>>  Site Map >>  Content >>  Content Category #9

Requested content page:

<B>MANOVRE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO SVILUPPO - MANOVRE CORRETTIVE -- D.L. N. 78/2010 - D.L. N. 98/2011 - D.L. N. 138/2011 - D.L. N. 50/2017 </b>


<table width='100%' border=3>
<tr>
<TH align='center' bgcolor='#dddddd'>
<b>LA MANOVRA CORRETTIVA 2017 - D.L. N. 50/2017 CONVERTITO DALLA L. N. 96/2017</b> <BR>
</th>
</tr>
<tr>
<td><br>

<font class='special'><b>1. <u>24 APRILE 2017 - Pubblicato il D.L. n. 50/2017 - Manovra correttiva</b></u></font> <br><br>

E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24 aprile 2017 (Supplemento Ordinario n. 20) il <b>Decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50</b>, recante <i>"Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo"</i>.<br>
La manovra correttiva, approvata dal Consiglio dei Ministri nella seduta dell’11 aprile 2017, ammonta a 3,4 miliardi di euro.<br>
Il provvedimento contiene una serie articolata di misure in materia di entrate, enti territoriali, giustizia tributaria, in tema di sviluppo economico e infrastrutture, oltre ad interventi per accelerare la ricostruzione delle aree colpite dagli eventi sismici dello scorso anno.<br>
Tra le misure in tema di entrate segnaliamo:<br>
- Estensione dell'ambito di applicazione del c.d. “Split Payment” (meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA) anche alle operazioni effettuate nei confronti di altri soggetti che, a legislazione vigente, pagano l’imposta ai loro fornitori secondo le regole generali. La norma si applica dalle operazioni per le quali la fatturazione avviene a partire dal 1° luglio 2017.<br>
- Misure di contrasto alle compensazioni fiscali indebite (misure antifrode);
- Locazioni "brevi" con cedolare secca, dal 1° giugno 2017 sarà possibile tassare a cedolare secca, con l'aliquota del 21%, i redditi derivanti dai contratti di locazioni a breve. Per locazione "breve" si intendono i contratti di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni stipulati da persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività d'impresa, direttamente o tramite agenzie immobiliari.
- Aumento del prelievo sui giochi;<br>
- <b>Rideterminazione della base ACE</b> (Aiuto alla Crescita Economica).<br>
Viene previsto che, per la base di calcolo, occorrerà prendere a riferimento, non più gli incrementi netti del patrimonio rispetto a quelli esistenti al 31 dicembre 2010, ma gli incrementi netti rispetto alla dotazione esistente alla chiusura del quinto esercizio precedente. La modifica andrà considerata anche ai fini del calcolo degli acconti IRES dovuti per il 2017.<br>

- <b>Rottamazione delle liti pendenti</b>. Le controversie tributarie in cui è parte l'Agenzia Entrate, pendenti in ogni stato e grado del giudizio, possono essere definite col pagamento di tutti gli importi indicati nell'atto impugnato che hanno formato oggetto di contestazione in primo grado e degli interessi da ritardata iscrizione a ruolo. Possono essere definite le controversie con costituzione in giudizio in primo grado del ricorrente avvenuta entro il 31 dicembre 2016 per le quali alla data di presentazione della domanda il processo non si è concluso con pronuncia definitiva. Analogamente a quanto avvenuto con la "rottamazione dei ruoli", la definizione prevede lo stralcio di sanzioni e interessi di mora.<br>
La domanda deve essere presentata entro il 30 settembre 2017.<br><br>

Tra le disposizioni in materia di <b>enti territoriali </b>segnaliamo la modifica dei criteri di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale, un contributo a favore delle province delle regioni a statuto ordinario, la procedura per la determinazione di fabbisogni standard e capacità fiscali standard delle Regioni a statuto ordinario, l'attribuzione della quota investimenti Regioni, e misure in materia di finanziamento del trasporto pubblico locale.<br>
Tra gli interventi in favore delle<b> zone terremotate</b>, è stata prevista l'istituzione di un fondo specifico di 1 miliardo di euro per ciascun anno del triennio 2017-2019 finalizzato a consentire l’accelerazione delle attività di ricostruzione.<br><br>
Il decreto introduce infine una serie di<b> misure per lo sviluppo economico e in materia di infrastrutture</b>; fra queste segnaliamo:<br>
- maggiori incentivi alle quotazioni con riferimento alle piccole e medie imprese (equity crowfunding);<br>
- l’estensione temporale delle agevolazioni per le start-up innovative;<br>
- norme per agevolare la finanza di progetto nell’ammodernamento degli impianti sportivi pubblici;<br>
- misure per la qualità del trasporto pubblico locale;<br>
- adeguamento delle linee ferroviarie regionali agli standard di sicurezza nazionali;<br>
- l’allineamento del regime patent box alle linee guida OCSE;<br>
- disposizioni in materia di eventi sportivi: “Ryder Cup 2022”, finali di coppa del mondo di sci a marzo 2020 e campionati mondiali di sci alpino di Cortina d’Ampezzo nel febbraio 2021;<br>
- l’assistenza sanitaria agli stranieri passa dal Ministero dell'Interno al Ministero della Salute. Poi, il relativo finanziamento avverrà in base alle prestazioni effettivamente erogate agli stranieri in possesso dei requisiti prescritti dalla legge, desumibili dagli elementi informativi presenti nel Nuovo sistema informativo sanitario del ministero della Salute, consolidati e validati.<br>
<b>Il testo del decreto legge viene riportato nei riferimenti normativi</b>.<br><br><br>

<font class='special'><b>2. <u>23 GIUGNO 2017 - Pubblicato la L. n. 96/2017 di conversione del D.L. n. 50/2017 - Manovra correttiva</b></u></font> <img src='images/flashing_new.gif' border=0> <br><br>

E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n.144 del 23 giugno 2017 - Suppl. Ordinario n. 31, la <b>LEGGE 21 giugno 2017, n. 96</b>, recante <i>"Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo"</i>.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del D.L. n. 50/2017, coordinato con le modifiche apportate dalla legge di conversione n. 96/2017</b>, clicca <a href =' http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-06-23&atto.codiceRedazionale=17A04320&elenco30giorni=false '> <b>QUI.</a></b><br><br><BR>

<B>2.1. <U>Le prioncipali novità introdotte</b></u><br><br>

Il testo risultante dalla conversione in legge appare parzialmente stravolto rispetto al decreto licenziato dall’esecutivo. Queste alcune delle numerose e variegate materie trattate nel provvedimento:<br>
- misure per facilitare la cartolarizzazione dei crediti deteriorati ed escludere i fondi pensione (senza tuttavia includere le Casse di previdenza) dal rischio bail in;<br>
- soppressione degli studi di settore e contestuale introduzione (per 3,5 milioni di contribuenti) degli indici di affidabilità fiscale;<br>
- eliminazione delle monetine da 1 e 2 centesimi;<br>
- prestito ponte per Alitalia in amministrazione straordinaria, innalzato da 300 a 600 milioni di euro per un semestre;<br>
- stabilizzazione dei precari della scuola, mediante incremento dei fondi già stanziati nella Legge di Bilancio;<br>
- nuova regolamentazione del lavoro accessorio, inteso come misura alternativa ai voucher;<br>
- possibilità per gli incapienti di cedere a terzi (compresi istituti bancari e finanziarie) l’ecobonus per i condomini;<br>
- riformulazione dei parametri ACE (Aiuto alla crescita economica) con una rimodulazione del coefficiente su cui calcolare la base Ace, e che non sarà più sull’ultimo quinquennio;<br>
- clausole di salvaguardia fiscali fissate, seppure in forma in parte ridotta, al 1° gennaio 2018, ma per un importo pari a 15,2 miliardi di euro, anziché 19,6;<br>
- competenza ai Comuni in tema di circolazione dei risciò;<br>
- ripristino dei poteri dell’ANAC, già limitati col provvedimento correttivo del Codice degli Appalti;<br>
- pensione anticipata per i giornalisti;<br>
- 15 milioni di euro destinati a misure per l’integrazione dei soggetti stranieri emarginati, quale risposta “umanitaria” al degrado che subiscono i migranti;<br>
- determinazione degli step per l’operazione di fusione per incorporazione dell’Anas nelle Ferrovie dello Stato;<br>
- istituzione di un Fondo a sostegno delle mense scolastiche dove si consumeranno prodotti biologici;<br>
- permesso alla costruzione di alloggi non residenziali negli stadi, a servizio degli atleti;<br>
- fondi per il Teatro Eliseo di Roma, che passano da 2 a 4 milioni di euro, per gli anni 2017 e 2018;<br>
- proroga di 12 mesi di mobilità, limitata alle aree di crisi industriale complessa;<br>
- taglio di almeno 25 giorni nei tempi di erogazione dei rimborsi Iva, ed in specie quelli legati allo split payment;<br>
- gli immobili terremotati, soggetti a interventi di restauro o risanamento, potranno essere variati nella destinazione d’uso.<br><br>

