Camere di Commercio e le altre Pubbliche Amministrazioni



DIRITTO ANNUALE – Calcola e Paga on line

DIRITTO ANNUALE CAMERALE – Calcola e Paga on line



ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione

ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione



La pubblica amministrazione per l''impresa

La Pubblica Amministrazione per l''impresa



Italia.gov.it

Il motore dell’amministrazione digitale



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Servizio InfoCamere



LINEA AMICA

LINEA AMICA
Il portale degli italiani



Italia Sicura

ItaliaSicura
La mappa dei cantieri antidissesto



SoldiPubblici

Soldi Pubblici
Scopri quanto spende chi e per cosa.



Cert.Impresa

Cert.Impresa



VerifichePA

Il servizio delle Camere di Commercio per le PP.AA. per la verifica dell’autocertificazione d’impresa



Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa

Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa



WORLD PASS

Scopri come internazionalizzare la tua impresa



DESTINAZIONE ITALIA

Aprire l’Italia ai CAPITALI e ai TALENTI del mondo



Qui si parla di Start-up innovativa

Percorso per creare una Start-up innovativa



CONTRATTI DI RETE<br> COLLABORARE PER COMPETERE

CONTRATTI DI RETE
Portale che sostiene la nascita e lo sviluppo delle reti d’impresa in Italia



INI PEC

Qui puoi cercare gli indirizzi PEC di imprese e professionisti italiani



UNIONCAMERE
UNIONCAMERE
Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura



Logo UnionCamere
Il portale delle Camere di Commercio d'Italia



STARnet
La rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio



Registro delle imprese storiche italiane
Registro delle imprese storiche italiane



ISTAT
Indice Nazionale dei prezzi al consumo



ISTAT
Classificazione delle attività economiche
ATECO 2007



Noi Italia

100 statistiche
per capire il Paese in cui viviamo




Camera di Commercio di Sassari
IL REGISTRO DELLE IMPRESE NELLA GIURISPRUDENZA
Raccolta delle più importanti pronunce dei Giudici del Registro delle imprese dal 1996 in poi.


  Articoli precedenti
Domenica, 28 febbraio
· Novità dalla L. n. 21/2016: Proroga periodo transitorio e taglio sanzioni
Domenica, 21 febbraio
· Possibile costituire una SRL non semplificata senza il ricorso al notaio
Giovedì, 18 febbraio
· Disponibile una nuova piattaforma gestita dalla Commissione europea
Mercoledì, 10 febbraio
· Pubblicato il D.Lgs. n. 15/2016 che recepisce la Direttiva 2013/55/UE
Sabato, 06 febbraio
· L’ANAC pubblica le Linee guida per l’affidamento di servizi
Giovedì, 04 febbraio
· Il Ministero aggiorna l’elenco delle agevolazioni
Domenica, 31 gennaio
· Istituito presso le Camere di Commercio il Registro Nazionale
Mercoledì, 27 gennaio
· Due nuovi pareri dal Ministero dello Sviluppo Economico
Domenica, 24 gennaio
· Dal 18 gennaio al via la Tessera Professionale Europea (EPC)
Lunedì, 18 gennaio
· Pubblicata la legge n. 221 del 2015 sulla sostenibilità ambientale
Mercoledì, 13 gennaio
· Bilanci 2016 - Definita la maggiorazione dei diritti di segreteria
· Dal 7 gennaio Operativa la Banca Dati Nazionale
Domenica, 03 gennaio
· Nasce l’Albo unico dei consulenti finanziari
Giovedì, 31 dicembre
· Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale e in vigore dal 1° gennaio 2016
· Novità dal D.L. n. 210/2015 - Prorogato il periodo transitorio
Mercoledì, 30 dicembre
· Pubblicato l'avviso circa la disponibilità delle nuove tassonomie XBRL
Martedì, 29 dicembre
· Accorpamento tra le Camere di Commercio Forlì-Cesena e Rimini
· Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell’attività - Nuovo Elenco
· Approvato il modello per l'anno 2016
Mercoledì, 23 dicembre
· Determinate le misure del diritto annuale per l’anno 2016

Articoli Vecchi

  Meteo Italia
Servizio Meteorologico Aeronautica
Servizio Meteorologico dell'aeronautica

  AvventuraMarche
... scopri il fascino di questa meravigliosa regione? AvventuraMarche.it

  Viaggiare Sicuri

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatici dove siete nel mondo

FARNESINA
Informateci dove siete nel mondo

  C.A.D.: Emanato un nuovo decreto modificativo ed integrativo
Postato da claudio Mercoledì, 28 settembre @ 17:40:21 CEST (54 letture) (Leggi Tutto... | C.A.D. | Voto: 0)
P.A. E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 214 del 13 settembre 2016, il Decreto Legislativo 26 agosto 2016, n. 179, recante “Modifiche ed integrazioni al Codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, ai sensi dell'articolo 1 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”..

Il decreto - in vigore dal 14 settembre 2016 - prevede che il cambiamento strutturale del rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione sia affidato a una identità digitale. Debuttano, infatti, le definizioni di "domicilio digitale" e di "identità digitale".
Tutti i cittadini e le imprese hanno il diritto all'assegnazione di un'identità digitale attraverso la quale accedere e utilizzare i servizi erogati in rete dalle Pubbliche Amministrazioni.
Al fine di assicurare la pubblicità dei riferimenti telematici delle PP.AA. e dei gestori dei pubblici servizi è prevista la istituzione del pubblico elenco di fiducia denominato "Indice degli indirizzi della pubblica amministrazione e dei gestori di pubblici servizi", la cui realizzazione e gestione saranno affidare all’Agenzia per l’Italia digitale (AgID).
La scadenza per il passaggio definitivo dal cartaceo al digitale per la gestione informatizzata dei documenti da parte degli enti pubblici, che inizialmente era fissata al 12 agosto 2016, ha subito un rinvio al 12 dicembre 2016.
Al Ministero della Pubblica Amministrazione, d’intesa con l’Agenzia per l’Italia digitale, viene affidato il compito di mettere a punto le nuove norme per l’attuazione del CAD archiviando di fatto il D.P.C.M. del 13 novembre 2014 che aveva fissato la scadenza perentoria del 12 agosto 2016.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo D.Lgs. n. 179/2016, clicca QUI.

. Se vuoi scaricare una tabella riportante il testo del CAD in vigore fino al 13 settembre 2016 comparato con il nuovo testo in vigore dal 14 settembre 2016, clicca QUI.
 

  Agricoltura: Pubblicata la legge n. 154/2016 c.d. “Collegato agricoltura”
Postato da claudio Giovedì, 11 agosto @ 14:27:29 CEST (504 letture) (Leggi Tutto... | Agricoltura | Voto: 0)
agricol Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 13 del 18 gennaio 2016 del “Collegato ambientale” (Legge 28 dicembre 2015, n. 221, recante "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali"), è arrivata anche la pubblicazione del “Collegato agricoltura”; entrambi collegati alla legge di stabilità 2014. E' stata, infatti, pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 10 agosto 2016, la Legge 28 luglio 2016, n. 154, recante "Deleghe al Governo e ulteriori disposizioni in materia di semplificazione, razionalizzazione e competitività dei settori agricolo e agroalimentare, nonché sanzioni in materia di pesca illegale".

Il provvedimento, composto da 42 articoli suddivisi in 6 Titoli, contiene una serie di deleghe al Governo per la semplificazione, la tutela del reddito, il ricambio generazionale e una migliore organizzazione. Su questi quattro assi si possono costruire le basi per il futuro dell'agricoltura italiana.
All’interno troviamo: la riduzione da 180 a 60 giorni dei tempi per aprire un’azienda agricola (art. 4); una delega al Governo per il riordino e la semplificazione della normativa in materia di agricoltura (art. 5); una delega al Governo per favorire il ricambio generazionale (art. 6); la istituzione del Sistema informativo per il biologico (SIB) che ha la possibilità di utilizzare l'infrastruttura del sistema informativo agricolo nazionale (SIAN) (art. 7); una nuova disciplina dell’attività di manutenzione del verde (art. 12); una delega al Governo per il riordino e la riduzione degli enti, delle società e delle agenzie vigilati dal Ministero delle politiche agricole e per alla revisione della normativa del settore ippico nazionale (art. 15); misure per l’innovazione trasversali e interventi mirati a singole filiere, quali: il pomodoro, il riso e la birra artigianale (artt. 23 – 30).

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo della legge n. 154/2016, clicca QUI.
 

