Benvenuto su TuttoCamere.it Benvenuto su TuttoCamere.it  
  Registrati gratuitamente! Home  ·  Argomenti  ·  Stats  ·  Il tuo account  ·  Inserisci Articolo  ·  Top 10  

  Mappa del Sito
· Home
· Archivio Notizie
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Cerca
· Contenuti
· Downloads
· FAQ
· Feedback
· Il Tuo Account
· La Camera di Commercio
· Link Utili
· Messaggi Privati
· Proponi Notizia
· Raccomanda questo sito
· Sondaggi
· Top 10

  Cerca con Google
Google
Web www.tuttocamere.it

  Sponsor

  Accorpamenti CCIAA
Gli accorpamenti delle Camere di Commercio
La riforma delle Camere di Commercio
Gli accorpamenti

  Software e servizi
La CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI
LA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI delle Camere di Commercio d’Italia



FIRMA DIGITALE

FIRMA DIGITALE
Dike 6 e Business key
Il software di firma digitale



COMUNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA D'IMPRESA
Registro imprese, Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP

Versione corrente 1.3.0


FedraPlus
FedraPlus
Software per la compilazione della pratica Registro imprese

Versione corrente 06.94.04


COMUNICA Starweb
COMUNICA Starweb
Il servizio per la compilazione della Comunicazione Unica

Versione corrente 3.6.7


L'ufficio online del Registro delle imprese

REGISTROIMPRESE.IT
L'ufficio online del Registro delle imprese
I dati ufficiali delle Camere di Commercio



Impresa in un giorno

Impresa in un giorno
La tua scrivania telematica
Gestisci online le pratiche per la tua attività



La pubblica amministrazione per l''impresa

La Pubblica Amministrazione per l''impresa

Nuovo accesso federato di Impresa.gov.it e Impresainungiorno.gov.it.


La posta certificata di Infocamere

PEC LEGALMAIL
La posta certificata di Infocamere



INI PEC

Qui puoi cercare gli indirizzi PEC di imprese e professionisti italiani



 SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID
Sistema Pubblico di Identità Digitale



I CONTO

”ICONTO”
Il conto per i pagamenti verso le Camere di Commercio e le altre PP.AA.



Incentivi.gov.it

INCENTIVI.GOV.IT
Al cuore dello sviluppo



BENVENUTA IMPRESA

BENVENUTA IMPRESA
I servizi camerali per l’impresa digitale



IMPRESA.ITALIA.IT

IMPRESA.ITALIA.IT
Un nuovo servizio per il cittadino imprenditore



DIRITTO ANNUALE – Calcola e Paga on line

DIRITTO ANNUALE CAMERALE – Calcola e Paga on line



ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione

ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione



FATTURAZIONE ELETTRONICA
FATTURAZIONE ELETTRONICA
Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. semplice e sicuro
Scopri Legalinvoice



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Servizio InfoCamere



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Sistema di interscambio



Cert.Impresa

Cert.Impresa



NoiPA

NoiPA
Servizi PA a Persone PA



LINEA AMICA

LINEA AMICA
Il portale degli italiani



Italia Sicura

ItaliaSicura
La mappa dei cantieri antidissesto



SoldiPubblici
Soldi Pubblici
Scopri quanto spende chi e per cosa.



VerifichePA

Il servizio delle Camere di Commercio per le PP.AA. per la verifica dell’autocertificazione d’impresa



Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa

Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa



Logo UnionCamere

Il portale delle Camere di Commercio d'Italia



Vorld Pass

Servizio di Conciliazione delle Camere di Commercio



Vorld Pass

ConciliaCamera
Il tuo spazio per la mediazione online



WORLD PASS

Scopri come internazionalizzare la tua impresa



DESTINAZIONE ITALIA

Aprire l’Italia ai CAPITALI e ai TALENTI del mondo



INDUSTRIA 4.0

INDUSTRIA 4.0
Piano nazionale Industria 4.0



PID

PID
Punto Impresa Digitale



Qui si parla di Start-up innovativa

Percorso per creare una Start-up innovativa



CONTRATTI DI RETE<br> COLLABORARE PER COMPETERE

CONTRATTI DI RETE
Portale che sostiene la nascita e lo sviluppo delle reti d’impresa in Italia



PROGETTO EXCELSIOR
PROGETTO EXCELSIOR
I programmi occupazionali delle imprese rilevati dal sistema delle Camere di Commercio



CRESCERE IN DIGITALE

CRESCERE IN DIGITALE
Entra nel mondo del lavoro digitale
Formazione e tirocini per i giovani