Tra le misure più importanti segnaliamo:<br>

- 1) <b>Split Paymant</b><br>
La novità reiguarda <b>l'estensione prevista all'articolo 1 dell'ambito applicativo dello split payment</b>. <br>
Com'è noto, lo split payment è uno speciale meccanismo di versamento dell'IVA dovuta per le operazioni effettuate nei confronti di soggetti pubblici introdotto dalla legge di stabilità 2015, con il quale si consente all'erario di acquisire direttamente l'imposta dovuta: in tal caso le pubbliche amministrazioni devono versare direttamente all'erario l'imposta sul valore aggiunto che è stata addebitata loro dai fornitori.<br>
L'articolo 1 dfella manovra prevede l'estensione dell’ambito di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA (cd. "Split Payment") anche alle operazioni effettuate nei confronti di altri soggetti che prima della manovra correttiva pagavano l’imposta ai loro fornitori secondo le regole generali. L’estensione della manovra correttiva riguarda:<br><i>
- tutte le amministrazioni, gli enti ed i soggetti inclusi nel conto consolidato della Pubblica Amministrazione;<br>
- le società controllate di diritto o di fatto, direttamente o indirettamente dallo Stato;<br>
- le società controllate di diritto direttamente dagli enti pubblici territoriali;<br>
- le società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana</i>.<br>
Inoltre, vengono ricomprese nell’ambito applicativo dello split payment anche <b>le operazioni effettuate da fornitori che subiscono l’applicazione delle ritenute alla fonte sui compensi percepiti</b> (liberi professionisti, agenti, intermediari). E' stato infatti abolito il comma 2 dell'articolo 17-ter del DPR 633/72 che ne prevedeva l’esclusione.<br>
La legge di conversione del decreto 50/2017 prevede che a richiesta dei cedenti o prestatori, i cessionari o i committenti devono rilasciare un documento attestante la loro riconducibilità a soggetti per i quali si applicano le disposizioni dello split payment. Le modifiche sopra esposte si applicano dalle fatture emesse a partire dal 1° luglio 2017.<br>
In sede di conversione in legge del decreto 50/2017 è stata inserita la previsione del rimborso anticipato per aiutare le imprese che a seguito di applicazione della norma si ritroveranno a credito. Le modalita sono demandate a un decreto del MEF da emanarsi entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione.<br><br>

. Se vuoi <b>approfondire l’argomento dello Split Payment nella Pubblica Amnministrazione</b>, clicca <a href =' https://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=553 '> <b>QUI.</a></b><br><br>



- 2) <b>Compensazione delle cartelle esattoriali a favore di imprese e professionisti</b>. In sede di conversione è stata estesa all’intera annualità 2017 la facoltà di compensazione, a condizione che i crediti non siano prescritti, oltre ad essere certi, liquidi ed esigibili nei confronti della pubblica amministrazione. Le modalità di attuazione sono rinviate ad un decreto del Ministro dell’Economia, da emanarsi di concerto con il Ministro dello Sviluppo economico.<br><br>

- 3) <b>Consolidamento dell’istituto della mediazione obbligatoria</b>, già introdotto (fino al settembre prossimo) in via sperimentale, per plurime materie, tra le quali: condominio, diffamazione a mezzo stampa, successioni, affitto, comodato, risarcimento del danno in sede civile nelle ipotesi di malasanità, patti di famiglia, affitto di aziende, contratti assicurativi, bancari e finanziari. L’emendamento varato in Commissione Bilancio introduce l’obbligo, in capo al Ministro della Giustizia, di relazionare annualmente in Parlamento, sul tema degli effetti e dei risultati deflattivi dell’istituto, rispetto all’accesso delle controversie, sulle stesse materie, ai Tribunali e alle Corti.<br><br>

- 4) <b>Norma salva direttori dei musei pubblici</b>. Cinque nomine, di altrettanti direttori di cittadinanza straniera, annullate dal Tar Lazio, con due sentenze (TAR, Lazio, Sez. II-quater, sentenza 24 maggio 2017, n. 6170 e sentenza 24 maggio 2017, n. 6171), negli scorsi giorni. Poi il ricorso del Ministero presieduto da Franceschini e l’udienza collegiale del Consiglio di Stato fissata al 15 giugno prossimo. Ma la questione, presa di petto a livello istituzionale, viene superata con un emendamento varato in Commissione Bilancio: non si applicheranno più, nelle procedure di selezione internazionale, le limitazioni vigenti per il lavoro prestato alle dipendenze delle P.A. che di fatto ostruiscono i posti apicali agli stranieri.<br><br>


</td>
</tr>
</table><br>


<table width='100%' border=3>
<tr>
<TH align='center' bgcolor='#dddddd'>
<b>SECONDA MANOVRA PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO SVILUPPO 2011 - 2012</b> <BR>
</th>
</tr>
<tr>
<td><br>

<font class='special'><b>1. <u>13 AGOSTO 2011 – Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo - Emanato il D.L. n. 138/2011</b></u></font> <br><br>

<b>1.1. <u>Principi ispiratori e struttura del decreto</B></U><BR><BR>

E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 188 del 13 agosto 2011, il <b>D.L. 13 agosto 2011, n. 138</b>, recante <i>"Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo"</i>.<br>
Il decreto, che entra in vigore lo stesso giorno della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, detta disposizioni per la stabilizzazione finanziaria e per il contenimento della spesa pubblica al fine di garantire la stabilità del Paese con riferimento all'eccezionale situazione di crisi internazionale e di instabilità dei mercati e per rispettare gli impegni assunti in sede
di Unione Europea e adotta misure dirette a favorire lo sviluppo e la competitività del Paese e il sostegno
dell'occupazione.<br><BR>

Una correzione da 45,5 miliardi, da attuare in 24 mesi e con una scansione di 20 miliardi nel 2012 e di 25,5 nel 2013 per piegare il livello dell'indebitamento netto sul Pil dal 3,9% programmatico di quest'anno al pareggio, appunto, nel 2013. <br>
Questi sono i numeri che sintetizzano la portata del decreto legge appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.<br><br>

Il decreto si compone di quattro Titoli e di 20 articoli:<br>
<b>Titolo I</b> - DISPOSIZIONI PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA (artt. 1 e 2)<br>

<b>Titolo II</b> - LIBERALIZZAZIONI, PRIVATIZZAZIONI ED ALTRE MISURE PER FAVORIRE LO SVILUPPO (artt. 3 - 7)<br>

<b>Titolo III </b>- MISURE A SOSTEGNO DELL'OCCUPAZIONE (artt. 8 - 12)<br>

<b>Titolo IV </b>- RIDUZIONE DEI COSTI DEGLI APPARATI ISTITUZIONALI (artt. 13 - 20).<br>
<b>Il testo del decreto legge viene riportato nei Riferimenti normativi</b>.<br><br><br>

<b>1.2. <u>LIBERALIZZAZIONI DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE - Principio di libertà dell'iniziativa economica</B></U><BR><BR>

L'articolo 3, rubricato <i>"Abrogazione delle indebite restrizioni all'accesso e all'esercizio delle professioni e delle attivita' economiche"</i>, è volto a ridurre gli oneri amministrativi e procedimentali che limitano la libertà d'impresa e a favorire il rilancio dell'economia in attesa dell'approvazione della riforma di modifica dell'art. 41 della Costituzione.<br>
Al comma 1, viene fissato un principio fondamentale per lo sviluppo economico e per la piena attuazione della concorrenza tra le imprese: <b>l'iniziativa e l'attività economica privata sono libere ed e' permesso tutto ciò che non e' espressamente vietato dalla legge</b>.<br>
Comuni, Province, Regioni e Stato, entro un anno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, dovranno adeguare i rispettivi ordinamenti a questo principio, nel rispetto dei seguenti limiti:<br> <i>
a) vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali; <br>
b) contrasto con i principi fondamentali della Costituzione; <br>
c) danno alla sicurezza, alla liberta', alla dignità umana e contrasto con l'utilità sociale; <br>
d) disposizioni indispensabili per la protezione della salute umana, la conservazione delle specie animali e vegetali, dell'ambiente, del paesaggio e del patrimonio culturale; <br>
e) disposizioni che comportano effetti sulla finanza pubblica</i>.<br>
Il comma 3 prevede che nel caso di <b>mancato adeguamento</b> nel terminie di un anno dall'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, vengono meno le disposizioni statali incompatibili con il principio affermato sopra e trovano applicazione gli istituti della SCIA e dell'autocertificazione.<br><br>
I commi da 6 a 11 disciplinano l'accesso e l'esercizio delle attività economiche, nel rispetto dei principi di libertà di impresa e garanzia della concorrenza.<br>
Al comma 8 si stabilisce che<b> le restrizioni in materia di accesso ed esercizio delle
attività economiche</b> previste dall'ordinamento vigente <b>dovranno essere abrogate quattro mesi dopo l'entrata in vigore del presente decreto</b>.<br><br>

Nel successivo comma 9 vengono individuate le fattispecie di <b>"restrizione"</b>, che sono:<br><i>
a) la limitazione, in forza di una disposizione di legge, del numero di persone che sono titolate ad esercitare una attività economica in tutto il territorio dello Stato o in una certa area geografica attraverso la concessione di licenze o autorizzazioni
amministrative per l'esercizio, senza che tale numero sia determinato, direttamente o indirettamente sulla base della popolazione o di altri criteri di fabbisogno; <br>
b) l'attribuzione di licenze o autorizzazioni all'esercizio di una attività economica solo dove ce ne sia bisogno secondo l'autorità amministrativa; <br>
c) il divieto di esercizio di una attività economica al di fuori di una certa area geografica e l'abilitazione a esercitarla solo all'interno di una determinata area; <br>
d) l'imposizione di distanze minime tra le localizzazioni delle sedi deputate all'esercizio della professione o di una attività economica; <br>
e) il divieto di esercizio di una attività economica in più sedi oppure in una o più aree geografiche; <br>
f) la limitazione dell'esercizio di una attività economica ad alcune categorie o divieto, nei confronti di alcune categorie, di commercializzazione di taluni prodotti; <br>
g) la limitazione dell'esercizio di una attività economica attraverso l'indicazione tassativa della forma giuridica richiesta all'operatore;<br>
h) l'imposizione di prezzi minimi o commissioni per la fornitura di beni o servizi, indipendentemente dalla determinazione, diretta o indiretta, mediante l'applicazione di un coefficiente di profitto o
di altro calcolo su base percentuale; <br>
l) l'obbligo di fornitura di specifici servizi complementari all'attività svolta</i>.<br><br>