  DIGITALIZZAZIONE DOCUMENTI PA: STOP al cartaceo slitta dal 12 agosto 2016 al 12 dicembre 2016
Postato da claudio Mercoledì, 10 agosto @ 21:29:20 CEST (498 letture) (Leggi Tutto... | DIGITALIZZAZIONE DOCUMENTI PA | Voto: 0)
P.A. Dopo la pubblicazione:
• del D.P.C.M. 22 febbraio 2013 sulle regole tecniche in materia di firme elettroniche,
• di due distinti decreti del 3 dicembre 2013, con i quali sono state emanate le regole tecniche riguardanti, rispettivamente, la conservazione dei documenti informatici e il protocollo informatico e
• del D.P.C.M. 13 novembre 2014 (in vigore dal 12 febbraio 2015), recante regole tecniche in materia di formazione e la conservazione dei documenti amministrativi informatici della Pubblica Amministrazione,
le Pubbliche Amministrazioni hanno ora l’obbligo di adeguare i propri sistemi di gestione informatica dei documenti entro e non oltre diciotto mesi dall'entrata in vigore del presente decreto, e quindi entro il 12 agosto 2016.
Dopo tale data dovranno essere applicare le nuove regole tecniche approvate con il citato D.P.C.M. 13 novembre 2014.


Con questo ultimo decreto si è praticamente chiuso il quadro della regolamentazione tecnica in materia di informatica documentale, ma siamo ben lungi da un effettivo abbandono della carta nell’ambito della Pubblica Amministrazione.
Considerate le resistenze mentali piuttosto radicate al cambiamento e la complessità di una materia dove la regolamentazione giuridica a più livelli comporta inevitabili tecnicismi di difficile interpretazione, pensare ad un così radicale cambiamento nel rispetto dei tempi fissati dalla normativa è sicuramente un’utopia.

Con l'approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri del 10 agosto 2016 del decreto recante modifiche ed integrazioni del codice dell’amministrazione digitale, la scadenza per il passaggio definitivo dal cartaceo al digitale per la gestione informatizzata dei documenti da parte degli enti pubblici, che inizialmente era fissata al 12 agosto 2016, sembra sia rinviata al 12 dicembre 2016. Il giorno 3 agosto 2016 è stato, infatti, accolto il Parere reso dalla Commissione Affari Costituzionali nel quale si chiede la "sospensione dell’efficacia del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 novembre 2014 per un tempo congruo all’emanazione di nuove regole tecniche pienamente conformi alle disposizioni del Codice".

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo dei citati decreti con tutti i suoi allegati, clicca QUI.

. Se vuoi conoscere le novità introdotte dal nuovo decreto recante modifiche ed integrazioni del codice dell’amministrazione digitale approvato dal Consiglio dei Ministri del 10 agosto 2016, clicca QUI.
 

  Lavori pubblici: Dettate le Linee Guida per una corretta compilazione del DGUE
Postato da claudio Giovedì, 28 luglio @ 13:59:05 CEST (463 letture) (Leggi Tutto... | Lavori pubblici | Voto: 0)
Lavori Pubblici E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 27 luglio 2016, la circolare n. 3 del 18 luglio 2016, con la quale il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti indica le “Linee guida per la compilazione del modello di formulario di Documento di gara unico europeo (DGUE) approvato dal Regolamento di esecuzione (UE) 2016/7 della Commissione del 5 gennaio 2016”.
Previsto dalla Direttiva 2014/247UE sugli appalti pubblici, il Documento di Gara Unico Europe (DGUE) è stato introdotto in tutti i Paesi Europei come modello con il Regolamento di esecuzione (UE) 2016/7 della Commissione del 5 gennaio 2016.
In Italia il DGUE è stato regolato dall’articolo 85 del D.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 (Codice Appalti), che recependo l’art. 59 della direttiva 2014/24/UE sugli appalti pubblici ha così introdotto il documento di gara unico europeo (DGUE).


Con le linee guida il Ministero intende fornire alle amministrazioni aggiudicatrici e agli enti aggiudicatori alcune indicazioni in ordine al corretto utilizzo del DGUE nell'ambito del vigente quadro normativo nazionale, e per rendere più agevole la comprensione allega, altresì, uno schema di formulario alla luce delle disposizioni del Codice.
Le linee guida spiegano innanzitutto che il DGUE sarà utilizzabile in tutte le procedure di affidamento e per qualunque importo. Fanno eccezione gli affidamenti diretti sotto 40mila euro, dove la Stazione Appaltante potrà scegliere se usare o meno il DGUE.
A decorrere dal 18 aprile 2018, il DGUE sarà reso disponibile esclusivamente in forma elettronica. Prima di tale data, il documento di gara unico europeo potrà essere compilato in forma cartacea oppure in formato elettronico, avvalendosi di sistemi nazionali informatizzati all’uopo dedicati ovvero del servizio DGUE elettronico messo, gratuitamente, a disposizione dalla Commissione in favore delle Amministrazioni o Enti aggiudicatori e degli operatori economici.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo della circolare ministeriale e del suo allegato, clicca QUI.
 

  Registro Imprese: Pubblicato decreto che apporta modifiche ai modelli dei certificati tipo
Postato da claudio Sabato, 23 luglio @ 14:01:53 CEST (516 letture) (Leggi Tutto... | Registro Imprese | Voto: 0)
R.I. E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 171 del 23 luglio 2016, il Decreto 24 giugno 2016, recante "Modifica dei modelli di certificato tipo inerenti il registro delle imprese", con il quale sono stati adottati:
a) i nuovi modelli tipo per il rilascio da parte degli uffici del Registro delle imprese dei certificati previsti dall'art. 2 del D.P.R. 7 dicembre 1995, n. 581 (ALLEGATI A, B, C e D);
b) il modello per il rilascio da parte dell'Ufficio del Registro delle imprese della ricevuta di accettazione della Comunicazione Unica per la nascita dell'impresa (ALLEGATO E).


I modelli dei certificati tipo di cui agli Allegati A, B, C e D, adottati al fine di adeguare gli stessi ad alcune importanti modifiche intervenute nella disciplina delle attività economiche imprenditoriali, sostituiscono quelli approvati con decreto ministeriale 18 settembre 2014.

. Se vuoi approfondire l’argomento delle certificazioni e scaricare il testo del nuovo decreto e del suo allegato, clicca QUI.
 

  Revisione legale dei conti: Pubblicato il decreto di recepimento della direttiva 2014/56/UE
Postato da claudio Venerdì, 22 luglio @ 00:05:02 CEST (510 letture) (Leggi Tutto... | Revisione legale dei conti | Voto: 0)
Revisori E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 169 del 21 luglio 2016, il Decreto Legislativo 17 luglio 2016, n. 135, recante “Attuazione della direttiva 2014/56/UE che modifica la direttiva 2006/43/CE concernente la revisione legale dei conti annuali e dei conti consolidati”.

In vigore dal 5 agosto 2016, il decreto legislativo - di attuazione della direttiva 2014/56/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, che modifica la direttiva 2006/43/CE relativa alle revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati - innesta i propri interventi di modifica sul testo del D.Lgs. n. 39 del 2010, con il quale è stata recepita la direttiva 2006/43/CE, regolando l’attività dei revisori dei conti, le modalità di accesso alla professione, la deontologia progessionale, i requisiti di professionalità e di indipendenza, il tirocinio, gli obblighi di formazione continua, l’iscrizione nel Registro dei revisori legali. Previsto l’obbligo della posta elettronica certificata per gli iscritti al registro; sostituita la distinzione tra revisori attivi e inattivi con la nuova ripartizione del Registro in due sezioni.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.

. Se vuoi scaricare una tabella riportante le normative a confronto del D.Lgs. n. 39 del 2010 e del D.Lgs. n. 135 del 2016, clicca QUI.
 

  START UP INNOVATIVE: Al via la costituzione di una SRL non semplificata senza ricorso al notaio
Postato da claudio Mercoledì, 20 luglio @ 16:21:28 CEST (567 letture) (Leggi Tutto... | START UP INNOVATIVE | Voto: 0)
Start Up A partire dal 20 luglio 2016, l'atto costitutivo di Start-Up aventi forma di società a responsabilità limitata non semplificate potrà essere redatto in forma elettronica con firma non autenticata dei sottoscrittori, a norma dell’art. 24 del D.Lgs. n. 82/2005 (Codice dell’amministrazione digitale – CAD), mediante il modello standard tipizzato di atto costitutivo / statuto, ferma restando la possibilità di costituire la società per atto pubblico.
L’atto, previamente registrato fiscalmente e sottoscritto da parte di ciascun contraente o da parte dell’unico sottoscrittore in caso di società uni personale, potrà essere trasmesso tramite una pratica di Comunicazione Unica all’Ufficio del Registro delle imprese competente per territorio.


E' così entrata nella fase operativa la nuova procedura di costituzione prevista dal comma 10-bis dell’art. 4, della L. n. 33/2015, di conversione del D.L. n. 3/2015, (c.d. “Decreto Investment Compact”), le cui modalità attuative sono state approvate con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico 17 febbraio 2016, successivamente rettificato con decreto ministeriale del 7 luglio 2016, il cui testo è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 172 del 25 luglio 2016.
Le specifiche tecniche per compilare il modello standard di atto costitutivo e statuto sono state approvate con decreto direttoriale 1° luglio 2016.
Le disposizioni applicative concernenti la nuova procedura sono state fornite dal Ministero dello Sviluppo Economico con la circolare n. 3691/C del 1° luglio 2016.
Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 115137/2016 è stato esteso l’utilizzo del modello F24 ai versamenti delle imposte, delle sanzioni ed interessi connessi alla registrazione degli atti costitutivi delle Start up innovative. Con la risoluzione n. 56/E del 19 luglio 2016 sono stati istituiti i codici tributo per il versamento.


