Benvenuto su TuttoCamere.it Benvenuto su TuttoCamere.it  
  Registrati gratuitamente! Home  ·  Argomenti  ·  Stats  ·  Il tuo account  ·  Inserisci Articolo  ·  Top 10  

  Mappa del Sito
· Home
· Archivio Notizie
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Cerca
· Contenuti
· Downloads
· FAQ
· Feedback
· Il Tuo Account
· La Camera di Commercio
· Link Utili
· Messaggi Privati
· Proponi Notizia
· Raccomanda questo sito
· Sondaggi
· Top 10

  Cerca con Google
Google
Web www.tuttocamere.it

  Sponsor

  Accorpamenti CCIAA
Gli accorpamenti delle Camere di Commercio
La riforma delle Camere di Commercio
Gli accorpamenti

  Software e servizi
La CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI
LA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI delle Camere di Commercio d’Italia



FIRMA DIGITALE

FIRMA DIGITALE
Dike 6 e Business key
Il software di firma digitale



COMUNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA D'IMPRESA
Registro imprese, Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP

Versione corrente 1.3.0


FedraPlus
FedraPlus
Software per la compilazione della pratica Registro imprese

Versione corrente 06.94.04


COMUNICA Starweb
COMUNICA Starweb
Il servizio per la compilazione della Comunicazione Unica

Versione corrente 3.6.7


L'ufficio online del Registro delle imprese

REGISTROIMPRESE.IT
L'ufficio online del Registro delle imprese
I dati ufficiali delle Camere di Commercio



Impresa in un giorno

Impresa in un giorno
La tua scrivania telematica
Gestisci online le pratiche per la tua attività



La pubblica amministrazione per l''impresa

La Pubblica Amministrazione per l''impresa

Nuovo accesso federato di Impresa.gov.it e Impresainungiorno.gov.it.


La posta certificata di Infocamere

PEC LEGALMAIL
La posta certificata di Infocamere



INI PEC

Qui puoi cercare gli indirizzi PEC di imprese e professionisti italiani



 SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID
Sistema Pubblico di Identità Digitale



I CONTO

”ICONTO”
Il conto per i pagamenti verso le Camere di Commercio e le altre PP.AA.



Incentivi.gov.it

INCENTIVI.GOV.IT
Al cuore dello sviluppo



BENVENUTA IMPRESA

BENVENUTA IMPRESA
I servizi camerali per l’impresa digitale



IMPRESA.ITALIA.IT

IMPRESA.ITALIA.IT
Un nuovo servizio per il cittadino imprenditore



DIRITTO ANNUALE – Calcola e Paga on line

DIRITTO ANNUALE CAMERALE – Calcola e Paga on line



ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione

ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione



FATTURAZIONE ELETTRONICA
FATTURAZIONE ELETTRONICA
Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. semplice e sicuro
Scopri Legalinvoice



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Servizio InfoCamere



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Sistema di interscambio



Cert.Impresa

Cert.Impresa



NoiPA

NoiPA
Servizi PA a Persone PA



LINEA AMICA

LINEA AMICA
Il portale degli italiani



Italia Sicura

ItaliaSicura
La mappa dei cantieri antidissesto



SoldiPubblici
Soldi Pubblici
Scopri quanto spende chi e per cosa.



VerifichePA

Il servizio delle Camere di Commercio per le PP.AA. per la verifica dell’autocertificazione d’impresa



Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa

Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa



Logo UnionCamere

Il portale delle Camere di Commercio d'Italia



Vorld Pass

Servizio di Conciliazione delle Camere di Commercio



Vorld Pass

ConciliaCamera
Il tuo spazio per la mediazione online



WORLD PASS

Scopri come internazionalizzare la tua impresa



DESTINAZIONE ITALIA

Aprire l’Italia ai CAPITALI e ai TALENTI del mondo



INDUSTRIA 4.0

INDUSTRIA 4.0
Piano nazionale Industria 4.0



PID

PID
Punto Impresa Digitale



Qui si parla di Start-up innovativa

Percorso per creare una Start-up innovativa



CONTRATTI DI RETE<br> COLLABORARE PER COMPETERE

CONTRATTI DI RETE
Portale che sostiene la nascita e lo sviluppo delle reti d’impresa in Italia