Al successivo comma 10 si stabilisce che le restrizioni diverse da quelle appena elencate potranno essere revocate con regolamento da emanare ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge n. 400/1988, da emanarzi entro quattro mesi
dall'entrata in vigore del presente decreto.
<br>
Il comma 11 disciplina la possibilità di escludere dall'abrogazione delle restrizioni singole attività economiche. <br><br>

Con ogni probabilità si dovrà dare <b>addio al "numero chiuso"</b> per tabaccherie, edicole, farmacie, taxi, ecc. e di tutte quelle attività legate a limiti di apertura fissati in base a distanze minime tra un esercizio e l'altro, oppure contingentati in base al bacino di utenza, cioè alla popolazione potenzialmente interessata al servizio.<br><br><br>

<b>1.3. <u>LIBERALIZZAZIONI DELLE PROFESSIONI - Principio di libera concorrenza</B></U><BR><BR>

I commi 5 e 6 dell'articolo 3 vengono dedicati alle liberalizzazioni delle professioni.<br>
Il comma 5, in particolare, individua i principi ai quali dovrà ispirarsi la riforma degli ordini professionali da effettuarsi entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto.<br>
Fermo restando l'esame di Stato di cui all'art. 33, comma 5, della Costituzione per l'accesso alle professioni regolamentate, gli ordinamenti professionali devono garantire che l'esercizio dell'attività risponda senza eccezioni ai principi di libera concorrenza, alla presenza diffusa dei professionisti su tutto il territorio nazionale, alla differenziazione e pluralità di offerta che garantisca l'effettiva possibilità di scelta degli utenti nell'ambito della più ampia informazione relativamente ai servizi
offerti. <br><br><br>

<b>1.4. <u>Chiarita la NATURA GIURIDICA DELLA SCIA E DELLA DIA - Apportate modifiche di coordinamento all'art. 19 della legge n. 241/1990</B></U><BR><BR>

All'art. 6, comma 1, vengono apportate modifiche all'art. 19 della Legge n. 241/1990.<br><br>
Le modifiche di cui alle lettere a) e b) si sono rese necessarie al fine di coordinare la disposizione di cui al comma 6-bis, concernente la SCIA in materia edilizia, con le disposizioni di cui al comma 4.<br> Attraverso le modifiche il termine per l'esercizio dei poteri di autotutela nel caso di SCIA edilizia è di 30 giorni, invece che di 60 come previsto dal comma 3.<br>
La lettera c) inserisce il <b>nuovo comma 6-ter</b> finalizzato a superare le difficoltà interpretative che si sono verificate circa l'inquadramento della natura giuridica dell'istituto, con conseguenti problemi di tutela giurisdizionale del terzo cointeressato. A tal fine la norma chiarisce che <b>la SCIA e la DIA non costituiscono provvedimenti taciti direttamente impugnabili</b>, ma veri e propri istituti di liberalizzazione e che pertanto gli interessati, sollecitato l'esercizio delle verifiche spettanti all'Amministrazione, esperiscono l'azione avverso il silenzio, come disciplinata dal Codice del processo amministrativo. <br>
Il nuovo comma 6-ter recita testualmente:<br>
<font class='special'> <i>«6-ter. La segnalazione certificata di inizio attività, la denuncia e la dichiarazione di inizio attività si riferiscono ad attività liberalizzate e non costituiscono provvedimenti taciti direttamente impugnabili. Gli interessati possono sollecitare l'esercizio delle verifiche spettanti all'amministrazione e, in caso di inerzia, esperire l'azione di cui all'art. 31, commi 1, 2 e 3 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104»</i>.</font><br><br>

- Si riporta il testo dell':<br>
. <a href='files/sempl/1990_241_Art_19_2011_138.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Articolo 19 della legge n. 241/1990 - Testo coordinato con le modifiche apportate dall'art. 6, comma 1, del D.L. n. 138/2011</b>. </a><br><br><br>

<b>1.5. <u>Disposizioni in materia di RIFIUTI - ABOLIZIONE DEL SISTRI</B></U> <BR><BR>

Il comma 2 dell'art. 6 prevede la <b>soppressione del SISTRI </b>(Sistema di controllo sulla tracciabilità dei rifiuti), abrogando tutte le disposizioni che lo hanno istituito e che lo disciplinano.<br>
Le disposizioni abrogate sono:<br><i>
- il comma 1116, dell'articolo 1, della legge 27 dicembre 2006, n. 296; <br>
- l'articolo 14-bis del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102; <br>
- il comma 2, lettera a), dell'articolo 188-bis, l'articolo 188-ter e 260-bis, del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni; <br>
- il comma 1, lettera b), dell'articolo 16 e <br>
- l'articolo 36, limitatamente al capoverso «articolo 260-bis», del D. Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205</i>.<br>
Con l'abrogazione, poi, dei <b>due decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare del 17 dicembre 2009 e del 18 febbraio 2011 n. 52</b>, <b>viene SOPPRESSO il SISTRI</b>. <br><br>
Con la stessa norma vengono poi, di fatto, abrogati anche tutti i successi decreti che hanno apportato modifiche al D.M. 17 dicembre 2009, quali: <b>D.M.15 febbraio 2010; D.M. 9 luglio 2010; D.M. 28 settembre 2010; D.M. 22 dicembre 2010; D.M. 26 maggio 2011</b>.<br><br>
Confermato l’<b>obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico nonchè del formulario di identificazione</b>, di cui agli articoli 190 e 193 del D. Lgs. n. 152/2006.<br>
Al successivo comma 3 dell'art. 6 si stabilisce, infatti, che: <i>"Resta ferma l'applicabilità delle altre norme in materia di gestione dei rifiuti; in particolare, ai sensi dell'articolo 188-bis, comma 2, lettera b), del decreto legislativo n. 152 del 2006, i
relativi adempimenti possono essere effettuati nel rispetto degli obblighi relativi alla <b>tenuta dei registri di carico e scarico nonche' del formulario di identificazione</b> di cui agli articoli 190 e 193 del decreto legislativo n. 152 del 2006 e successive
modificazioni"</i>.<br><br>

. Per un <b>approfondimento del SISTRI</b>, clicca <a href =' http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=398 '<b>QUI</a></b><br><b><br>

. Per un <b>approfondimento sui CONTENUTI DELLA MANOVRA</b>, elaborato dal Il Sole24Ore, clicca <a href =' http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-08-13/misure-punto-punto-080857.shtml?uuid=AaEgAzvD '<b>QUI</a></b><br><br><br>

<b>1.6. <u>Disposizioni in materia di COMMERCIO - LIBERALIZZATI GLI ORARI E I GIORNI DI APERTURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI</B></U><BR><BR>

Il comma 4, dell'art. 6, del D.L. n. 138/2011 <b>estende a tutti gli esercizi commerciali la liberalizzazione</b>, introdotta dall'art. 35, comma 6, del D.L. n. 98/2011, convertito, con modificazione, nella legge n. 111/2011, <b>in ambito di orari e giorni di apertura degli esercizi commerciali</b>, inizialmente prevista esclusivamente per le città d'arte e località turistiche.<br><br>

Si ricorda che il comma 6, dell'art. 35, del D.L. n. 98/2011 aveva aggiunto, all'articolo 3, comma 1, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, dopo la lettera d), la lettera d-bis), che recitava testualmente:<br>
<i>"d-bis), in via sperimentale, il rispetto degli orari di apertura e di chiusura, l'obbligo della chiusura domenicale e festiva, nonchè quello della mezza giornata di chiusura infrasettimanale dell'esercizio <b>ubicato nei comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche o citta' d'arte</b>"</i>.<br><br>

Ora il comma 4, dell'art. 6, del D.L. n. 138/2011 modifica la lettera d-bis) sopprimendo le seguenti parole: <i>"ubicato nei comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche o città d'arte"</i>.<br><br>

. Se vuoi <b>approfondire questo argomento</b>, clicca <a href =' http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=369 '<b>QUI</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>2. <u>17 AGOSTO 2011 – La manovra (DdL n. 2887 AS) approda in Senato</b></u></font> <br><br>

Il Senato si è riunito mercoledì 17 agosto per la comunicazione della presentazione da parte del Governo del DdL n. 2887, di conversione del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. <br>
Il provvedimento è stato deferito alla Commissione Affari costituzionali che, il 18 agosto, esaminerà i presupposti di costituzionalità. <br>
In sede referente, invece, il DdL è stato assegnato alla Commissione Bilancio, che potrà riferire in Aula a partire dal 5 settembre. <br>
La definizione ulteriore dell'iter del provvedimento sarà stabilita da una Conferenza dei Capigruppo da convocare nel corso della prossima settimana.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del disegno di legge 2887 AS, con le allegate RELAZIONI</b>, clicca <a href =' http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00611974.pdf '<b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>3. <u>26 AGOSTO 2011 – I rilievi dell’Antitrust sulla Manovra bis - Servizi e professioni</b></u></font> <br><br>

Il decreto di stabilizzazione finanziaria all’esame del Parlamento va nella giusta direzione dell’apertura dei mercati ma per ottenere i risultati sperati occorre rivedere alcune norme che potrebbero produrre effetti opposti a quelli desiderati. <br>
Lo afferma l’Antitrust in una <b>segnalazione inviata, il 26 agosto 2011, al Governo e alle Camere</b> in vista dei lavori parlamentari per la conversione del provvedimento. <br>
Secondo l’Autorità il decreto offre un quadro di norme di principio che, se correttamente interpretate nella loro concreta applicazione, potrebbero portare ad una maggiore concorrenza nel sistema economico italiano. <br>
Perché questo avvenga è tuttavia necessario modificare alcuni aspetti del decreto.<br>
In particolare, per ciò che riguarda i<b> servizi pubblici locali</b>, <i>“vanno riviste le soglie per le gare” e vanno sempre “garantite le procedure ad evidenza pubblica per le privatizzazioni“</i>.<br>
Per ciò che concerne le <b>professioni</b>, occorre <i>“eliminare il riferimento legale alle tariffe e ridurre la durata del tirocinio, prevedere infine esami di Stato contemporanei alla laurea”</i>.<br><br>