Per facilitare la corretta redazione e trasmissione del modello standard è stata predisposta una "GUIDA ALLA COSTITUZIONE DI STARTUP INNOVATIVE IN FORMA DI S.R.L. CON MODELLO STANDARD TIPIZZATO".

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo della normativa di riferimento e della GUIDA, clicca QUI.

. Se vuoi accedere alla piattaforma dedicata, clicca QUI.
 

  Pubblica Amministrazione: CONFERENZA DEI SERVIZI - Pubblicato decreto che ne riordina la disciplina
Postato da claudio Venerdì, 15 luglio @ 11:37:22 CEST (576 letture) (Leggi Tutto... | Pubblica Amministrazione | Voto: 0)
P.A. E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 13 luglio 2016, il Decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 127, recante “Norme per il riordino della disciplina in materia di conferenza di servizi, in attuazione dell'articolo 2 della legge 7 agosto 2015, n. 124”.

Il decreto, emanato in attuazione della delega di riforma della Pubblica Amministrazione (legge n. 124/2015), sostituisce integralmente tutta la disciplina della conferenza di servizi ex articoli da 14 a 14-quinquies della legge 241/1990, e mira alla semplificazione nella Pubblica Amministrazione attraverso:
- l’abbattimento dei tempi lunghi attivando la conferenza semplificata, che non prevede riunioni fisiche ma solo l’invio di documenti per via telematica;
- lo svolgimento della conferenza simultanea con riunione (anche telematica) solo quando è strettamente necessaria.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha provveduto ad elaborare, per chi dovrà d’ora in poi applicare le nuove norme, una GUIDA, alcune FAQ esplicative e un MINIDOSSIER su cosa cambierà per imprese e cittadini, che affiancherà le SLIDE della riforma, predisposte dallo stesso Dipartimento.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del D.Lgs. n. 127 del 2016 e la GUIDA predisposta dal Dipartimento della Funzione Pubblica, clicca QUI.

. Se vuoi scaricare il testo aggiornato della L. n. 241 del 1990, dopo le modifiche apportate dai decreti legislativi n. 126/2016 e 127/2016, clicca QUI.
 

  Pubblica Amministrazione: SCIA - Pubblicato il decreto che ne riordina la disciplina
Postato da claudio Giovedì, 14 luglio @ 22:48:29 CEST (623 letture) (Leggi Tutto... | Pubblica Amministrazione | Voto: 0)
P.A. E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 13 luglio 2016, il Decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126, recante “Attuazione della delega in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), a norma dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124”.

Nello specifico, il decreto - che entra in vigore il 28 luglio 2016 - prevede, in soli quattro articoli, quanto segue:
1) la SCIA potrà essere presentata presso un unico ufficio, anche in via telematica, con un modulo unico valido in tutto il paese (art. 19-bis, commi 1 e 2, L. n. 241/1990, come novellato dall’art. 3, comma 1, lett. c), del D.Lgs. n. 126/2016);
2) il modulo dovrà essere pubblicato sul sito istituzionale della Pubblica Amministrazione destinataria delle istanze e richieste;
3) ci si potrà rivolgere ad un unico ufficio, che avrà il compito di interagire con tutti gli altri uffici e/o amministrazioni interessate;
4) dell’avvenuta presentazione di istanze, segnalazioni o comunicazioni dovrà essere rilasciata una ricevuta; tale ricevuta costituisce comunicazione di avvio del procedimento e deve indicare i termini entro i quali l’amministrazione è tenuta a rispondere o entro i quali il silenzio dell’amministrazione equivale ad accoglimento dell’istanza (art. 18-bis, L. n- 241/1990, come novellato dall’art. 3, comma 1, lett. a), del D.Lgs. n. 126/2016);
5) la richiesta al cittadino di documenti ulteriori rispetto a quelli previsti è considerata inadempienza sanzionabile sotto il profilo disciplinare (art. 2, comma 5).

Le Regioni e gli Enti locali dovranno adeguarsi alle disposizioni di cui agli articoli 18-bis, 19 e 19-bis della legge n. 241 del 1990, come introdotti o modificati dall'articolo 3, del D.Lgs. n. 126/2016 entro il 1° gennaio 2017 (art. 4, D.Lgs. n. 126/2016).

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.

. Se vuoi scaricare il testo aggiornato della L. n. 241 del 1990, dopo le modifiche apportate dai decreti legislativi n. 126/2016 e 127/2016, clicca QUI.
 

  LEGGI EUROPEE: Pubblicata la LEGGE EUROPEA 2015-2016
Postato da claudio Lunedì, 11 luglio @ 11:27:25 CEST (576 letture) (Leggi Tutto... | LEGGI EUROPEE | Voto: 0)
Europa1 E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 158 del 8 luglio 2016, la LEGGE 7 luglio 2016, n. 122, recante "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Legge europea 2015-2016".

La Legge europea, che si compone di 37 articoli suddivisi in 9 Capi, introduce diverse novità, destinate ad avere sensibili impatti sull’attività delle imprese.
In particolare, la legge interviene sulla disciplina delle SOA-Società organismo di attestazione, sul trasferimento dei lavoratori in caso di subentro di nuovi appaltatori, sulle procedure di richiesta ed emissione del titolo esecutivo europeo, sugli imballaggi pericolosi nonché su importanti aspetti legati alla tracciabilità e all’etichettatura di particolari alimenti.
La legge provvede, inoltre, all'attuazione di 3 direttive e di una decisione.

. Se vuoi approfondire i contenuti e scaricare il testo della Legge europea 2015-2016, clicca QUI.
 

  R.A.E.E.: Pubblicato decreto che stabilisce regole per il ritiro ''uno contro zero"
Postato da claudio Venerdì, 08 luglio @ 18:57:02 CEST (576 letture) (Leggi Tutto... | R.A.E.E. | Voto: 0)
RAEEPile E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 157 del 7 luglio 2016, il Decreto 31 maggio 2016, n. 121, recante “Regolamento recante modalità semplificate per lo svolgimento delle attività di ritiro gratuito da parte dei distributori di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) di piccolissime dimensioni, nonchè requisiti tecnici per lo svolgimento del deposito preliminare alla raccolta presso i distributori e per il trasporto, ai sensi dell'articolo 11, commi 3 e 4, del decreto legislativo 14 marzo 2014, n. 49”.

Il presente decreto - in vigore dal 22 luglio 2016 - disciplina le modalità semplificate per il ritiro gratuito, da parte dei distributori, dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) di piccolissime dimensioni, provenienti dai nuclei domestici e conferiti dagli utilizzatori finali, senza obbligo di acquisto di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di tipo equivalente (criterio di ritiro dell' ”uno contro zero”) e in particolare definisce:
a) le procedure per il conferimento dei RAEE di piccolissime dimensioni, da parte degli utilizzatori finali;
b) i requisiti tecnici per allestire il luogo di ritiro all’interno dei locali del punto vendita del distributore o in prossimità immediata di essi;
c) i requisiti tecnici e le modalità per lo svolgimento del deposito preliminare alla raccolta dei RAEE ritirati ai sensi della lettera a);
d) i requisiti tecnici per il trasporto dei RAEE di piccolissime dimensioni dal deposito preliminare alla raccolta di cui alla lettera c) fino ad un centro di raccolta oppure ad un impianto di trattamento.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo decreto con i suoi due allegati, clicca QUI.
 

  Pubblica Amministrazione: Nuove norme in materia di licenziamento disciplinare
Postato da claudio Martedì, 28 giugno @ 22:49:20 CEST (458 letture) (Leggi Tutto... | Pubblica Amministrazione | Voto: 0)
P.A. E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28 giugno 2016, il Decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, recante “Modifiche all'articolo 55-quater del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di licenziamento disciplinare”.

Nello specifico, il decreto interviene sulla disciplina prevista dall’art. 55-quater del D.Lgs. n. 165 del 2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) per la fattispecie di illecito disciplinare denominata “falsa attestazione della presenza in servizio”. Questa fattispecie di illecito disciplinare comprende ora anche quella realizzata attraverso l’alterazione dei sistemi di rilevamento delle presenze.
Al dipendente colto in flagrante:
- sarà applicata la sospensione cautelare entro 48 ore e
- attivato il procedimento disciplinare che dovrà concludersi entro 30 giorni.
E’, inoltre, prevista la responsabilità disciplinare del dirigente (o del responsabile del servizio) nel caso in cui egli abbia avuto notizia dell’illecito e non si sia attivato senza giustificato motivo.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.

. Se vuoi scaricare il testo del D.Lgs. n. 165 del 2001, clicca QUI.
 

  Pubblica Amministrazione: Al via il FOIA - Accesso civico a dati e documenti della P.A.
Postato da claudio Lunedì, 20 giugno @ 11:34:01 CEST (534 letture) (Leggi Tutto... | Pubblica Amministrazione | Voto: 0)
P.A. E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 8 giugno 2016, il Decreto Legislativo 24 maggio 2016, n. 97, recante “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell'articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”.