PROGETTO EXCELSIOR
PROGETTO EXCELSIOR
I programmi occupazionali delle imprese rilevati dal sistema delle Camere di Commercio



CRESCERE IN DIGITALE

CRESCERE IN DIGITALE
Entra nel mondo del lavoro digitale
Formazione e tirocini per i giovani



ECCELLENZE IN DIGITALI

ECCELLENZE IN DIGITALE
Sviluppa le tue competenze digitali



GARANZIA GIOVANI

GARANZIA GIOVANI
Un’impresa per il tuo futuro



Registro delle imprese storiche italiane

Registro delle imprese storiche italiane



Registro nazionale per l’alternanza <br>SCUOLA LAVORO

Registro nazionale per l’alternanza
SCUOLA LAVORO
Il portale delle Camere di Commercio

  ALTRI ORGANISMI
UNIONCAMERE
UNIONCAMERE
Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura



STARnet

La rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio



INFOCAMERE

INFOCAMERE
Società in-house delle Camere di Commercio italiane



UNIVERSITA’ MERCATORUM

L’Università di tutte le aziende italiane
La prima Startup University tutta italiana



ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE

ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE
Per la promozione della cultura economica

Fondazione di Unioncamere

  REGISTRO IMPRESE

Camera di Commercio di Sassari
IL REGISTRO DELLE IMPRESE NELLA GIURISPRUDENZA
Raccolta delle più importanti pronunce dei Giudici del Registro delle imprese dal 1996 in poi.

  ISTAT
ISTAT
Indice Nazionale dei prezzi al consumo



ISTAT
Classificazione delle attività economiche
ATECO 2007



Noi Italia

100 statistiche
per capire il Paese in cui viviamo

  ITALIA.IT
Sito ufficiale del turismo in Italia
Sito ufficiale del turismo in Italia

  Dona con PayPal!
Se ritieni che il lavoro che facciamo sia utile, valido e soprattutto soddisfi le tue aspettative professionali e vuoi dimostrare il tuo apprezzamento e sostegno con una donazione a piacere, utilizza il bottone "Donazione" qui sotto.
GRAZIE!

  Meteo Italia
Servizio Meteorologico Aeronautica
Servizio Meteorologico dell'aeronautica

  AvventuraMarche
... scopri il fascino di questa meravigliosa regione? AvventuraMarche.it

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatevi su dove volete andare

FARNESINA
Informatevi su dove volete andare

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatici dove siete nel mondo

FARNESINA
Informateci dove siete nel mondo
TuttoCamere.it FAQ (Frequently Asked Questions)



Categoria: Principale -> Commercio al dettaglio in sede fissa

Domanda
·  L’iscrizione al Registro Esercenti il Commercio per l’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande può costituire requisito professionale idoneo per esercitare l’attività di commercio al dettaglio o all’ingrosso di prodotti alimentari?
·  L'esercizio dell'attività artigianale di produzione e vendita di pasta all'uovo, esercitata per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, può essere ritenuto requisito professionale valido per l'esercizio dell'attività di vendita di prodotti alimentari?
·  La variazione della denominazione o della ragione sociale di una società che esercita il commercio al dettaglio deve essere comunicata al Comune? Se si con quale modello?
·  Nel caso di subingresso in un'attività di commercio al dettaglio di prodotti alimentari, per cessione o affitto di azienda, qual è la data di effettivo inizio dell'attività per il subentrante?
·  Si chiede se il titolare di una propria autonoma attività commerciale possa essere contemporaneamente designato “preposto” in una società, ai sensi dell’articolo 5, comma 6, del D. Lgs. n. 114/1998?
·  Si chiede se sia possibile accedere all’esercizio del commercio al dettaglio nel settore merceologico alimentare con il solo possesso del titolo di studio di Dottore agronomo e forestale.
·  Si chiede se sia consentito vendere in un’unica confezione e ad un unico prezzo prodotti appartenenti a settori merceologici diversi.
·  Essere in possesso dell’autorizzazione prevista dagli articoli 7, 8 e 9 del D. Lgs. n. 114 del 1998 abilita anche all’esercizio del commercio elettronico o deve essere presentata apposita comunicazione al Comune? Quali sono i requisiti richiesti per l’ese

Risposta
·  L’iscrizione al Registro Esercenti il Commercio per l’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande può costituire requisito professionale idoneo per esercitare l’attività di commercio al dettaglio o all’ingrosso di prodotti alimentari?