Per quanto riguarda i <b>servizi privati</b>, l’abrogazione delle restrizioni all’accesso e all’esercizio delle attività economiche rappresenta un nuovo approccio regolatorio in grado di favorire crescita e sviluppo. <br>
La norma va tuttavia riformulata eliminando il riferimento ad autorizzazioni agganciate, direttamente o indirettamente, alla popolazione o ad altri criteri di fabbisogno: il rischio è che si mantengano o addirittura si reintroducano autorizzazioni che rappresentano una limitazione quantitativa ingiustificatamente restrittiva della concorrenza.<br>
Analogamente occorre riscrivere il comma che abroga le restrizioni relative ai prezzi minimi per evitare possibili interpretazioni riduttive. <br>
L’abrogazione andrebbe inoltre estesa a prezzi e tariffe massime che potranno essere mantenute, dopo una valutazione ad hoc, a tutela dei consumatori. Lo stesso decreto prevede del resto la possibilità di introdurre alcune eccezioni che tuttavia, secondo l’Antitrust, dovranno essere giustificate da ragioni di ordine pubblico, di pubblica sicurezza, di sanità pubblica, di tutela dell’ambiente e di tutela del consumatore.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del comunicato stampa che sintetizza le osservazioni dell'Antitrust</b>, clicca <a href =' http://www.agcm.it/stampa/news/5724-as864-manovra-antitrust-da-decreto-spinta-positiva-per-le-liberalizzazioni-ma-servono-modifiche-per-ottenere-i-risultati-sperati.html '<b>QUI.</a></b><br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo della segnalazione</b>, clicca <a href =' http://www.agcm.it/trasp-statistiche/doc_download/2941-as864segnalazione.html '<b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>4. <u>29 AGOSTO 2011 – Presentate le proposte di modifica al decreto legge n. 138/2011</b></u></font> <br><br>

La riunione di maggioranza presieduta dal Presidente Silvio Berlusconi si è conclusa con le seguenti unanimi determinazioni:<br>
1) Interventi di natura costituzionale:<br><i>
a) dimezzamento del numero dei parlamentari;<br>
b) soppressione delle province quali enti statali e conferimento alle regioni delle relative competenze ordinamentali</i>;<br><br>

2) Il decreto dovrà essere approvato nei tempi previsti e a saldi invariati con le seguenti principali modifiche:<br><i>
a) sostituzione dell’articolo della manovra relativo ai piccoli comuni con un nuovo testo che preveda l’obbligo dello svolgimento in forma di unione di tutte le funzioni fondamentali a partire dall’anno 2013 nonché il mantenimento dei consigli comunali con riduzione dei loro componenti senza indennità o gettone alcuno per i loro membri;<br>
b) riduzione dell’impatto della manovra per comuni, province, regioni e regioni a statuto speciale. Attribuzione agli enti territoriali di maggiori poteri e responsabilità nel contrasto all’evasione fiscale con vincolo di destinazione agli stessi del ricavato delle conseguenti maggiori entrate;<br>
c) sostituzione del contributo di solidarietà con nuove misure fiscali finalizzate a eliminare l’abuso di intestazioni e interposizioni patrimoniali elusive nonché riduzione delle misure di vantaggio fiscale alle società cooperative;<br>
d) contributo di solidarietà a carico dei membri del parlamento;<br>
e) mantenimento dell’attuale regime previdenziale già previsto per coloro che abbiano maturato quarant’anni di contributi con esclusione dei periodi relativi al percorso di laurea e al servizio militare che rimangono comunque utili ai fini del calcolo della pensione</i>.<br>
(Comunicato Presidenza Consiglio dei Ministri 29/08/2011).<br><br>

Attendiamo ora di leggere, nello specifico, gli emendamenti del Governo al disegno di legge 2887 AS, di conversione del D.L. n. 138/2011.<br><br><br>

<font class='special'><b>5. <u>30 AGOSTO 2011 – Il commento della Corte dei Conti</b></u></font> <br><br>

La Corte dei Conti ha espresso, in modo articolato, il suo parere sulla manovra bis, commentando punto per punto le scelte del Governo.<br>
I giudici contabili, riuniti in adunanza delle Sezione riunite in sede di controllo, hanno approvato un documento di commento al decreto legge n. 138/2011, che hanno poi consegnato alle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato, il 30 agosto, nel corso dell’audizione del suo presidente, Giampaolino.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del documento</b>, clicca <a href =' http://www.senato.it/documenti/repository/commissioni/comm05/documenti_acquisiti/30%20agosto%20Corte%20dei%20conti%20documentazione.pdf'<b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>6. <u>5 SETTEMBRE 2011 – Approvato il testo con emendamenti dalla Commissione Bilancio del Senato
</b></u></font> <br><br>

La Commissione Bilancio del Senato ha concluso i lavori, approvando il testo emendato della Manovra bis, su cui martedì inizierà la discussione in aula.<br>
Di seguito, alcune delle novità introdotte ieri sera.<br>

<b>Comuni e accertamento tributario</b>: gli enti locali parteciperanno attivamente all’attività di accertamento tributario e potranno incassare quanto recuperato con la lotta all’evasione fiscale.<br><br>

<b>Conti correnti</b>: eliminato l’obbligo di riportare i rapporti bancari nella dichiarazione dei redditi.<br><br>

<b>Contributo di solidarietà</b>: riduzioni confermate per dipendenti pubblici e pensionati. Ma salta il contributo di solidarietà (5% oltre i 90mila euro di reddito e 10% oltre i 150mila) per manager privati e calciatori.<br><br>

<b>Controlli sui conti correnti</b>: i controlli sui conti dei contribuenti saranno anche preventivi, non più solo in caso di accertamento.<br><br>

<b>Debiti PA</b>: prevista la certificazione dei debiti delle PA verso le imprese.<br><br>

<b>Farmacie</b>: rimane il numero chiuso.<br><br>

<b>Feste laiche</b>: rimangono la festa del 1° maggio (Festa del Lavoro), del 25 aprile (Liberazione) e del 2 giugno (Repubblica), non verranno accorpate alla domenica. Confermate le feste concordatarie e il taglio delle feste patronali (eccetto quella di Roma).<br><br>

<b>Incompatibilità dei parlamentari</b>: si estende anche ai parlamentari europei.<br><br>

<b>Neo mamme</b>: non sono più licenziabili.<br><br>

<b>Piccoli Comuni</b>: niente Giunte e accorpamenti confermati (“unione dei servizi fondamentali”) per i Comuni sotto i 1000 abitanti.<br><br>

<b>Province</b>: niente taglio delle Province con meno di 300mila abitanti (sarà forse un ddl costituzionale ad occuparsene). Rimane il dimezzamento dei consiglieri provinciali.<br><br>

<b>Redditi online</b>: niente gogna mediatica per gli evasori, verrà garantito l’anonimato, perché i dati saranno pubblicati in forma aggregata, per categorie di contribuenti.<br><br>

<b>SISTRI</b>: torna dal 9 febbraio 2012; ma prima il Ministero dell’Ambiente dovrà aprire un confronto -sulle sue criticità- con le associazioni rappresentative di categoria. Prevista l’esenzione dal SISTRI per i rifiuti non pericolosi, con decreto ministeriale da adottare entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione della manovra bis.<br><br>

<b>Statuto dei Lavoratori</b>: i contratti di lavoro aziendali e territoriali potranno derogare alle leggi (dunque anche all’articolo 18 sui licenziamenti, salvo quelli discriminatori) e ai contratti collettivi nazionali. <br>
I contratti di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale, infatti, <i>“operano anche in deroga alle disposizioni di legge”</i> e <i>“alle relative regolamentazioni contenute nei contratti collettivi nazionali“</i>. E’ quanto recita un emendamento alla manovra, presentato dalla maggioranza e approvato dalla Commissione Bilancio del Senato. <br>
Tra le materie per le quali è possibile la deroga dalla legge e dai contratti nazionali figura anche il licenziamento. <br>
Salve solo la “Costituzione nonché i vincoli derivanti dalle normative comunitarie e dalle convenzioni internazionali sul lavoro“. Insomma: Sarà possibile licenziare “senza giusta causa” se il sindacato aziendale è d’accordo. Recepito infine l’accordo del 28 giugno sulla rappresentanza sindacale.<br><br>

<b>Tredicesima degli statali</b>: è salva, nessun differimento. Prevista solo una riduzione del 30% della retribuzione di risultato dei dirigenti responsabili, nel caso in cui i ministeri non raggiungano gli obiettivi di risparmio.<br><br>

<b>Uffici giudiziari</b>: è prevista la riorganizzazione dei Tribunali, con un’apposita delega al governo, che fissa i criteri di riferimento (estensione, numero abitanti, carichi di lavoro.<br>
(Fonte: <i>LeggiOggi.it</i>). <br><br>

. Se vuoi <b>accedere al sito del Senato e scaricare il testo della manovra approvata dalla Commissione bilancio</b>, clicca <a href =' http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=614498 '<b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>7. <u>7 SETTEMBRE 2011 – Il Governo mette la fiducia - Il Senato approva la manovra</b></u></font> <br><br>

Con 165 voti favorevoli, 141 contrari e 3 astenuti, il Senato ha approvato il maxiemendamento interamente sostitutivo dell'articolo unico del DdL n. 2887 di conversione in legge del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, su cui il Governo in apertura di seduta ha posto la questione di fiducia. <vr>
Il provvedimento passa ora alla Camera per la definitiva conversione in legge.<br><br>