ECCELLENZE IN DIGITALI

ECCELLENZE IN DIGITALE
Sviluppa le tue competenze digitali



GARANZIA GIOVANI

GARANZIA GIOVANI
Un’impresa per il tuo futuro



Registro delle imprese storiche italiane

Registro delle imprese storiche italiane



Registro nazionale per l’alternanza <br>SCUOLA LAVORO

Registro nazionale per l’alternanza
SCUOLA LAVORO
Il portale delle Camere di Commercio

  ALTRI ORGANISMI
UNIONCAMERE
UNIONCAMERE
Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura



STARnet

La rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio



INFOCAMERE

INFOCAMERE
Società in-house delle Camere di Commercio italiane



UNIVERSITA’ MERCATORUM

L’Università di tutte le aziende italiane
La prima Startup University tutta italiana



ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE

ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE
Per la promozione della cultura economica

Fondazione di Unioncamere

  REGISTRO IMPRESE

Camera di Commercio di Sassari
IL REGISTRO DELLE IMPRESE NELLA GIURISPRUDENZA
Raccolta delle più importanti pronunce dei Giudici del Registro delle imprese dal 1996 in poi.

  ISTAT
ISTAT
Indice Nazionale dei prezzi al consumo



ISTAT
Classificazione delle attività economiche
ATECO 2007



Noi Italia

100 statistiche
per capire il Paese in cui viviamo

  ITALIA.IT
Sito ufficiale del turismo in Italia
Sito ufficiale del turismo in Italia

  Dona con PayPal!
Se ritieni che il lavoro che facciamo sia utile, valido e soprattutto soddisfi le tue aspettative professionali e vuoi dimostrare il tuo apprezzamento e sostegno con una donazione a piacere, utilizza il bottone "Donazione" qui sotto.
GRAZIE!

  Meteo Italia
Servizio Meteorologico Aeronautica
Servizio Meteorologico dell'aeronautica

  AvventuraMarche
... scopri il fascino di questa meravigliosa regione? AvventuraMarche.it

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatevi su dove volete andare

FARNESINA
Informatevi su dove volete andare

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatici dove siete nel mondo

FARNESINA
Informateci dove siete nel mondo
SOCIETA' PER AZIONI - DICHIARAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SUL VALORE DEI BENI E/O DEI CREDITI CONFERITI





SOCIETA’ PER AZIONI – DICHIARAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SUL VALORE DEI BENI E/O DEI CREDITI CONFERITI

Il nuovo testo normativo

In attuazione della Direttiva 2006/68/CE, che modifica la direttiva 77/91/CEE relativamente alla costituzione delle società per azioni nonché alla salvaguardia e alle modificazioni del capitale sociale, è stato emanato il Decreto legislativo 4 agosto 2008, n. 142 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 216 del 15 settembre 2008).
Detto provvedimento innova il Capo V, Titolo V, Libro V del Codice Civile e contiene la nuova disciplina dei conferimenti nel capitale sociale delle S.p.A. diversi dal denaro, in sede di costituzione e di aumento del capitale stesso.
Nello specifico, dopo l’articolo 2343-bis del Codice, vengono inseriti gli articoli 2343-ter e 2343-quater.
Entrambi riguardano e disciplinano, diversamente dal passato, l’acquisizione da parte delle società per azioni dei conferimenti diversi dal denaro al momento della costituzione.
Si riporta il testo di entrambi gli articoli.

Articolo 2343-ter (Conferimento di beni in natura o crediti senza relazione di stima)
1. Nel caso di conferimento di valori mobiliari ovvero di strumenti del mercato monetario non e' richiesta la relazione di cui all'articolo 2343, primo comma, se il valore ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell'eventuale sovrapprezzo e' pari o inferiore al prezzo medio ponderato al quale sono stati negoziati su uno o piu' mercati regolamentati nei sei mesi precedenti il conferimento.
2. Non e' altresi' richiesta la relazione di cui all'articolo 2343, primo comma, qualora il valore attribuito, ai fini della determinazione del capitale sociale e dell'eventuale sovrapprezzo, ai beni in natura o crediti conferiti, diversi da quelli di cui al primo comma, corrisponda:
a) al valore equo ricavato da un bilancio approvato da non oltre un anno, purche' sottoposto a revisione legale e a condizione che la relazione del revisore non esprima rilievi in ordine alla valutazione dei beni oggetto del conferimento, ovvero
b) al valore equo risultante dalla valutazione, precedente di non oltre sei mesi il conferimento e conforme ai principi e criteri generalmente riconosciuti per la valutazione dei beni oggetto del conferimento, effettuata da un esperto indipendente da chi effettua il conferimento e dalla società e dotato di adeguata e comprovata professionalità.
3. Chi conferisce beni o crediti ai sensi del primo e secondo comma presenta la documentazione dalla quale risulta il valore attribuito ai conferimenti e la sussistenza, per i conferimenti di cui al secondo comma, delle condizioni ivi indicate. La documentazione e' allegata all'atto costitutivo.
4. L'esperto di cui al secondo comma, lettera b), risponde dei danni causati alla società, ai soci e ai terzi.