Tra i requisiti professionali necessari per poter esercitare l’attività di commercio all’ingrosso o al dettaglio di prodotti alimentari (espressamente stabiliti dall’art. 5 comma 5 del decreto “Bersani", n. 114/1998, recante “Riforma della disciplina relativa al settore del commercio”) si parla di iscrizione nel Registro Esercenti il Commercio per il commercio relativo ad uno dei gruppi merceologici alimentari previsti dal D. M. n. 375/1988 (regolamento di attuazione della legge 426/1971 sulla disciplina del commercio, entrambi abrogati), e precisamente: prodotti alimentari, prodotti ortofrutticoli e dolciumi (tabelle I, VI e VII), carni e prodotti ittici (tabelle II, III, IV e V), prodotti alimentari e non, venduti da supermercati (tabella VIII).
Pertanto, stante il tenore letterale della norma, l’iscrizione per la somministrazione di alimenti e bevande non può essere considerata come requisito professionale idoneo per poter svolgere il commercio all’ingrosso o al dettaglio di prodotti alimentari.

[ Torna Su ]

·  L'esercizio dell'attività artigianale di produzione e vendita di pasta all'uovo, esercitata per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, può essere ritenuto requisito professionale valido per l'esercizio dell'attività di vendita di prodotti alimentari?

Al quesito ha risposto il Ministero dell'industria, con Parere del 3 dicembre 1999, n. 530923, sostenendo che il tenore della disposizione di cui all'articolo 5, comma 5, lett. b) del D. Lgs. n. 114/1998, facendo espressamente riferimento alle figure professionali e dipendenti alle quali applicare il riconoscimento del requisito, non consente una interpretazione estensiva.
La previsione di cui all'articolo 5, comma 5, lett. b) è finalizzata a garantire una idonea preparazione professionale ai futuri esercenti l'attività commerciale nel settore alimentare a tutela dell'esercizio dell'attività nello specifico settore, nonché a tutela del consumatore.
Le funzioni svolte nell'ambito della produzione e della manipolazione da parte degli artigiani iscritti all'Albo sono, invece, spesso limitate a determinate e specifiche tipologie di prodotti, senza che venga acquisita una qualificazione professionale non correlabile con tutti i prodotti appartenenti al settore alimentare.
Pertanto, secondo l’interpretazione del Ministero, non da tutti condivisa, l'esercizio dell'attività artigianale di produzione e vendita di pasta all'uovo, esercitata per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, non può essere ritenuto requisito professionale valido per l'esercizio dell'attività di vendita di prodotti alimentari.

[ Torna Su ]

·  La variazione della denominazione o della ragione sociale di una società che esercita il commercio al dettaglio deve essere comunicata al Comune? Se si con quale modello?

Il cambiamento della denominazione o della ragione sociale di una società che svolge attività commerciale non è soggetto ad alcuna comunicazione, in quanto il D. Lgs. n. 114/1998 non prescrive alcun obbligo di presentare al Comune, territorialmente competente, questo tipo di variazione. Per questo motivo, nei modelli di comunicazione al Comune non è stato previsto questo caso.
Gli attuali modelli (anche nella nuova versione approvata dalla Conferenza Stato-Regioni con deliberazione n. 344 del 12 ottobre 2000 – pubblicata nel Suppl. Ord. alla G.U. n. 294 del 18 dicembre 2000) prevedono, in applicazione delle disposizioni di cui agli articoli 7, 8 e 9, comma 1, D. Lgs. n. 114/1998, la comunicazione delle sole seguenti variazioni: il trasferimento di sede, l’ampliamento o la riduzione della superficie di vendita, la variazione del settore merceologico.
D'altra parte, bisogna anche far presente, che attualmente nessuna norma prevede che il Registro delle imprese, a cui viene obbligatoriamente comunicato questo tipo di variazioni, debba a sua volta comunicarle d’ufficio ai Comuni interessati.