Correlato alla manovra finanziaria per il 2012, il DdL anticipa gli effetti di correzione dei saldi e rafforza le misure contenute nella manovra di luglio per conseguire il pareggio di bilancio nel 2013 anziché nel 2014. <br>
Le ultime misure, decise ieri sera dal Consiglio dei Ministri, prevedono:<br>
- l'aumento di un punto dell'IVA ordinaria dal 20 al 21%, <br>
- il contributo di solidarietà del 3% per i redditi oltre i 300mila euro e <br>
- l'anticipo al 2014 dell'avvio graduale dell'aumento dell'età di pensionamento delle donne del settore privato. <br><br>
Altre misure contenute nel maxiemendamento del Governo, che recepisce diverse modifiche approvate in Commissione bilancio ma non la norma sulla certificazione dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della pubblica amministrazione, prevedono:<br>
- tagli alla spesa dei Ministeri per 6 miliardi, <br>
- un prelievo del 5 e del 10 per cento sulle retribuzioni dei dipendenti pubblici superiori ai 90.000 e ai 150.000 euro, <br>
- la revisione della spesa storica e l'accorpamento degli enti previdenziali, <br>
- la delega per la riforma dell'assistenza, <br>
- il coinvolgimento dei comuni nella lotta all'evasione fiscale. <br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del maxiemendamento presentato dal Governo</b>, clicca <a href =' http://www.senato.it/documenti/repository/notizie/2011/maxiemendamento_ddl_2887_07settembre2011.pdf '<b>QUI.</a></b> <br><br><br>

<font class='special'><b>8. <u>14 SETTEMBRE 2011 – Passa la fiducia alla Camera - Convertito in legge il D.L. n. 138/2011</b></u></font> <br><br>

La Camera, con 316 voti favorevoli e 302 contrari, ha votato la questione di fiducia posta ieri dal Ministro per i rapporti con il Parlamento, Elio Vito, a nome del Governo, sull’approvazione, senza emendamenti, dell’articolo unico del disegno di legge, nel testo identico a quello approvato dal Senato.<br>
Dopo la trattazione degli ordini del giorno e le dichiarazioni di voto finali, il provvedimento (Atto della Camera 4612) è stato approvato in via definitiva con 314 si e 300 no.<br>
Si attende ora la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del disegno di legge C 4612 con le relative relazioni della Commissione e della minoranza</b>, direttamente dal sito della Camera dei Deputati, clicca <a href =' http://nuovo.camera.it/126?PDL=4612&leg=16&tab=2 '<b>QUI.</a></b> <br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del decreto-legge n. 138/2011 a confronto con le modifiche introdotte dal maxiemendamento approvato dal Senato il 7 settembre 2011</b>, elaborato dal sito LeggiOggi.it, clicca <a href =' http://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2011/09/decreto_138_modificato_senato.pdf '<b>QUI.</a></b> <br><br><BR>

<font class='special'><b>9. <u>16 SETTEMBRE 2011 – La legge di conversione n. 148/2011 sulla Gazzetta Ufficiale</b></u></font> <br><br>

E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 216 del 16 settembre 2011, la <b>legge 14 settembre 2011, n. 148</b>, recante <i>"Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. Delega al Governo per la riorganizzazione della distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari"</i>.<br>
La legge di conversione - in vigore dal 17 settembre 2011 - presenta significative modifiche rispetto al testo originario.<br><br>


</td>
</tr>
</table><br>
<table width='100%' border=3>
<tr>
<TH align='center' bgcolor='#dddddd'>
<b>PRIMA MANOVRA PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA 2011 - 2012</b> <BR>
</th>
</tr>
<tr>
<td><br>

<font class='special'><b>1. <u>30 GIUGNO 2011 – Il Consiglio dei Ministri approva la Manovra 2011-2012 - Misure urgenti finalizzate alla stabilizzazione finanziaria e alla competitività economica
</b></u></font><br><br>

Il Consiglio dei Ministri del 30 giugno 2011 ha approvato un decreto-legge, recante <b>disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria</b> coerenti con gli obiettivi di manovra condivisi in sede europea. <br>
Il provvedimento si compone di 4 parti: <br>
- la prima dedicata al contenimento dei costi della politica (indennità per i parlamentari, voli di Stato, auto blu); <br>
- la seconda alle misure generali di contenimento della spesa; <br>
- la terza alle disposizioni in materia di entrate tributarie; <br>
- la quarta a misure per sostenere lo sviluppo.<br><br>

Quanto alla seconda parte, le disposizioni non prevedono misure particolarmente severe per gli anni 2011 e 2012, proiettando gli interventi necessari al perseguimento degli obiettivi negli esercizi 2013 e 2014. <br>
Tra le misure di sviluppo, si annoverano interventi: <br>
- di fiscalità di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, <br>
- di liberalizzazione del collocamento, <br>
- di attivazione del capitale di rischio verso le nuove imprese, <br>
- di finanziamento e potenziamento delle infrastrutture, <br>
- di riordino dell’Anas e dell’ICE. <br><br>

Tra l’altro è previsto che nei Comuni di interesse turistico e nelle città d’arte, in via sperimentale, gli esercizi commerciali non saranno più tenuti a rispettare gli orari di apertura e chiusura, la chiusura domenicale e festiva e la mezza giornata di chiusura infrasettimanale. <br>
(Fonte: <i>Sito del Governo</i>)<br><br>

Dunque, via libera del Consiglio dei Ministri sulla manovra da 47 miliardi per arrivare all’obiettivo finale del deficit zero nel 2014. <br>
L’impatto sarà di 1,5 miliardi nel 2011, 5,5 nel 2012 e 20 miliardi sui due anni successivi. <br><br>

- Si riporta il testo della:<br>
. <a href='files/ddl/Manovra_2011_2012_Bozza_30_06_2011.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Bozza di decreto legge recante <i>"Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria"</i></b> (Testo aggiornato al 29 giugno 2011). </a><br><br><br>

<font class='special'><b>2. <u>4 LUGLIO 2011 – Il testo della manovra arriva al Quirinale</b></u></font><br><br>

Il testo definitivo della manovra, <i>«Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria»</i>, è stato trasmesso al Quirinale. <br><br>

Il testo finale del decreto è composto da <b>39 articoli e da due allegati</b>. Si apre con gli stipendi dei politici e si chiude sul riordino dei giudici tributari. <br>
I provvedimenti saranno spiegati martedì in una conferenza stampa del ministro dell'Economia Giulio Tremonti alla quale partecipano anche i ministri Brunetta, Calderoli, Romani e Sacconi.<br><br>

- Si riporta il testo definitivo consegnato al Quirinale:<br>
. <a href='files/ddl/Manovra_2011_2012_Bozza_A.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b><i>"Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria"</i></b>. </a> <br><br><br>

<font class='special'><b>3. <u>6 LUGLIO 2011 – Regioni, Comuni e Province bocciano la manovra
</b></u></font><br><br>

Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, il Presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione e il Vicepresidente dell’Anci, Graziano Delrio, hanno inviato il 6 luglio 2011 una lettera al Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. <br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo della lettera</b>, clicca <a href =' http://www.regioni.it/upload/Errani_Napoli_Castiglione06072011.pdf '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>4. <u>6 LUGLIO 2011 – Il testo della manovra sulla Gazzetta Ufficiale
</b></u></font><br><br>

E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 155 del 6 luglio 2011, il <b>decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98</b>, rec ante <i>"Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria"</i>.<br>
<b>Il testo del decreto legge viene riportato nei Riferimenti normativi</b>.<br><br>

Il decreto, che è in vigore dallo stesso giorno di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, si compone di Tre Titoli, di 41 articoli e di tre allegati:<br> <br>

<b>• Titolo I - DISPOSIZIONI PER IL CONTROLLO E LA RIDUZIONE DELLA SPESA PUBBLICA, NONCHE' IN MATERIA DI ENTRATE</b> <br>
&#9702; Capo I - Riduzione dei costi della politica e degli apparati <br>
&#9702; Capo II - Razionalizzazione e monitoraggio della spesa delle amministrazioni pubbliche <br>
&#9702; Capo III - Contenimento e razionalizzazione delle spese in materia di impiego pubblico, sanita', assistenza, previdenza, organizzazione scolastica. Concorso degli enti territoriali alla stabilizzazione finanziaria <br>
&#9702; Capo IV - Finanziamento di spese indifferibili ed altre disposizioni di carattere finanziario<br>
&#9702; Capo V - Disposizioni in materia di entrate <br>
<b>• Titolo II - DISPOSIZIONI PER LO SVILUPPO <br>
• Titolo III - DISPOSIZIONI FINALI</b> <br><br>

Il provvedimento, dal punto di vista del contenuto, si compone sostanzialmente di 4 parti: <br>
- La <b>PRIMA</b> (artt. 1 - 8) dedicata al <b>controllo e alla riduzione della spesa pubblica</b> (<i>riduzione dei costi della politica e degli apparati; indennità per i parlamentari, voli di Stato, auto blu, finanziamento dei partiti</i>).<br><br>

- La <b>SECONDA </b>(artt. 9 - 22) dedicata alle <b>misure generali di contenimento della spesa</b> <i>razionalizzazione e monitoraggio della spesa delle Amministrazioni pubbliche; riduzione delle spese dei Ministeri; contenimento e razionalizzazione delle spese in materia di impiego pubblico, sanità, assistenza, previdenza, organizzazione scolastica; concorso degli enti territoriali alla stabilizzazione finanziaria</i>).<br><br>

- La <b>TERZA</b> (artt. 23 - 25) dedicata alle <b>disposizioni in materia di entrate tributarie</b>.<br><br>