Il provvedimento (c.d. ”Decreto Trasparenza”, il primo decreto attuativo della “Riforma Madia”), in vigore dal 23 giugno 2016, introduce anche in Italia il Freedom of Information Act (FOIA), allineando il nostro Paese agli altri circa 100 Paesi nel mondo sul fronte della trasparenza della P.A.
D’ora in poi, chiunque, anche senza un interesse diretto, avrà diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle Pubbliche Amministrazioni.
L'esercizio del diritto non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente e l'istanza potrà essere trasmessa per via telematica e presentata alternativamente ad uno dei seguenti uffici:
a) all'ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti;
b) all'Ufficio relazioni con il pubblico (URP);
c) ad altro ufficio indicato dall'amministrazione nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale;
d) al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, nel caso l'istanza abbia a oggetto dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria
.
Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dall'amministrazione per la riproduzione su supporti materiali.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.
 

  TERZO SETTORE: Promulgata la legge di riforma - Attesi ora i decreti attuativi
Postato da claudio Sabato, 18 giugno @ 21:41:53 CEST (488 letture) (Leggi Tutto... | TERZO SETTORE | Voto: 0)
noprofit E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 140 del 17 giugno 2016, la Legge 6 giugno 2016, n. 106, recante “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale”.
Dopo oltre due anni dalla divulgazione delle “Linee guida per la Riforma del Terzo settore” promosse dal Governo Renzi, il disegno di legge delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale è diventato legge.


Con i decreti delegati si dovrà provvedere:
a) alla revisione della disciplina del Titolo II del Libro primo del Codice civile in materia di associazioni, fondazioni e altre istituzioni di carattere privato senza scopo di lucro, riconosciute come persone giuridiche o non riconosciute;
b) al riordino e alla revisione organica della disciplina speciale e delle altre disposizioni vigenti relative agli enti del Terzo settore, compresa la disciplina tributaria applicabile a tali enti, mediante la redazione di un apposito codice del Terzo settore;
c) alla revisione della disciplina in materia di impresa sociale;
d) alla revisione della disciplina in materia di servizio civile nazionale.
Prevista la istituzione della “Fondazione Italia sociale”, che avrà lo scopo di sostenere la realizzazione e lo sviluppo di interventi innovativi da parte di enti del Terzo settore, caratterizzati dalla produzione di beni e servizi con un elevato impatto sociale e occupazionale e rivolti, in particolare, ai territori e ai soggetti maggiormente svantaggiati.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo della nuova legge, clicca QUI.
 

  DIRITTO ANNUALE 2016: Per molti pagamento posticipato al giorno 6 luglio
Postato da claudio Venerdì, 17 giugno @ 19:09:04 CEST (443 letture) (Leggi Tutto... | DIRITTO ANNUALE 2016 | Voto: 0)
Tasse E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 16 giugno 2016, il D.P.C.M. 15 giugno 2016, recante “Differimento, per l'anno 2016, del termine di effettuazione dei versamenti dovuti dai soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore”. Con tale decreto vengono prorogati i termini per il versamento di tutte le imposte risultanti dalle dichiarazioni i cui termini sono fissati al 16 giugno 2016 (IRPEF/IRES, Cedolare secca sugli affitti, IVIE e IVAFE), al giorno 6 luglio 2016.

La nuova scadenza, prevista dal decreto, riguarda tutti i contribuenti (persone fisiche e non) che esercitano attività economiche o professionali per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, indipendentemente dall'esistenza di cause di esclusione o di inapplicabilità, e che dichiarano ricavi o compensi non superiori al limite stabilito dalla legge.
La proroga si applica anche a coloro che partecipano a società, associazioni e imprese, in regime di trasparenza e ai contribuenti c.d. minimi e precisamente quelli che adottano il regime forfetario dei minimi (art. 1, commi 54-89, legge n. 190/2014) e di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità (art. 27, D.L. n. 98/2011; artt. 115 e 116, D.P.R. n. 917/1986).

Tutti questi soggetti potranno effettuare i predetti versamenti, compreso il DIRITTO ANNUALE dovuto alla Camera di Commercio:
a) entro il giorno 6 luglio 2016, senza alcuna maggiorazione;
b) dal 7 luglio 2016 al 22 agosto 2016, maggiorando le somme da versare dello 0,40 per cento a titolo di interesse corrispettivo.


Naturalmente, per le imprese che non rientrano nelle casistiche sopra menzionate viene confermata la scadenza del 16 giugno 2016, con la possibilità di proroga al 18 luglio 2016 (essendo i giorn1 16 e 17 festivi) con la maggiorazione dello 0,40%.

. Se vuoi approfondire l’argomento del diritto annuale e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.
 

  PERMESSO DI SOGGIORNO: Dichiarata illegittima la tassa per il rilascio e il rinnovo
Postato da claudio Mercoledì, 15 giugno @ 23:09:13 CEST (445 letture) (Leggi Tutto... | PERMESSO DI SOGGIORNO | Voto: 0)
Permesso Soggiorno Il TAR Lazio, Sez. II-Quater, con sentenza n. 6095 del 24 maggio 2016, ha annullato il decreto ministeriale 6 ottobre 2011 concernente “Contributo per il rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno”, laddove stabilisce che per il rilascio del titolo di soggiorno lo straniero deve pagare un contributo variabile tra gli 80,00 e i 200,00 euro.

Secondo il TAR, a seguito della sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea del 2 settembre 2015, deve essere disapplicata la normativa nazionale che prevede il pagamento di una somma variabile tra gli 80,00 e i 200,00 euro per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno e deve essere conseguentemente annullato il D.M. 6 ottobre 2011, poiché il contributo ivi previsto è sproporzionato rispetto alle finalità perseguite dalla direttiva 2003/109.

Il TAR ha così accolto il ricorso presentato a suo tempo dalla CGIL e dall'INCA, annullando l'art. 1, comma 1, l'art. 2, commi 1 e 2 (nella sola parte in cui si riferiscono al contributo di cui al precedente art.1) e l' art. 3 dell'impugnato D.M. 6 ottobre 2011.
Pertanto, I cittadini stranieri che chiederanno il rilascio o il rinnovo di un permesso di soggiorno non dovranno più pagare il contributo di importo variabile tra gli 80,00 e i 200,00 euro, così come stabilito dal D.M. 6 ottobre 2011.
Restano ferme le altre imposte e contributi previsti dalla legge, e precisamente: 16,00 euro di imposta di bollo, 30,46 euro per la stampa del documento elettronico e 30,00 euro per il servizio offerto da poste italiane.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo delle sentenze citate, clicca QUI.
 

  CARTELLE ESATTORIALI: Notifica via PEC - Dal 20 giugno al via nuovo portale per i contribuenti
Postato da claudio Mercoledì, 08 giugno @ 23:33:32 CEST (498 letture) (Leggi Tutto... | CARTELLE ESATTORIALI | Voto: 0)
PEC1 A decorrere dal 1° giugno 2016, come stabilito dall’art.14 del D.Lgs. n. 159/2015, la notifica degli atti di riscossione destinati ad imprese individuali, società e professionisti iscritti in albi o elenchi avviene unicamente mediante posta elettronica certificata (PEC), all’indirizzo risultante dall’indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica (INI-PEC).
Qualora l'invio della cartella all'indirizzo PEC del destinatario non sia andato a buon fine, oppure se la casella risulti satura anche dopo un secondo tentativo di notifica, l'Agente di Riscossione dovrà provvedere alla notifica dell'atto mediante deposito telematico presso la Camera di Commercio competente per territorio e darne comunicazione al destinatario per mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, senza ulteriori adempimenti a carico dell'agente della riscossione.


Per accedere alla consultazione degli atti da parte di quei contribuenti ai quali non è stato possibile notificarli tramite PEC, il sistema camerale mette a disposizione dei professionisti e legali rappresentanti dell'impresa il nuovo portale “Elenco Atti depositati dagli agenti della riscossione”, al quale si potrà accedere autenticandosi mediante Carta Nazionale dei Servizi (CNS).
Gli atti saranno depositati dagli Agenti della riscossione a partire dal 20 giugno 2016.
Dopo tale data il contribuente potrà scaricare il documento esattoriale, depositato dall'Agente di Riscossione, in formato criptato e recuperare il PIN mediante il quale decifrare il contenuto della cartella esattoriale, al fine di renderla leggibile.

. Se vuoi accedere al nuovo portale, clicca QUI.
 

  SISTRI: Pubblicato il nuovo regolamento - Abrogato il D.M. n. 52 del 2011
Postato da claudio Martedì, 24 maggio @ 23:26:02 CEST (582 letture) (Leggi Tutto... | SISTRI | Voto: 0)
Sistri1 E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 120 del 24 maggio 2016, il decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 30 marzo 2016, n. 78 contenente "Regolamento recante disposizioni relative al funzionamento e ottimizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti in attuazione dell'articolo 188-bis, comma 4-bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152".
Il provvedimento, pur conservando la struttura del D.M. n. 52 del 2011, introduce meccanismi di razionalizzazione della procedura attraverso una semplificazione delle tempistiche di comunicazione dati da parte degli operatori.