[ Torna Su ]

·  Nel caso di subingresso in un'attività di commercio al dettaglio di prodotti alimentari, per cessione o affitto di azienda, qual è la data di effettivo inizio dell'attività per il subentrante?

L'art. 26, comma 5, che il D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 114 prevede l'obbligo di comunicare al Comune, territorialmente competente, i casi di trasferimento della gestione o proprietà dell'esercizio commerciale, per atto tra vivi o mortis causa, nonché la cessazione relativa agli esercizi di cui agli artt. 7 (esercizi di vicinato), 8 (m3edie strutture di vendita) e 9 (grandi strutture di vendita).
Circa le modalità di adempimento di tale obbligo, la norma fa riferimento all'art. 7, comma 1 e 2, del decreto stesso. Il primo comma dell'art. 7 riguarda l'apertura, il trasferimento di sede e l'ampliamento degli esercizi di vicinato, e prevede un termine di 30 giorni, dal momento del ricevimento della comunicazione, prima che il richiedente possa procedere all'apertura, al trasferimento o ampliamento dell'esercizio. Mentre il secondo comma del medesimo articolo riguarda il contenuto della comunicazione.
La Circolare MICA n. 3467/c del 28 maggio 1999 ha chiarito che i subingressi sia tra vivi che mortis causa vanno considerati come modificazioni meramente soggettive, mentre nessuna modificazione interviene con riguardo all'azienda commerciale. Quindi in tali casi non vi è alcuna nuova apertura. Ciò comporta che il riferimento all'art. 7, commi 1 e 2, vada fatto per le disposizioni applicabili alla fattispecie in esame ed in particolare l'art. 7, comma 1, si ritiene applicabile unicamente alla comunicazione al Comune senza necessità dell'attesa dei 30 giorni in quanto, trattandosi di subingresso nella medesima attività commerciale, l'attesa del suddetto termine contrasterebbe con evidenti ragioni di continuità economica.
Per quanto concerne la data di inizio attività, pertanto, si può concludere che potrà coincidere con la data di avvenuta comunicazione al Comune o comunque successiva alla stessa.

[ Torna Su ]

·  Si chiede se il titolare di una propria autonoma attività commerciale possa essere contemporaneamente designato “preposto” in una società, ai sensi dell’articolo 5, comma 6, del D. Lgs. n. 114/1998?

Il disposto di cui al comma 6, dell’articolo 5, del D. Lgs. n. 114/1998, nel quale si dispone che “In caso di società il possesso di uno dei requisiti di cui al comma 5 è richiesto con riferimento al legale rappresentante o ad altra persona specificamente preposta all'attività commerciale”, si riferisce al possesso del requisito professionale necessario ai fini dell’esercizio dell’attività di commercio relativa al settore alimentare, pertanto, nel caso in cui l’attività commerciale sia imputabile ad una società, tale requisito deve essere posseduto dal legale rappresentante o da un’altra persona “specificamente preposta all’attività commerciale”.
Il Ministero delle attività produttive, a tale riguardo, ha più volte ribadito (si vedano: Circ. n. 3467/C del 28 maggio 1999; Parere n. 506389 del 10 maggio 2001) che tale persona deve essere designata con un apposito atto e che, in considerazione della specificità richiesta dalla disposizione, non si può consentire che un medesimo preposto sia nominato per più società.
Nel caso specifico, poi, essendo chiaro come la finalità della norma non sia solo quella di far sì che all’interno di una società vi sia una persona che possegga i requisiti previsti per il settore alimentare ma sia piuttosto quella di richiedere la specificità dell’attribuzione della funzione, ne deriva – conclude il Ministero - che la stessa norma non può consentire al titolare di un’attività commerciale in proprio di essere contemporaneamente preposto all’attività commerciale di una società.

[ Torna Su ]

·  Si chiede se sia possibile accedere all’esercizio del commercio al dettaglio nel settore merceologico alimentare con il solo possesso del titolo di studio di Dottore agronomo e forestale.