- La <b>QUARTA</b> (artt. 26 - 39) dedicata a <b>misure per sostenere lo sviluppo</b> (<i>contrattazione aziendale; regime fiscale di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità; razionalizzazione della rete distributiva dei carburanti; finanziamento della banda larga; interventi per favorire l'afflusso di capitale di rischio verso le nuove imprese; finanziamento e potenziamento delle infrastrutture; interventi di riduzione del costo dell'energia; disposizioni per l'efficienza del sistema giudiziario e la celere definizione delle controversie; disposizioni in materia di contenzioso previdenziale e assistenziale; disposizioni in materia di riordino della giustizia tributaria</i>).<br><br><br>

<font class='special'><b>5. <u>7 LUGLIO 2011 – Manovra - Errani, ora è conflitto istituzionale
</b></u></font><br><br>

La Conferenza Unificata ha registrato un conflitto istituzionale gravissimo che si è aperto a seguito delle scelte unilaterali del Governo a con il varo della manovra. Un conflitto istituzionale così grave che può essere recuperato solo con un intervento del Presidente del Consiglio, a cui chiediamo urgentemente un incontro, e attraverso una disponibilità concreta e sostanziale a cambiare questa manovra”, lo ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani al termine della Conferenza Unificata. <br>
Ci troviamo di fronte, ha spiegato Errani, ad una “manovra fatta senza rispettare una Legge fondamentale che è quella sul federalismo” e che “pesa in modo sproporzionato sulle Regioni, solo per le Regioni parliamo complessivamente del 49 per cento dopo che la manovra precedente aveva insistito su Regioni ed enti locali per l’80 per cento”. <br>
A questo punto “è chiaro – ha detto Errani - che non c’è alcuna possibilità che si possano gestire così servizi fondamentali per i cittadini. Qui siamo alla chiusura di un ciclo storico relativo alle esperienze di governo nel territorio delle autonomie e delle Regioni. <br><br>

. Se vuoi <b>scaricare l'intero intervento</b>, clicca <a href =' http://www.regioni.it/mhonarc/readsqltop1.aspx '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>6. <u>14 LUGLIO 2011 – Il Senato approva la manovra</b></u></font><br><br>

Il 14 luglio 2011, con 161 voti a favore, 135 voti contrari e 3 astenuti l'Aula del Senato ha votato la fiducia al Governo e ha approvato l’emendamento 1.2814, interamente sostitutivo dell’articolo unico del ddl di conversione n. 2814 del decreto legge 98 del 2011 (“stabilizzazione finanziaria”), sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia.. <br>
L'impatto della manovra, dopo le correzioni in Senato, sale oltre i 70 miliardi nel biennio 2013/2014,
con tagli a qualsiasi tipo di agevolazione fiscale.<br>
Ora la manovra passa al vaglio della Camera, che la discuterà il 15 luglio 2011.<br><br>

- Si riporta il testo del maxi-emendamento e della relazione tecnica:<br>
. <a href='files/Archivio/Manovra_2011_2012_Emendamento.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Maxi-emendamento al disegno di legge di conversione (AS 2814)</b>. </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/Manovra_2011_2012_Emendamento_Relazione_Tecnica.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Relazione Tecica al maxi-emendamento al disegno di legge di conversione (AS 2814)</b>. </a> <br><br><br>


. Se vuoi <b>maggiori dettagli sulle novità della manovra</b>, clicca <a href =' http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2011-07-14/manovra-taglia-tutti-bonus-113039.shtml?uuid=AasZO1nD&cmpid=nl_7%2Boggi_sole24ore_com '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>7. <u>15 LUGLIO 2011 – Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione</b></u></font> <br><br>

E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 164 del 16 luglio 2011, la <b>LEGGE 15 luglio 2011, n. 111</b>, recante <i>"Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria"</i><br>
<b>Il testo della legge viene riportato nei Riferimenti normativi</b>.<br><br>

. Per scaricare una <b>Nota di lettura a cura dell'ANCI dei contenuti della legge n. 111/2011</b>, clicca <a href =' http://www.anci.it/Contenuti/Allegati/nota%20di%20lettura%20manovra_27%20luglio%2020111.pdf '<b>QUI</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>8. <u>APPROFONDIMENTI</b></u></font> <br><br>

. Per un <b>approfondimento sui contenuti della manovra</b> e per visitare il sito del Governo, clicca <a href =' http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/manovra_giugno2011/index.html '<b>QUI</a></b><br><br>

. Per un <b>approfondimento sui contenuti della manovra</b>, elaborato dal Il Sole24Ore, clicca <a href =' http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2011-07-14/tutta-manovra-voci-accisa-185518.shtml?uuid=Aa2Mr9nD&cmpid=nl_7%2Boggi_sole24ore_com '<b>QUI</a></b><br><br>

. Per un <b>approfondimento sui contenuti del decreto legge</b>, elaborato dal Il sussidiario.net, clicca <a href =' http://www.ilsussidiario.net/Speciali/Manovra-finanziaria-2011/ '<b>QUI</a></b><br><br>

. Per un <b>approfondimento sui contenuti del decreto legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale</b>, elaborato dal FiscoOggi, clicca <a href =' http://www.fiscooggi.it/attualita/articolo/manovra-e-gazzetta-ufficiale-misure-511-miliardi-4-anni '<b>QUI</a></b><br><br>


</td>
</tr>
</table><br>

<table width='100%' border=3>
<tr>
<TH align='center' bgcolor='#dddddd'>
<b>LA MANOVRA CORRETTIVA 2010</b> <BR>
</th>
</tr>
<tr>
<td><br>

<font class='special'><b>1. <u>31 MAGGIO 2010 - La pubblicazione del decreto legge sulla Gazzetta Ufficiale</font></b></u><br><br>

<b>1.1. <u>I contenuti e le finalità della manovra</b></u><br><BR>

E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010 (Supplemento Ordinario n. 114), il <B>Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78</B>, contenente <I>"Misure urgenti in materia di stabilizzazione economica e finanziaria"</i>.<br>
<b>Il testo del decreto legge viene riportato nei Riferimenti normativi</b>.<br><br>

<b>24, 9 miliardi in due anni</b>: è questa la cifra complessiva della manovra varata dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 25 maggio scorso. <br>
Il decreto-legge sulle <i>"Misure urgenti finalizzate alla stabilizzazione finanziaria e alla competitività economica" </i>ha lo scopo di abbassare il rapporto tra deficit e PIL dal 5% attuale al 2,7% nel 2012, ossia al di sotto del 3%, così come richiesto dall'Unione europea per ristabilire la credibilità dell'Euro Zona.<br>
"Questa manovra", ha detto il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nel corso della conferenza stampa di presentazione, "non è la tradizionale operazione di aggiustamento dei conti pubblici. S'inquadra nella crisi dell'euro scatenata dalla speculazione e ha come obiettivo una riduzione del peso dello Stato nell'economia e nella società".<br>
La manovra è incentrata su tagli alla spesa pubblica, su una riduzione dei costi della politica e della pubblica amministrazione. <br>
Dal lato delle entrate, le misure si concentrano sul contrasto all'evasione fiscale e contributiva. <br>
Previsti, inoltre, incentivi fiscali a favore delle imprese al fine di favorire il rilancio dell'economia. <br>
Il decreto è costituito da 55 articoli e tre capi, divisi in due parti,:la prima per garantire la sostenibilità finanziaria e la seconda per incentivare la competitività economica. <br>
Una manovra "strutturalissima", ha tenuto a precisare il ministro Tremonti, priva cioè di interventi tampone.<br>
(Fonte: <i>Notizie dal Governo</i>)<br><br>

. Se vuoi <b>approfondire i contenuti della manovra e visitare il sito del Governo italiano</b>, clicca <a href =' http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/manovra2010/ '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<b>1.2. <u>31 MAGGIO 2010 - La presentazione al Senato per la conversione in legge</b></u><br><br>

In data 31 maggio 2010, il decreto legge n. 78/2010 è stato presentato al Senato (Atto n. 2228) per la sua conversione in legge.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del Disegno di legge n. 2228, con le allegate relazioni</b>, clicca <a href =' http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00483764.pdf '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<b>1.3. <u>15 LUGLIO 2010 - Maxiemendamento approvato dal Senato</b></u><br><br>

In data 15 luglio 2010, il Senato ha approvato il
maxiemendamento presentato dal Governo.<br>
Il testo passa ora alla Camera per la sua approvazione definitiva.<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del disegno di legge approvato dal Senato il 15 luglio 2010 (Atto Senato S. 2228)</b>, clicca <a href =' http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00501368.pdf '> <b>QUI</b>.</a> <br><br>

. Se vuoi <b>approfondire i contenuti della manovra 2010 e visitare il sito del Governo</b>, clicca <a href =' http://www.palazzochigi.it/GovernoInforma/Dossier/manovra2010/ '> <b>QUI</b>.</a> <br><br><br>

<b>1.4. <u>29 LUGLIO 2010 - L'approvazione della manovra da parte della Camera</b></u> <br><br>

La Camera, dopo la votazione degli ordini del giorno, ha approvato in via definitiva il disegno di legge, già approvato dal Senato, di conversione del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica (C. 3638).<br><br>

. Se vuoi <b>scaricare il testo del disegno di legge approvato dal Senato e dalla Camera (Atto Camera C. 3638)</b>, clicca <a href =' http://nuovo.camera.it/view/doc_viewer_full?url=http%3A//www.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0039830.pdf&back_to=http%3A//nuovo.camera.it/126%3FPDL%3D3638%26leg%3D16%26tab%3D2%26stralcio%3D%26navette%3D '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<font class='special'><b>2. <u>30 LUGLIO 2010 - Pubblicazione della legge di conversione sulla Gazzetta Ufficiale - Contenuti</font></b> </u> <br><br>