Il decreto entrerà in vigore il prossimo 8 giugno 2016; dalla stessa data verrà abrogato il precedente decreto del 18 febbraio 2011, n. 52. Tuttavia, si dovrà attendere la pubblicazione di uno o più decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di natura non regolamentare, con i quali dovranno essere definite:
a) le procedure operative necessarie per l'accesso al SISTRI e per l'inserimento e la trasmissione dei dati;
b) le modifiche da apportare all’Allegato 1 del presente regolamento, in relazione alla definizione dell'entità dei contributi a carico dei soggetti che aderiscono al SISTRI su base volontaria , prevedendo per gli stessi una misura ridotta rispetto agli importi dovuti dai soggetti obbligati per le analoghe categorie di riferimento.
Fino all'approvazione delle procedure operative con i decreti previsti, continueranno ad applicarsi le procedure indicate nei manuali e nelle guide rese disponibili nel sito SISTRI.
Spetterà alla società concessionaria del servizio di gestione del SISTRI predisporre ed aggiornare la modulistica descrittiva, i manuali e le guide sintetiche a supporto degli operatori, curandone la pubblicazione sul portale informativo SISTRI, previo visto di approvazione del Ministero dell'Ambiente.

. Se vuoi approfondire l’argomento del SISTRI e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.

. Se vuoi scaricare una tabella riportante le due normative a confronto: quella del precedente D.M. n. 52 del 2011 e quella del D.M. 78 del 2016, clicca QUI.

Si segnala che, a seguito dell’emanazione del nuovo Regolamento, sono stati aggiornati i seguenti due documenti:
- il “Manuale operativo SISTRI” e
- le “Procedure di iscrizione e gestione del Fascicolo Azienda”.


. Se vuoi accedere al sito del SISTRI e scaricare il testo aggiornato dei due documenti, clicca QUI.
 

  DIRITTO ANNUALE 2016: Informativa via PEC - Disponibile nuovo servizo online
Postato da claudio Giovedì, 19 maggio @ 17:14:40 CEST (625 letture) (Leggi Tutto... | DIRITTO ANNUALE 2016 | Voto: 0)
Online Per l'anno 2016 il Sistema camerale italiano ha introdotto alcune importanti novità che riguardano il diritto annuale, il cui pagamento dovrà essere effettuato entro il 16 giugno 2016.
La prima riguarda la trasmissione della consueta informativa relativa al pagamento del diritto annuale 2016, che avverrà utilizzando esclusivamente il canale di invio tramite Posta elettronica certificata (PEC) alla casella dichiarata dall'impresa al Registro delle imprese.
La seconda riguarda la messa a disposizione di tutte le imprese di un nuovo sito internet di informazione e calcolo del diritto annuale da versare.


Pertanto nessuna informativa cartacea, ad eccezione per un numero limitato di soggetti quali i soggetti c.d. "only REA" e i Consorzi che al momento risultano ancora esclusi dall'obbligo di munirsi di P.E.C.
L'accesso al sito dedicato sarà possibile da parte di tutte le imprese senza necessità di autenticazione. Sarà sufficiente indicare il proprio Codice fiscale e la casella PEC per la ricezione in automatico degli estremi di calcolo ed eventuale ricevuta di versamento. Per i soggetti che non hanno l'obbligo della PEC sarà suffiviente indicare una casella di posta elettronica non certificata.
Da questo sito le imprese potranno:
- consultare le pagine informative sulla Camera di Commercio ed i servizi da questa erogati;
- avere accesso alla normativa di riferimento sul diritto annuale;
- calcolare l'esatto importo da versare alla scadenza ordinaria del versamento;
- ottenere la risultanza del calcolo direttamente al proprio indirizzo di posta elettronica certificata;
- procedere al pagamento del diritto dovuto attraverso la piattaforma PagoPA, in alternativa al modello F24.


. Se vuoi approfondire l’argomento del diritto annuale e scaricare tutta la normativa di riferimento e le tabelle con gli importi da versare, clicca QUI.

. Se vuoi accedere al sito dedicato, clicca QUI.
 

  MODULISTICA REGISTRO IMPRESE: Nuova circolare del Ministero dello Sviluppo Economico
Postato da claudio Lunedì, 09 maggio @ 19:56:49 CEST (818 letture) (Leggi Tutto... | MODULISTICA REGISTRO IMPRESE | Voto: 0)
Modulistica RI Facendo seguito al Decreto direttoriale 11 aprile 2016, pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 28 aprile 2016, il Ministero dello Sviluppo Economico, ha emanato la circolare n. 3689/C del 6 maggio 2016 (*), con la quale ha aggiornato le istruzioni per la compilazione della modulistica per gli adempimenti di pubblicità legale verso il Registro delle imprese ed il repertorio delle notizie economiche ed amministrative (REA), realizzata secondo le specifiche tecniche approvate con decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 18 ottobre 2013, come modificato, in ultimo, con decreti ministeriali del 22 giugno 2015 e dell’ 11 aprile 2016.

La presente circolare aggiorna le istruzioni emanate con la circolare n. 3668/C del 27 febbraio 2014.
Tra le principali novità segnaliamo:
- alternanza scuola-lavoro (art. 1, commi da 41 a 43 della legge 107/2015;
- Società benefit (art. 1, commi 376 – 384, legge 208/2015 – Legge di stabilità 2016);
- PMI innovative (art. 4 del D.L. n. 3/2015, convertito dalla L. n. 33/2015).

(*) La circolare è stata successivamente pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 119 del 23 maggio 2016 - Suppl. Ord. n. 15.

. Se vuoi approfondire l'argomento della modulistica per il Registro imprese e il REA e scaricare il testo della nuova circolare n. 3689/C con le istruzioni aggiornate, clicca QUI.
 

  TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA : Dal Ministero Chiarimenti per gli agenti immobiliari
Postato da claudio Lunedì, 09 maggio @ 12:31:59 CEST (781 letture) (Leggi Tutto... | TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA | Voto: 0)
EPC Il Ministero dello Sviluppo Economico, con la circolare n. 3688/C del 3 maggio 2016, illustra le novità introdotte con la direttiva 2013/55/UE definitivamente recepita con il decreto legislativo n. 15 del 2016, con particolare riferimento alle modalità di iscrizione nel Registro delle imprese degli agenti immobiliari (real estate) in diritto di stabilimento o in libera prestazione di servizi, una volta in possesso della tessera professionale europea (EPC - European Professional Card).

Tramite la procedura della Tessera Professionale Europea (EPC) è possibile per il cittadino comunitario richiedere il riconoscimento dei documenti sia ai fini dello stabilimento in un Paese dell’Unione europea, sia ai fini della mera prestazione occasionale di servizi. In entrambi i casi, il sistema genera una tessera immateriale ed elettronica, che dimostra il superamento dei requisiti necessari all’esercizio in regime di stabilimento o di libera prestazione temporanea ed occasionale dell’attività di agente immobiliare in uno dei Paesi unionali.

Nel caso la tessera consenta l’esercizio in Italia dell’attività di agente immobiliare “in regime di stabilimento”, il migrante dovrà preventivamente presentare un’apposita Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) all’ufficio del Registro delle imprese competente per territorio utilizzando l’apposita modulistica approvata col il decreto ministeriale 26 ottobre 2011.
Nel caso, invece, la tessera consenta al migrante l’esercizio dell’attività “in libera prestazione di servizi”, l’agente immobiliare non è tenuto a presentare al Registro delle imprese alcuna comunicazione.
Alternativi alla EPC restano i tradizionali procedimenti di riconoscimento e di dichiarazione preventiva di libera prestazione.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare ilo testo della nuova circolare del Ministero dello Sviluppo Economico , clicca QUI.
 

  MODULISTICA REGISTRO IMPRESE: Nuovo aggiornamento delle specifiche tecniche
Postato da claudio Giovedì, 28 aprile @ 20:38:29 CEST (907 letture) (Leggi Tutto... | MODULISTICA REGISTRO IMPRESE | Voto: 0)
Modulistica RI E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 28 aprile 2016, il Decreto Direttoriale 11 aprile 2016, recante “Approvazione delle specifiche tecniche di cui al decreto 18 ottobre 2013, per la creazione di programmi informatici finalizzati alla compilazione delle domande e delle denunce da presentare all'ufficio del registro delle imprese per via telematica o su supporto informatico”.

Con l’attuale decreto vengono apportate integrazioni al decreto ministeriale 18 ottobre 2013, da ultimo modificato con decreto ministeriale 22 giugno 2015, con l’inserimento di:
- 25 nuovi codici relativi ai nuovi Comuni derivanti dalla fusione di Comuni preesistenti;
- un apposito codice relativo alle «società benefit», di cui all'art. 1, commi, da 376 a 384 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilità 2016);
- nuovi codici inerenti adeguamenti di autorizzazioni all'assolvimento del bollo virtuale;
- uno specifico codice, nella «tabella denominazioni licenza», per la «licenza taxi».