Al quesito ha recentemente risposto il Ministero delle attività produttive con Parere n. 509913 del 25 luglio 2001, esprimendosi in senso negativo.
L’articolo 5, comma 5 del D. Lgs. n. 114/1998 stabilisce, infatti, che l’esercizio, per qualsiasi forma, di un’attività di commercio relativa al settore merceologico alimentare, è consentito esclusivamente a chi è in possesso di uno dei seguenti tre requisiti:

  1. aver frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio relativo al settore merceologico alimentare;
  2. aver esercitato in proprio, per almeno due anni nell’ultimo quinquennio, l’attività di vendita di prodotti alimentari;
  3. essere stato iscritto nell’ultimo quinquennio al Registro degli esercenti il commercio per uno dei gruppi merceologici relativi al settore alimentare.
Mentre la precedente normativa consentiva in qualche modo di valutare la congruità di determinati titoli di studio ai fini della iscrizione nel Registro degli esercenti il commercio, la nuova normativa prevede tassativamente queste tre sole tipologie di requisiti, e non consente di riconoscere altre modalità di accesso al settore.
Il fatto che la normativa attuale non riproponga la previgente possibilità di riconoscere eventuali titoli di studio posseduti dall’aspirante commerciante fa pensare ad una precisa scelta del legislatore che porta ad una conclusione obbligata che non può non essere questa: non è possibile accedere all’esercizio del commercio al dettaglio nel settore merceologico alimentare se non si possiede uno dei tre requisiti indicati al comma 5, dell’articolo 5 della riforma del commercio.
Dunque, per rispondere al quesito, l’iscrizione all’Albo dei Dottori agronomi e forestali non può farsi rientrare tra i requisiti professionali possibili ai fini dell’accesso all’attività di vendita dei prodotti appartenenti al settore merceologico alimentare.

[ Torna Su ]

·  Si chiede se sia consentito vendere in un’unica confezione e ad un unico prezzo prodotti appartenenti a settori merceologici diversi.

Nella precedente normativa esisteva una disposizione, contenuta nel comma 10, dell’articolo 56, del D.M. n. 375/1988, la quale consentiva tale possibilità, a condizione che l’esercente fosse autorizzato per la tabella merceologica a cui apparteneva il prodotti di maggior valore tra quelli contenuti nella confezione.
Nella nuova disciplina in materia di esercizio di attività commerciale non si trova più una analoga disposizione.
Il Ministero delle attività produttive ha trattato dell’argomento nel Parere del 18 giugno 2001, n. 508407, sostenendo che, considerato che tale pratica è ormai entrata nella prassi commerciale, si possa continuare la pratica della vendita in discorso, ma con una limitazione ben precisa: “nel caso di particolari ricorrenze e limitatamente al periodo temporale di durata della stessa”.
Resta comunque fermo, continua il Ministero, che nel caso in cui il prodotto di maggior valore contenuto nell’unica confezione, appartenga al settore merceologico alimentare, l’esercente:

  1. dovrà risultare legittimato a svolgere l’attività di vendita dei prodotti appartenenti a detto settore e che sia quindi in possesso dei requisiti professionali richiesti dall’articolo 5 del D. Lgs. n. 114/1998;
  2. non potrà prescindere dal rispetto delle disposizioni igienico sanitarie, anche nel caso in cui il prodotto alimentare non rappresenti quello di maggior valore.
Nel caso in cui la vendita in questione sia effettuata da un operatore non legittimato alla vendita di prodotti appartenenti al settore merceologico alimentare, nella confezione potranno essere utilizzati solo prodotti alimentari esclusivamente preconfezionati.