E’ stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 176 del 30 luglio 2010 (Supplemento Ordinario n. 174), la <b>Legge 30 luglio 2010, n. 122</b>, recante <i>”Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica”</i>.<br>
<b>Il testo del decreto legge n. 78/2010, coordinato con le modifiche apportate dalla legge di conversione, viene riportato nei Riferimenti normativi</b>.<br><br>

<b>Di seguito, ci limitiamo a segnalare, molto sinteticamente, il contenuto di alcuni articoli, che riteniamo assai importanti</b>.<br><br>

<B>1. <U>Art. 4, commi da 1 a 4 - Nuovi sistemi di pagamento della Pubblica amministrazione</b></u><br>
Spetterà al Ministero dell’Economia e delle Finanze promuovere la realizzazione di un servizio nazionale per pagamenti su carte elettroniche istituzionali, inclusa la tessera sanitaria. <br>
L'obiettivo è favorire una maggiore efficienza nei pagamenti e nei rimborsi dei tributi effettuati da parte di enti e pubbliche amministrazioni a cittadini e utenti. <br>
A regime, il processo offrirà al cittadino la possibilità di ricevere somme mediante accredito su una carta elettronica "istituzionale" già in suo possesso (come la tessera sanitaria o la carta multi servizi Inps). <br>
E' previsto un canone a carico del gestore finanziario del servizio, che deve essere pari al 20% delle commissioni di interscambio che il gestore del servizio consegue per i pagamenti diretti che sono effettuati dai cittadini con le carte. <br><br>

<B>2. <U>Art. 7 - Soppressione enti pubblici inutili </b></u><br>
Chiuderanno i battenti l'IPSEMA (Istituto di previdenza per il settore marittomo), l'ISPESL (Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza de,l lavoro), le funzioni saranno assunte dall’INAIL.
Chiude anche l'IPOST (Ente di previdenza dei postelegrafonici, che confluirà nell’INPS, e l'ENAM (Ente nazionale di assistenza magistrale), che viene riassorbito dall'INPDAP. <br>
Si prevede, poi, una riorganizzazione dell'ordinamento degli enti pubblici di previdenza e assistenza, con tagli, anche, al consiglio di indirizzo e vigilanza. <br>
Lo IAS (Istituto di affari sociali), confluirà nell'ISFOL, e l'ENAPPSMAD (Ente nazionale di assistenza e previdenza per i pittori e scultori, musicisti, scrittori e autori drammatici), nell'ENPALS. <br>
Sarà soppresso l'ISAE (Istituto di studi e analisi economica); le funzioni e le risorse passeranno al Ministero dell’Economia e delle Finanze. <br>
La Presidenza del Consiglio dei Ministri subentrerà nell'EIM (Ente italiano della montagna). <br>
L'INSEAN (Istituto nazionale per studi e esperienze di architettura navale) viene soppresso; le funzioni saranno trasferite al CNR (Consiglio nazionale delle ricerche). <br>
Si riscrive la ricostituzione del consiglio di amministrazione della SOGIN Spa e la nuova nomina dei componenti degli organi sociali della SACE Spa. <br>
Vengono, poi, attribuite alla Presidenza del Consiglio dei Ministri le funzioni di programmazione economica e finanziaria per gli interventi per lo sviluppo economico e territoriali, inclusa la gestione del Fondo aree sottoutilizzate, fatta eccezione per le funzioni di programmazione economica e finanziaria non ricomprese nelle politiche di sviluppo e coesione. <br>
Il ministero per lo Sviluppo economico vigilerà sul Comitato nazionale permanente per il microcredito. <br>
Viene soppressa l'Agenzia autonoma per la gestione dell'albo dei segretari comunali e provinciali. <br><br>

<B>3. <U>Art. 13 - Casellario dell'assistenza</b></u><br>
Sarà istituito presso l'INPS il Casellario dell’assistenza quale banca dati unitaria e generale delle prestazioni di natura assistenziale erogate su tutto il territorio nazionale. <br>
Il Casellario costituisce l'anagrafe generale delle posizioni assistenziali e delle relative prestazioni, condivisa tra tutte le amministrazioni centrali dello Stato, gli enti locali, le organizzazioni no profit e gli organismi gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie che forniscono obbligatoriamente i dati e le informazioni contenute nei propri archivi e banche dati, per la realizzazione di una base conoscitiva per la migliore gestione della rete dell'assistenza sociale, dei servizi e delle risorse. <br>
La norma specifica poi alcuni requisiti reddituali necessari per accedere alle prestazioni previdenziali. <br>
Si chiarisce, in primo luogo, che tali prestazioni siano collegate al reddito, per ciascun anno solare, sulla base del reddito dell'anno precedente. <br>
Si prevede, poi, per i redditi da pensione, che sono a conoscenza dell'Inps, che vengano presi in considerazione i redditi dell'anno in corso. <br>
Si prevede, infine, l'obbligo di comunicazione dei dati reddituali da parte dei pensionati agli enti previdenziali, limitatamente ai redditi per i quali non sussiste l'obbligo di comunicazione all'amministrazione finanziaria e, pure, la sospensione della prestazione collegato al reddito in caso di mancata comunicazione nei tempi e modi che saranno stabiliti dai singoli enti. <br><br>

<B>4. <U>Art. 20 - Tracciabilità pagamenti </b></u><br>
Il tetto all’uso del contante scende, dagli attuali 12.500,00 euro, a 5.000,00 euro con possibilità di variazione in relazione alla media europea. <br>
Riscritte anche le sanzioni, prevedendo un inasprimento dei valori minimi e massimi riferibili alle infrazioni che superano i 50.000,00 euro. <br>
Per le violazioni inferiori a questo importo, la sanzione non potrà essere inferiore a 3.000,00 euro. <br>
Per le violazioni che riguardano importi superiori a 50.000,00 euro, le sanzioni minima e massima sono aumentate del cinquanta per cento.<br>
In fase di conversione è stata aggiunta una modifica nella quale si prevede la non applicabilità delle sanzioni di cui all'articolo 58 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, per la violazione delle disposizioni previste dall'articolo 49, commi 1, 5, 8, 12 e 13 del medesimo decreto, commesse nel periodo dal 31 maggio 2010 al 15 giugno 2010 e riferite alle limitazioni di importo introdotte dal comma 1 del presente articolo. <br><br>

<B>5. <U>Art. 23 - Imprese "apri e chiudi", contrasto al fenomeno </b></u><br>
Viene prevista una specifica azione di vigilanza fiscale sulle cosiddette imprese "apri e chiudi". <br>
La norma prevede che le imprese che cessano l'attività entro un anno dall'inizio siano considerate ai fini delle posizioni da sottoporre a controllo da parte dell'Agenzia delle entrate, della Gdf e dell'Inps. <br>
Lo scopo è quello di assicurare una vigilanza sistematica su queste situazioni a rischio di evasione e frode fiscale e contributiva. <br><br>

<b>6. <u>Art. 29, comma 6 - Nuovo adempimento a carico del Curatore tramite ComUnica</b></u> <br>
Secondo quanto disposto dal comma 6, dell’art. 29 della Legge n. 122/2010, il curatore nominato con sentenza di fallimento o con decreto del tribunale (art. 27 L.F.), dopo aver accettato la carica, entro i due giorni successivi dalla sua nomina, al giudice delegato (art. 29 L.F.), deve comunicare, entro i successivi quindi giorni, tramite la Comunicazione Unica, “i dati necessari ai fini dell’eventuale insinuazione al passivo della procedura concorsuale”. <br>
Nella Relazione al provvedimento viene chiarito che, in questo caso, la norma a cui si fa riferimento è l’art. 8, comma 4 del D.P.R. n. 322/1998, come modificato dall’art. 10, comma 1, del D.L. n. 78/2009, convertito dalla legge n. 102/2009 e che tale comunicazione deve essere fatta all'Agenzia delle Entrate comunicando le informazioni necessarie a garantire l’avvio della procedura di insinuazione al passivo in tempi utili a garantire la tutela del credito erariale. <br>
Lo stesso comma ha inoltre stabilito che, nel caso di violazione dell’obbligo di tale comunicazione, le sanzioni amministrative pecuniarie previste (art. 11, D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471) sono raddoppiate.<br><br>

. Se vuoi <b>approfondire l’argomento</b>, clicca <a href =' http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=115 '> <b>QUI.</a></b><br><br><br>

<B>7. <U>Art. 30 - Riscossione Inps </b></u><br>
Dal 1° gennaio 2011 il recupero delle somme dovute all'INPS viene effettuata tramite un avviso di addebito con valore di titolo esecutivo. <br>
A pena di nullità l'avviso deve contenere il codice fiscale dell'interessato, il periodo di riferimento e la causale del credito, gli importi addebitati ripartiti tra quota capitale e sanzioni, l'agente della riscossione competente. <br>
In via prioritaria l'avviso sarà notificato tramite posta elettronica certificata o dai messi comunali o dagli agenti della polizia municipale. <br><br>

Per approfondire tale argomento, l'INPS ha amanato la <b>Circolare n. 108 del 9 agosto 2010</b>, con la quale provvede a riassumere le disposizioni di maggiore rilevanza in materia di crediti previdenziali di competenza dell’Istituto e a dettare le prime istruzioni applicative relative alle disposizioni, alcune delle quali applicabili a decorrere dal 31 maggio 2010.<br><br>

- Si riporta il testo della circolare:<br>
. <a href='files/previdenza/2010_108_Circ_INPS.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>INPS - Direzione Centrale Entrate - Circolare n. 108 del 9 agosto 2010</b>: Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. </a><br><br><br>