. Se vuoi approfondire l'argomento della modulistica per il Registro imprese e il REA e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.
 

  Lavori pubblici: Pubblicato il nuovo codice degli appalti e delle concessioni
Postato da claudio Mercoledì, 20 aprile @ 00:55:39 CEST (1088 letture) (Leggi Tutto... | Lavori pubblici | Voto: 0)
Lavori Pubblici È stato pubblicato, sul Supplemento Ordinario n. 10 alla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2016, il Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50 recante “Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture”.

Il nuovo “Codice degli appalti pubblici e dei contratti di concessione” - in vigore dal 19 aprile 2016 - sostituisce integralmente il D.Lgs. n. 163 del 12 aprile 2006, recepisce, in un unico decreto composto da 220 articoli, tre direttive europee sugli appalti pubblici e sull'aggiudicazione dei contratti in concessioni e riordina la disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture e contratti di concessione.
Si tratta di un provvedimento di grande rilievo non solo per lo svolgimento dell’attività amministrativa, nell’ottica della semplificazione, dello snellimento dei procedimenti e della lotta alla corruzione, ma soprattutto nel segno della maggiore efficienza amministrativa e competitività del Paese.

. Se vuoi approfondire i contenuti e scaricare il testo del nuovo decreto, clicca QUI.
 

  Pratiche telematiche: Incompatibilità tra software Fedra Plus 6.81 e Windows 10
Postato da netdiver Martedì, 05 aprile @ 11:11:58 CEST (2247 letture) (Leggi Tutto... | Pratiche telematiche | Voto: 0)
Modulistica RI Da più parti è stata rilevata una incompatibilità tra il software Fedra Plus 6.81 (e precedenti) e l'ultima versione di Windows 10, la versione di aggiornamento denominata "Fall Update" altrimenti detta 1511 (novembre 2015).
Per fortuna una soluzione c'è!!!! .... L'ha messa a punto l'Ing. Lorenzo Maurizi, dello staff di Tuttocamere.


L'incompatibilità si evidenzia al momento di scaricare la pratica per l'invio telematico: dopo aver confermato le modalità di bollo, l'applicazione sembra bloccarsi e dopo un po' esce un messaggio di "memoria esaurita".
In pratica, un componente del software Fedra denominato xml2txt.exe si avvia infinite volte fino a esaurire la memoria del PC.
Questo problema è dovuto alla libreria cygwin1.dll che viene distribuita insieme al Fedra Plus, di data e versione ormai obsolete.
Per risolvere il problema è sufficiente sostituire il file cygwin1.dll inserito nella distribuzione di Fedra Plus con una versione più moderna.

Abbiamo inserito un download nella sezione downloads del nostro sito con le istruzioni a questo indirizzo:
http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Downloads&d_op=viewdownloaddetails&lid=18&ttitle=CygWin_DLL_versione_2.4.1
 

  Metalli preziosi: Disponibile online la modulistica per la marcatura laser
Postato da claudio Venerdì, 01 aprile @ 00:00:12 CEST (1247 letture) (Leggi Tutto... | Metalli preziosi | Voto: 0)
Preziosi Sono stati pubblicati, sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, i moduli di domanda per le imprese orafe che scelgono di adottare la tecnologia laser per l’applicazione del marchio di identificazione sugli oggetti in metallo prezioso.
Al contempo, con la nota del 23 marzo 2016, Prot. 82934, sono stati indicati, in attesa del riordino complessivo di tali diritti, gli importi provvisori dei diritti di segreteria da corrispondere, da parte delle imprese orafe, per l'utilizzo della marcatura laser.


Con la citata nota ministeriale:
1) sono stati descritti nel dettaglio i diversi versamenti per diritti ed imposte che le imprese devono effettuare a seconda che utilizzino: solo la marcatura tradizionale; solo la marcatura laser; entrambe le marcature;
2) sono stati fissati, in via provvisoria e salvo conguaglio, i seguenti importi dei diritti di segreteria:
a) nel caso di richiesta del token USB: euro 70,00, per ciascun token;
b) per l’attivazione del servizio di marcatura laser: euro 155,00;
c) per il rinnovo del servizio: euro 77,00.

Nella nota ministeriale vengono, infine, fatte due precisazioni:
1) Le imprese orafe che intendono richiedere la marcatura laser saranno comunque tenute al versamento anche del diritto di saggio e marchio previsto dall’articolo 7 del D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 251. Tale diritto di saggio e marchio sarà dovuto in fase di richiesta di assegnazione del marchio di identificazione e, poi, annualmente (entro il 31 gennaio di ciascun anno), nella misura del 50%, per il rinnovo dell'assegnazione.
2) Le imprese che scelgano solo la marcatura laser, non saranno tenute al versamento della sola tariffa per allestimento dei punzoni.

. Se vuoi approfondire l'argomento e scaricare il testo della nota ministeriale e la MODULISTICA per la marcatura laser, clicca QUI.
 

  MARCHIO DELL’UNIONE EUROPEA: In vigore il Regolamento UE 2015/2424
Postato da claudio Venerdì, 25 marzo @ 15:47:36 CET (1338 letture) (Leggi Tutto... | MARCHIO DELL’UNIONE EUROPEA | Voto: 0)
Brevetti4 Dal 23 marzo 2016 è in vigore il nuovo Regolamento (UE) 2015/2424, del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2015, sui marchi dell’Unione europea, che modifica il regolamento n. 207/2009 sul marchio comunitario.
Il regolamento fa parte di un più ampio pacchetto sulla modernizzazione del sistema dei marchi, che è completato dalla Direttiva UE 2015/2436, del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2015, volta all’armonizzazione delle legislazioni nazionali, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro il 14 gennaio 2019.


Queste le principali novità introdotte dal regolamento:
- la denominazione «marchio comunitario» viene sostituita da quella di «marchio dell’Unione europea»; il termine «tribunale dei marchi comunitari» è sostituito da «tribunale dei marchi dell'Unione europea»;
- l’«Ufficio per l’armonizzazione nel mercato interno» (UAMI) diventa l' «Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale» (EUIPO);
- viene modificato il sistema delle tasse per la registrazione: il nuovo sistema prevede una tassa per ogni classe richiesta (“one-fee-per-class”);
- vengono ridotte le tasse di rinnovo e quelle per le domande di opposizione, di cancellazione e ricorso;
- semplificate le procedure per la registrazione; in particolare, viene eliminato il requisito della rappresentazione grafica per la registrazione;
- introdotte specifiche disposizioni per migliorare la protezione contro la contraffazione.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del Regolamento (UE) 2015/2424 e della Direttiva UE 2015/2436, clicca QUI.

. Se vuoi accedere al sito dell'EUIPO (Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale) - Ex UAMI, clicca QUI.
 

  START UP INNOVATIVE: Cancellazione dalla sezione speciale per decorrenza dei termini
Postato da claudio Martedì, 22 marzo @ 12:02:32 CET (1307 letture) (Leggi Tutto... | START UP INNOVATIVE | Voto: 0)
Start Up Trattandosi di provvedimento necessitato ed inderogabile, dipendente dal combinato disposto del dettato normativo e del decorso del tempo, l’ufficio può procedere autonomamente alla cancellazione dalla sezione speciale, previa “notifica di cortesia” all’impresa da effettuarsi tramite PEC.
E’ questa la posizione del Ministero dello Sviluppo Economico, espressa con il Parere n. 79330 del 21 marzo 2016, inviato in risposta ad un quesito posto da una Camera di Commercio in merito alla cancellazione delle Start-up innovative per decorrenza del termine di applicabilità delle disposizioni normative in materia di Start-up.


Il Ministero, con il citato parere, ha rilevato quanto segue:
a) il controinteresse dell’impresa, che giustificherebbe la complessa procedura prevista dall’art. 2190 C.C., nella fattispecie prospettata non si manifesta. Infatti, il decorrere del tempo e quindi il consolidarsi dell’evento della decorrenza del termine di applicabilità delle disposizioni normative in materia di Start-up, che la legge stessa prevede come estinguente l’iscrizione in sezione speciale della società, non ammette controdeduzioni da parte dell’impresa stessa;
b) le comunicazioni sulla decadenza non sono “periodiche”, ma rispondono a un calendario previsto per legge.
In conseguenza di quanto esposto, l’ufficio potrà procedere autonomamente alla cancellazione dalla sezione speciale.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo del nuovo parere ministeriale, clicca QUI.
 

  BILANCI: Disponibile il nuovo Manuale Operativo 2016
Postato da claudio Lunedì, 21 marzo @ 18:28:41 CET (1251 letture) (Leggi Tutto... | BILANCI | Voto: 0)
Bilanci Con lo scopo di dettare linee guida uniformi di comportamento su scala nazionale, il sistema camerale e il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (CNDCEC), hanno pubblicato il “Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al Registro delle imprese - Campagna bilanci 2016”, al fine di facilitare le società e i professionisti nell'adempimento degli obblighi pubblicitari.
La guida descrive le modalità di compilazione della modulistica elettronica e di deposito telematico dei Bilanci e degli Elenchi Soci nel 2016.