[ Torna Su ]

·  Essere in possesso dell’autorizzazione prevista dagli articoli 7, 8 e 9 del D. Lgs. n. 114 del 1998 abilita anche all’esercizio del commercio elettronico o deve essere presentata apposita comunicazione al Comune? Quali sono i requisiti richiesti per l’ese

Il D. Lgs. n. 114 del 1998, portante la riforma del commercio, contiene un esplicito riferimento al “commercio elettronico” solo nell’articolo 21. In tale articolo non viene dettata alcuna disciplina specifica, ma viene affidato al Ministero delle attività produttive un ruolo di promozione e di diffusione del commercio elettronico nella sua più ampia accezione.
Anche alla luce delle recenti posizioni assunte dall’Unione Europea, il competente Ministero ha fornito i primi chiarimenti interpretativi di tale articolo con la Circolare n. 3487/C del 1^ giugno 2000.
Bisogna subito evidenziare che il commercio elettronico, ossia l’attività commerciale svolta nella rete Internet mediante l’utilizzo di un sito Web, viene configurato come una “forma speciale di vendita al dettaglio” (art. 4, comma 1, lett. h), n. 3) e viene disciplinato autonomamente rispetto alle altre forme di attività del settore.
L’essere in possesso dell’autorizzazione prevista dall’articolo 7 (esercizio di vicinato), 8 (medie strutture di vendita) o 9 (grandi strutture di vendita) del D. Lgs. n. 114 del 1998 non abilita di per sé allo svolgimento del commercio elettronico. Pertanto chiunque intenda esercitare il commercio elettronico deve in ogni caso fare una specifica comunicazione al Comune, ai sensi dell’articolo 18 del citato decreto n. 114.
A suffragio di tale tesi possiamo ricordare il fatto che per tale comunicazione è stato predisposto un apposito modello (COM.6bis), le cui istruzioni per la compilazione sono state emanate con la Circolare del Ministero delle attività produttive n. 3543/C del 1^ marzo 2002.
Nella comunicazione deve essere dichiarata la sussistenza del possesso dei requisiti per l’esercizio dell’attività prescritti dall’articolo 5 del D. Lgs. n. 114 del 1998, nonché il settore merceologico di attività. Nel caso di attività relativa al settore merceologico alimentare, il soggetto dovrà, inoltre, essere in possesso di uno dei requisiti professionali indicati alle lettere a), b) e c) del comma 5, dell’articolo 5 del medesimo decreto.
Nel caso di società, il possesso di uno dei requisiti di cui al comma 5 è richiesto con riferimento al legale rappresentante o ad altra persona specificamente preposta all’attività commerciale.
Tale forma di vendita potrà essere effettuata decorsi trenta giorni dal ricevimento della comunicazione.
E’ vietato inviare prodotti al consumatore se non a seguito di specifica richiesta.
E’ consentito l’invio di campioni di prodotti o di omaggi al consumatore solo se non vi siano spese o vincoli a carico del medesimo.
Le violazioni alle disposizioni di cui all’articolo 18 sono punite con la sanzione amministrativa prevista all’articolo 22, comma 1, del D. Lgs. n. 114 del 1998.
Nel caso si tratti di commercio all’ingrosso, il soggetto dovrà semplicemente dichiarare, al momento dell’iscrizione nel Registro delle imprese, il possesso dei requisiti morali (nonché di quelli professionali, nel caso si tratti di prodotti alimentari), facendo uso di un apposito modello reperibile presso gli Uffici del Registro delle imprese.
L’operatore che intenda esercitare sia il commercio all’ingrosso che il commercio al dettaglio per via elettronica ha facoltà – secondo quanto espresso dal competente Ministero – di utilizzare un solo sito, “ma è tenuto a destinare aree del sito distinte per l’attività all’ingrosso e al dettaglio”, in modo da mettere il potenziale acquirente in condizione di individuare chiaramente le zone del sito destinate alle due tipologie di attività.
Ai fini della tutela del consumatore si applicano, anche in questo caso, le disposizioni contenute del D. Lgs. 15 gennaio 1992, n. 50 in materia di contratti negoziati fuori dai locali commerciali (art. 15, comma 7).

[ Torna Su ]



© 2006-2018 by L. Maurizi & C. Venturi
© 2002-2005 by Leaff Engineering
Informativa completa sul trattamento dei dati personali
Ottimizzazione per motori di ricerca grazie a sitemapper script
Potete collegare le nostre news sul vostro sito usando il file backend.php or ultramode.txt
Questo sito contiene link a indirizzi web esterni. Gli autori del sito non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei siti raggiungibili attraverso questi link.
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.082 Secondi