<b>8. <u>Art. 48 - Nuove disposizioni in materia di procedure concorsuali - Concordato preventivo e accordo di ristrutturazione dei debiti </b></u> <br><br>
L’articolo 48 dispone alcune modifiche alla legge fallimentare (R.D. 16 marzo 1942, n. 267) in tema di:<br>
1) prededucibilità dei crediti sorti in esecuzione o in funzione di un concordato preventivo o di un accordo di ristrutturazione dei debiti (introducendo il nuovo articolo 182-quater L.F.). L’intento è quello di favorire e promuovere l'erogazione di nuovi finanziamenti all'impresa in difficoltà sia da parte di intermediari bancari e finanziari, sia da parte di soci. <br>
2) sospensione delle azioni esecutive e cautelari durante le trattative per concludere gli accordi di ristrutturazione dei debiti (introducendo tre nuovi commi all’art. 182-bis L.F.).<br>
Vengono così introdotti elementi di flessibilità ed efficienza nella disciplina degli accordi di ristrutturazione del debito. <br><br>

. Se vuoi <b>approfondire l’argomento e scaricare il testo aggiornato del R.D. n. 267/1942 (L.F.)</b>, clicca <a href =' http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=115 '> <b>QUI.</a></b> <br><br><br>

<b>9. <u>Art. 49, commi da 1 a 4 - Disposizioni in materia di conferenza di servizi </b></u> <br>
La norma dettata all'art. 49, nei commi dal 1° al 4, modifica le disposizioni contenute negli articoli 14 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, sul procedimento amministrativo in materia di conferenza di servizi al fine di semplificare la relativa disciplina ed accelerare i tempi per l’adozione del provvedimento finale.<br><br>

. Se vuoi <b>approfondire l’argomento e scaricare il testo aggiornato della legge n. 241/1990</b>, clicca <a href =' http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=419 '> <b>QUI.</a></b> <br><br><br>

<b>10. <u>Art. 49, comma 4-bis - Riformulazione dell'art. 19, Legge n. 241/1990 - Dalla DIA alla SCIA</b></u> <br>
Al <b>comma 4-bis</b> viene riproposta una ennesima versione dell’art. 19 della legge n. 241/1990, nella quale <b>si passa dalla “Dichiarazione di inizio attività – DIA” alla “Segnalazione certificata di inizio attività – SCIA”</b>.<br>
Al <b>comma 4-quater</b> viene prevista l’emanazione di uno o più regolamenti volti a semplificare e ridurre gli adempimenti amministrativi gravanti sulle piccole e medie imprese, per i quali vengono dettati i principi e i criteri direttivi da seguire.
Questi regolamenti dovranno essere emanati entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge n. 78/2010.<br><br>

In futuro, la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) sostituirà ogni genere di autorizzazione, licenza, concessione, ecc. prevista per avviare un'impresa. <br><br>

. Se vuoi <b>approfondire l’argomento e scaricare il testo aggiornato della legge n. 241/1990</b>, clicca <a href =' http://www.tuttocamere.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=419 '> <b>QUI.</a></b> <br><br><br>

<B>11. <U>Art. 51, commi da 1 a 6 - Gas naturale </b></u><br>
La norma introduce misure di semplificazione delle procedure per l'installazione di impianti di rifornimento del gas naturale (metano) al fine di promuovere l'utilizzo degli autoveicoli alimentati con tale combustibile, che consentono un risparmio economico, oltre a ridurre l'inquinamento ambientale. <br>
L'eliminazione di una serie di adempimenti considerati inutili dovrebbe promuovere la formazione sul territorio di una rete capillare di distributori per autoveicoli a metano. <br>
Si prevede, poi, che i consumi di gas naturale destinato agli impianti (cioè, agli impianti fissi senza serbatoi d'accumulo derivati da rete domestica e adibiti al rifornimento per autotrazione) siano assoggettati alle aliquota di accisa previste per il gas naturale per combustione per usi civili. <br><br>

<B>12. <U>Art. 51, comma 7 - Autotrasporto </b></u><br>
Viene prorogato al 31 dicembre 2010 il termine per l'emanazione di un decreto del ministro dei Trasporti, di concerto con il ministro dello Sviluppo economico, previa intesa con la Conferenza unificata, recante disposizioni tese a impedire pratiche di esercizio abusivo del servizio di taxi e del servizio di noleggio con conducente o, comunque, non rispondenti ai principi ordinamentali che regolano la materia, nonchè a definire gli indirizzi generali per l'attività di programmazione e di pianificazione delle regioni, ai fini del rilascio, da parte dei comuni, dei titoli autorizzativi. <br><br>

<B>13. <U>Art. 52 - Fondazioni bancarie e valutazione titoli </b></u><br>
Viene prevista una norma d'interpretazione autentica dell'articolo 10, comma 1, del decreto legislativo 17 maggio 1999, n. 153, diretta ad attribuire al Tesoro la vigilanza su tutte le fondazioni bancarie. <br>
Previste anche delle incompatibilità per i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione, controllo presso la fondazione. <br>
In particolare, i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione o controllo presso la fondazione non possono ricoprire funzioni di amministrazione, direzione o controllo presso la societa' bancaria conferitaria o sue controllate o partecipate. <br>
I soggetti che svolgono funzioni di indirizzo presso la fondazione non possono ricoprire funzioni di amministrazione, direzione o controllo presso la societa' bancaria conferitaria. <br><br>

<B>14. <U>Art. 54-ter - Servizi di linea </b></u><br>
Viene previsto che i servizi di linea di competenza statale non possano essere soggetti a obblighi di servizio, come, invece, previsto dalla normativa comunitaria in materia, e a fronte del loro esercizio, non venga erogata alcuna compensazione o altra forma di contribuzione pubblica. <br><br>


</td>
</tr>
</table><br>





<table width='100%' border=3>
<tr>
<th bgcolor=#dddddd>
<center><b>RIFERIMENTI NORMATIVI </b></center>
</th>
</tr>
<tr>
<td bgcolor=#ffffcc><br>

. <a href='files/Archivio/2010_78.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78</b>: Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica. </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/2010_122.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>LEGGE 30 luglio 2010, n. 122</b>: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica. (<i>Testo del decreto legge coordinato con le modifiche apportate dalla legge di conversione</i>)</a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/2011_98.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98</b>: Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. </a><br><br>

. <a href='files/Archivio/2011_111_GU.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>LEGGE 15 luglio 2011, n. 111</b>: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (<i>Testo ufficiale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale</i>). </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/2011_111.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>LEGGE 15 luglio 2011, n. 111</b>: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (<i>Testo del decreto legge coordinato con le modifiche apportate dalla legge di conversione</i>). </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/2011_111_Testo_Comparato.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>LEGGE 15 luglio 2011, n. 111</b> - Testo del decreto legge n. 98/2011 a confronto con le modifiche apportate dalla legge di conversione n. 111/2011. </a> <br><br>

. <a href='files/previdenza/2011_104_Circ_INPS.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>INPS - Direzione Centrale Pensioni - Circolare del 5 agosto 2011, n. 104</b>: Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito nella legge 15 luglio 2011,
n. 111 (in G.U. 16/07/2011, n. 164). Disposizioni in materia di contenzioso previdenziale ed assistenziale. Articolo 38, comma 6 e 7: novità in materia di elenchi nominativi annuali dei lavoratori dell’agricoltura.</a> <br><br>

. <a href='files/previdenza/2011_109_Circ_INPS.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>INPS - Direzione Centrale Pensioni - Circolare del 5 agosto 2011, n. 109</b>: Contributo di perequazione sui trattamenti pensionistici: articolo 18,
comma 22-bis, del decreto-legge 6 luglio 2011, n.98, come modificato dalla legge di conversione n. 111 del 15 luglio (Gazzetta Ufficiale, serie generale, n. 164 del 16 luglio 2011). Istruzioni operative e contabili.
Variazioni al piano dei conti.</a> <br><br>

. <a href='files/previdenza/2011_16032_Mess_INPS.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>INPS - Direzione Centrale Pensioni - Messaggio del 5 agosto 2011, n. 16032</b>: Novità legislative in materia previdenziale, introdotte dalla legge 15 luglio
2011, n. 111 di conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale serie generale n.
164 del 16 luglio 2011, recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria.</a> <br><br>

. <a href='files/imposte/2011_40_Circ_AdE.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa - Circolare n. 40/E del 4 agosto 2011</b>: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli – Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2011, n. 111 – Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria - chiarimenti. </a> <br><br>

. <a href='files/imposte/2011_41_Circ_AdE.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa - Circolare n. 41/E del 5 agosto 2011</b>: Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n.111. Commento alle novità fiscali – Primi chiarimenti. </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/2011_138.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>Decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138</b>: Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio/2011_148.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>LEGGE 14 settembre 2011, n. 148</b>: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. Delega al Governo per la riorganizzazione della distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari. </a> <br><br>

. <a href='files/Archivio1/2017_50_GU.pdf' target=_new><img src='images/pdf.gif' border=0> <b>DECRETO-LEGGE 24 aprile 2017, n. 50</b>: Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo </a> <img src='images/flashing_new.gif' border=0> <br><br>

</td>
</tr>
</table><br>

Tutti i documenti elencati sono <span style="font-weight: bold; text-decoration: underline;">realizzati in formato PDF</span>; per consultarli occorre installare sul proprio PC il software Adobe Reader <a href="http://www.adobe.com/it/products/acrobat/readstep2.html" target=_blank><img style="border: none;" src="http://www.adobe.com/images/shared/download_buttons/get_adobe_reader.gif" alt="Scarica Adobe Reader" /></a>ru

Read 7579 times
Date 2011-07-01 22:20:23



Attention! You are currently viewing sitemap page!
We strongly suggest to look at original content

Search from web

Valid HTML 4.01 Valid CSS