Ricordiamo che l'obbligo del deposito in formato XBRL dei bilanci per le società di capitali e cooperative è in vigore dal 2010, come previsto dal D.P.C.M. del 10 dicembre 2008 e che la tassonomia da utilizzare per la formazione delle istanze XBRL per il 2016 è la versione "2015-12-14".

. Se vuoi scaricare il testo del Manuale operativo 2016, clicca QUI.

. Per la tassonomia da utilizzare per la formazione delle istanze XBRL per il 2016, clicca QUI.

. Se vuoi approfondire l’argomento relativo al deposito dei bilanci nel Registro delle imprese, clicca QUI.
 

  DURC ON LINE: On line il nuovo modello per l’autocertificazione
Postato da claudio Domenica, 20 marzo @ 01:24:31 CET (1396 letture) (Leggi Tutto... | DURC ON LINE | Voto: 0)
DURC La Direzione Generale per l’attività ispettiva del Ministero del Lavoro, con la nota del 15 marzo 2016 n. 5081, indirizzata alle Direzioni territoriali ed interregionali del lavoro, ha comunicato l’adozione di una nuova versione del modello attraverso il quale i datori di lavoro sono chiamati a dichiarare la non commissione di illeciti ostativi al rilascio del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

Questo nuovo modello sostituisce il precedente e dovrà essere utilizzato dai datori di lavoro, oltre che per le nuove autocertificazioni decorrenti dalla data del 15 marzo 2016, anche per quelle già trasmesse in data successiva al 1° luglio 2015 (data di entrata in vigore del decreto) con il modello precedente.
Il modello reso disponibile è in formato pdf compilabile.
Una volta compilata, la dichiarazione va trasmessa a mezzo fax, raccomandata, posta elettronica o PEC alla Direzione Territoriale del Lavoro (DTL) competente.

. Per un approfondimento dell’argomento e per scaricare il testo della Nota ministeriale e del nuovo modello, clicca QUI.
 

  CAMERE COMMERCIO - TRIBUNALI: Vademecum dal Ministero della Giustizia per depositi telematici
Postato da claudio Mercoledì, 09 marzo @ 18:32:22 CET (1159 letture) (Leggi Tutto... | CAMERE COMMERCIO - TRIBUNALI | Voto: 0)
R.I. Con l’intento di rendere telematici i flussi relativi al deposito di atti, comunicazioni e notificazioni relativi alla tenuta del Registro delle imprese, tra la Camera di Commercio e il Giudice del registro, il Ministero della Giustizia, in data 1° marzo 2016, ha diffuso la circolare del 22 febbraio 2016, Prot. 23750, comunicando che è ora possibile procedere con l’avvio del deposito telematico dalle Camere di Commercio al Giudice del Registro ed emanando a tal proposito un “vademecum operativo”.

L’avvio del deposito telematico dalle Camere di Commercio al Giudice del registro riguarderà i seguenti atti:
1) Ricorsi ex art. 2190 Codice civile, relativi ad omissioni di iscrizioni obbligatorie da effettuarsi nel Registro delle imprese;
2) Ricorsi ex art. 2191 Codice civile, relativi ad iscrizioni atipiche avvenute nel Registro delle imprese;
3) Ricorsi ex D.P.R. n. 247/2004;
4) Ricorsi per cancellazioni ex art. 2490 Codice civile;
5) Memorie autorizzate dal Giudice;
6) Istanze varie (Revoche e rettifiche ex art. 742 Codice procedura civile; Istanze varie su ricorsi già inviati).
Per i requisiti richiesti da parte delle Camere di Commercio, per la procedura di deposito e per il flusso di invio delle notifiche tra le Cancellerie dei Tribunali e i funzionari della Camera si rimanda a quanto descritto nel “vademecum”.

In questa prima fase sperimentale sono coinvolte solo le seguenti cinque Camere di Commercio: Bologna, Catania, Firenze, Milano, Roma, le quali verranno supportate da InfoCamere per gli aspetti operativi.

. Se vuoi approfondire l’argomento e scaricare il testo della circolare ministeriale, clicca QUI.
 

  Novità
Newsletter n. 33/2016 
E' in rete la newsletter n. 33 del 30 Settembre 2016.
 





Collegato agricoltura 
Pubblicata la Legge 28 luglio 2016, n. 154, recante "Deleghe al Governo e ulteriori disposizioni in materia di semplificazione, razionalizzazione e competitività dei settori agricolo e agroalimentare, nonché sanzioni in materia di pesca illegale ".
 





Pubblicato decreto che apporta modifiche ai modelli dei certificati tipo 
E’ stato pubblicato il Decreto 24 giugno 2016 con il quale sono stati adottati: a) i nuovi modelli tipo per il rilascio da parte degli uffici del Registro delle imprese dei certificati previsti dall'art. 2 del D.P.R. 7 dicembre 1995, n. 581 (ALLEGATI A, B, C e D); b) il modello per il rilascio da parte dell'Ufficio del Registro delle imprese della ricevuta di accettazione della Comunicazione Unica per la nascita dell'impresa (ALLEGATO E).
 





NUOVA CONFERENZA DEI SERVIZI 
E’ stato pubblicato il Decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126, che riordina l'isituto della Conferenza dei Servizi. 




NUOVA SCIA 
E’ stato pubblicato Decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126, che riordina l'sitituto della SCIA (Segnalzione certificata di inizio attività. 




DIPENDENTI PUBBLICI - Pubblicato il decreto che apporta modifiche in materia di licenziamento disciplinare 
E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28 giugno 2016, il Decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, recante “Modifiche all'articolo 55-quater del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di licenziamento disciplinare”.
 





Riforma Terzo settore 
E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 140 del 17 giugno 2016, la Legge 6 giugno 2016, n. 106, recante “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale”.
 





MODULISTICA REGISTRO IMPRESE 
Aggiornate le istruzioni per la compilazione della modulistica per gli adempimenti di pubblicità legale verso il Registro delle imprese ed il REA.
 





LAVORI PUBBLICI 
Dal 19 aprile 2016 al via il nuovo CODICE DEGLI APPALTI PUBBLICI, approvato con il Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50.
 





INTERESSI LEGALI 
Cala nuovamente la percentuale del tasso degli interessi legali che, a partire dal 1° gennaio 2016, passa dall'attuale 0,5% allo 0,2%, in ragione d'anno.
 





MUD 2016 
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 26 dicembre 2015, il D.P.C.M. 21 dicembre 2015, recante l'approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) per l'anno 2016. 




CENTRI ESTETICI 
E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 Dicembre 2015, il Decreto Interministeriale 15 ottobre 2015, n. 206, recante l'aggiornamento dell'elenco degli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l'attività di estetista. 




Nuova Tassonomia XBRL 
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015, il COMUNICATO del Ministero dello Sviluppo Economico contenente l’avviso relativo alla pubblicazione delle nuove tassonomie XBRL 2015-12-14. 




SISTRI - Prorogato il periodo transitorio 
L'articolo 9 del Decreto-Legge 30 dicembre 2015, n. 210 (c.d. “Decreto Milleproroghe”) ha previsto la proroga di un anno del termine per l’adeguamento del SISTRI e del termine finale di efficacia del contratto con Selex. 




LEGGE DI STABILITA' 2016 
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015 (Supplemento Ordinario n. 70), la Legge 30 dicembre 2015, n. 208, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”.
 





Diritto annuale per il 2016 
Fissati gli importi relativi al diritto annuale dovuto dai soggetti obbligati per l'anno 2016 alla Camera di Commercio.
 





Startup - Online il rapporto trimestrale 
Online il rapporto trimestrale sulle startup per il 3° trimestre 2015.
 





JOBS ACT 
Pubblicati, sulla Gazzetta Ufficiale n. 221 del 23 settembre 2015, gli ultimi quattro decreti attuativi della legge n. 183 del 2014 (Jobs Act). 




AGRICOLTURA SOCIALE 
E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 208 del 8 settembre 2015, la Legge 18 agosto 2015, n. 141, recante “Disposizioni in materia di agricoltura sociale”.  




Varata la riforma della P.A. 
E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 187 del 13 agosto 2015, la LEGGE 7 agosto 2015, n. 124, recante “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”.
 





Legge Europea 2014 
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 3 agosto 2015, la Legge 29 luglio 2015, n. 115 - Legge europea 2014.  




Legge di delegazione europea 2014 
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 176 del 31 luglio 2015, la LEGGE 9 luglio 2015, n. 114 - Legge di delegazione europea 2014. 




Split Payment 
Pubblicato il decreto 23 gennaio 2015 con cui vengono dettati le modalità e i termini entro cui le Pubbliche Amministrazioni saranno tenute a versare direttamente all’erario l’IVA che è stata addebitata loro dai fornitori.  




ANTIMAFIA 
Dal 22 gennaio 2015 è in funzione la Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia prevista dal codice antimafia, approvato con il D.Lgs. n. 159/2011.
 





MARCHI E BREVETTI 
A decorrere dal 2 febbraio 2015 è possibile procedere al deposito telematico, direttamente al Ministero dello Sviluppo Economico, delle domande di brevetto per invenzioni industriali e modelli di utilità, delle domande di registrazione di disegni e modelli e di marchi d’impresa, delle istanze connesse a dette domande e dei rinnovi dei marchi.
 





PMI INNOVATIVE 
Istituita una nuova tipologia di PMI, le “PICCOLE E MEDIE IMPRESE INNOVATIVE”, estendendo loro parte delle facilitazioni previste per le Start-up innovative.
Prevista l'iscrizione in una apposita sezione speciale del Registro delle imprese.
 





DOCUMENTO INFORMATICO 
E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 12 gennaio 2015, il D.P.C.M. 13 novembre 2014, recante le regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonche' di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni. 




Semplificazioni e agevolazioni fiscali 
E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 28 novembre 2014, il Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, recante “Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata”.
 





"Sblocca Italia" 
Pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 262, la LEGGE 11 novembre 2014, n. 164, di conversione del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133. 




Riforma della giustizia civile 
Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 10 novembre 2014 - Supplemento Ordinario n. 84, la LEGGE 10 novembre 2014, n. 162, di conversione del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132. 




Legge europea 2013-bis 
Pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 10 novembre 2014 - Supplemento Ordinario n. 84) la LEGGE 30 ottobre 2014, n. 161 - Legge europea 2013-bis.  




Sblocca Italia e giustizia 
Pubblicati, sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 12 settembre 2014, i due decreti legge n. 132 e 133 riguardanti, rispettivamente, la giustizia civile e il c.d. "decreto Sblocca Italia". 




L. n. 116/2014 
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 192 del 20 agosto 2014, la LEGGE 11 agosto 2014, n. 116, di conversione del D.L. 24 giugno 2014, n. 91.
 





L. n. 114/2014 
Pubblicata la legge 11 agosto 2014, n. 114 di conversione del D.L. n. 90/2014 sulla semplificazione e trasparenza amministrativa, in vigore dal 19 agosto 2014. 




Il Decreto Cultura è legge 
Pubblicata la LEGGE 29 luglio 2014, n. 106, di conversione in legge del D.L. n. 83/2014 (c.d. "Decreto Cultura"). 




Rilancio del turismo 
E’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2014, il Decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, recante “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo”. 




JOBS ACT 
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 114 del 19 maggio 2014, la LEGGE 16 maggio 2014, n. 78, di conversione del D.L. n. 34/2014, recante disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell'occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese. 




DURC - Solo per PEC 
Dal 2 settembre 2013, la trasmissione del DURC avverrà esclusivamente tramite lo strumento della PEC. 




Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) 
Pubblicato il Regolamento che detta la disciplina dell'autorizzazione unica ambientale (A.U.A.) e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese. 




La PEC ai cittadini 
E' stato pubblicato il D.P.C.M. 6 maggio 2009, con il quale vengono dettate le modalità di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. 




Servizi metrici 
Stipulato un accordo tra UnionCamere e ANCI sull'affidamento temporaneo alle Camere di Commercio dei servizi metrici da parte dei Comuni. 




Albo nazionale gestori ambientali - Gestione telematica 
Con deliberazione n. 2 del 12 ottobre 2007, il Comitato nazionale dell'Albo nazionale gestori ambientali ha approvato il regolamento relativo alla gestione telematica delle domande e delle comunicazioni relative all'iscrizione, nonché delle visure, elenchi e certificazioni relative alle imprese iscritte all'Albo. 




Rifiuti - Gestione dei RAEE 
Istituito, con decreto del 25 Settembre 2007, il Comitato di vigilanza e di controllo sulla gestione dei RAEE. 




Autorizzazione Integrata Ambientale 
Pubblicato il decreto 7 febbraio 2007, che stabilisce il formato e le modalità per la presentazione della domanda di autorizzazione integrata ambientale (AIA) di competenza statale. 




Borsa Merci Telematica Italiana 
Approvato, dalla Deputazione Nazionale, il Regolamento Generale della Borsa Merci Telematica Italiana. 




Tariffe metriche 
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 31 del 7 febbraio 2007, il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 7 dicembre 2006, che fissa i criteri che devono essere seguiti ai fini della determinazione delle tariffe metriche. 





Visualizza tutti

  Prossimi 1 Eventi

Avvii
Convegni e seminari
Entrata in vigore
Proroghe e rinvii
Scadenze

  Login
Nickname

Password

Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza
Immetti Codice di Sicurezza

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

  Chi è online?
In questo momento ci sono, 46 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

  Vedi anche...
LA TUA EUROPA

LA TUA EUROPA
Aiuto e consigli per i cittadini dell'UE e la loro famiglia



Eur-Lex Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea

EUR-Lex
Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea



Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana


NORMATTIVA

NORMATTIVA
Archivio degli atti normativi numerati in versione "vigente" e "multivigente"



PARLAMENTO ITALIANO

PARLAMENTO ITALIANO



GOVERNO ITALIANO

GOVERNO ITALIANO
Presidenza del Consiglio dei Ministri



Corte Costituzionale della Repubblica Italiana

Corte Costituzionale della Repubblica Italiana


 Corte Suprema di Cassazione
Corte Suprema di Cassazione



 Consiglio di Stato
Consiglio di Stato



MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA



MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE



MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI



MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO



DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA



DIPARTIMENTO POLITICHE EUROPEE

DIPARTIMENTO POLITICHE EUROPEE



AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE



INPS – Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

INPS - Istituto Nazionale della Previdenza Sociale



INAIL - Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

INAIL - Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro



AGENZIA PER L’ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L’ITALIA DIGITALE



ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione

ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione



Commentario breve al Codice Civile
Commentario breve al Codice Civile
Cian - Trabucchi
CEDAM



Codice Civile commentato
Codice Civile Commentato
Mariconda - Alpa
IPSOA



Rivista Il Fallimento IPSOA
IL FALLIMENTO e le altre procedure concorsuali
Mensile di giurisprudenza e dottrina



LA LEGGE FALLIMENTARE
LA LEGGE FALLIMENTARE
Commentario teorico-pratico



Codice commentato del fallimento
Codice commentato del fallimento



LE SOCIETA' Rivista di diritto e pratica commerciale societaria e fiscale
LE SOCIETA'
Rivista di diritto e pratica commerciale societaria e fiscale



ATTI SOCIETARI Formulario commentato
ATTI SOCIETARI
Formulario commentato



Commentario breve al <BR>DIRITTO DELLE SOCIETA’
Commentario breve al
DIRITTO DELLE SOCIETA’



Azienditalia Enti Locali
AZIENDITALIA ENTI LOCALI
Mensile per gli enti locali e loro aziende



TESTO UNICO DEGLI ENTI LOCALI COMMENTATO
TESTO UNICO DEGLI ENTI LOCALI COMMENTATO
Maggioli Editore



RIFIUTI<br> Bollettino di informazione normativa
RIFIUTI
Bollettino di informazione normativa



DISCIPLINA DEL COMMERCIO E DEI SERVIZI
DISCIPLINA DEL COMMERCIO E DEI SERVIZI
Trimestrale di dottrina, giurisprudenza, legislazione



MANUALE DELLE ATTIVITA’ COMMERCIALI
MANUALE DELLE ATTIVITA’ COMMERCIALI
Maggioli Editore



COMMERCIO & ATTIVITA’ PRODUTTIVE
COMMERCIO & ATTIVITA’ PRODUTTIVE
Mensile in materia di commercio, pubblici esercizi, attività economiche, turismo e servizi locali



SCIA
LA SCIA
Guida all'utilizzo nelle attività economiche, nei procedimenti di polizia amministrativa e nell'edilizia



Prontuario di Polizia Amministrativa
Prontuario di Polizia Amministrativa e delle leggi di pubblica sicurezza



APPALTI & CONTRATTI
APPALTI & CONTRATTI
Rivista mensile di approfondimento sulla contrattualistica pubblica



TESTO UNICO DI PUBBLICA SICUREZZA
TESTO UNICO DI PUBBLICA SICUREZZA
T.U.L.P.S. e Regolamento annotati con la giurisprudenza e leggi complementari
Con Codici Penale e di Procedura Penale


  Dona con PayPal!
Se ritieni che il lavoro che facciamo sia utile, valido e soprattutto soddisfi le tue aspettative professionali e vuoi dimostrare il tuo apprezzamento e sostegno con una donazione a piacere, utilizza il bottone "Donazione" qui sotto.
GRAZIE!
© 2006-2014 by L. Maurizi & C. Venturi
© 2002-2005 by Leaff Engineering
Ottimizzazione per motori di ricerca grazie a sitemapper script
Potete collegare le nostre news sul vostro sito usando il file backend.php or ultramode.txt
Questo sito contiene link a indirizzi web esterni. Gli autori del sito non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei siti raggiungibili attraverso questi link.
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.520 Secondi