Articolo 2343-quater (Fatti eccezionali o rilevanti che incidono sulla valutazione)
1. Gli amministratori verificano, nel termine di trenta giorni dalla iscrizione della società, se, nel periodo successivo a quello di cui all'articolo 2343-ter, primo comma, sono intervenuti fatti eccezionali che hanno inciso sul prezzo dei valori mobiliari o degli strumenti del mercato monetario conferiti in modo tale da modificare sensibilmente il valore di tali beni alla data effettiva del conferimento, comprese le situazioni in cui il mercato dei valori o strumenti non e' piu' liquido, ovvero se, successivamente al termine dell'esercizio cui si riferisce il bilancio di cui alla lettera a) del secondo comma dell'articolo 2343-ter, o alla data della valutazione di cui alla lettera b) del medesimo comma si sono verificati fatti nuovi rilevanti tali da modificare sensibilmente il valore equo dei beni o dei crediti conferiti. Gli amministratori verificano altresì nel medesimo termine i requisiti di professionalità ed indipendenza dell'esperto che ha reso la valutazione di cui all'articolo 2343-ter, secondo comma, lettera b).
2. Qualora gli amministratori ritengano che siano intervenuti i fatti di cui al primo comma ovvero ritengano non idonei i requisiti di professionalità e indipendenza dell'esperto che ha reso la valutazione di cui all'articolo 2343-ter, secondo comma, lettera b), procedono ad una nuova valutazione. Si applica in tal caso l'articolo 2343.
3. Fuori dai casi di cui al secondo comma, e' depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, nel medesimo termine di cui al primo comma, una dichiarazione degli amministratori contenente le seguenti informazioni:
a) la descrizione dei beni o dei crediti conferiti per i quali non si e' fatto luogo alla relazione di cui all'articolo 2343, primo comma;
b) il valore ad essi attribuito, la fonte di tale valutazione e, se del caso, il metodo di valutazione;
c) la dichiarazione che tale valore e' almeno pari a quello loro attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell'eventuale sovrapprezzo;
d) la dichiarazione che non sono intervenuti fatti eccezionali o rilevanti che incidono sulla valutazione di cui alla lettera b);
e) la dichiarazione di idoneità dei requisiti di professionalità e indipendenza dell'esperto di cui all'articolo 2343-ter, secondo comma, lettera b).
4. Fino all'iscrizione della dichiarazione le azioni sono inalienabili e devono restare depositate presso la società.



I contenuti della nuova normativa

Precedentemente all’entrata in vigore del predetto decreto legislativo, la possibilità di eseguire un conferimento in natura era sempre condizionata alla presentazione da parte del conferente di una relazione giurata, contenente la descrizione dei beni e dei crediti conferiti e l’attestazione circa il valore ipotetico dei conferimenti stessi (art. 2343 c.c.).
La relazione di stima ora è richiesta solo laddove non ricorrano le condizioni previste dall’articolo 2343-ter c.c.


L'articolo 2343-ter

L’art. 2343-ter C.C. introduce per le S.p.A. la procedura di conferimento di beni in natura o di crediti senza relazione di stima, dettando una disciplina articolata, che distingue tra valori mobiliari ed altri beni.
Nel caso di conferimento di valori mobiliari ovvero di strumenti del mercato monetario, non è più richiesta la relazione di stima se il valore ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell’eventuale sovrapprezzo è pari o inferiore al prezzo medio ponderato al quale sono stati negoziati su uno o più mercati regolamentati nei sei mesi precedenti il conferimento.

Nel caso, invece, di beni, inclusi crediti, diversi dai valori mobiliari e dagli strumenti finanziari, la relazione di stima non è richiesta se detto valore corrisponda:
a) al "valore equo" ricavato da un bilancio approvato da non oltre un anno, purchè sottoposto a revisione legale e a condizione che la relazione del revisore non esprima rilievi in ordine alla valutazione dei beni oggetto del conferimento, ovvero
b) al valore equo risultante dalla valutazione, precedente di non oltre sei mesi il conferimento e conforme ai principi e criteri generalmente riconosciuti per la valutazione dei beni oggetto del conferimento, effettuata da un esperto indipendente e dotato di adeguata e comprovata professionalità
.

L’articolo 2343-ter stabilisce inoltre che chi conferisce beni in natura o crediti deve presentare alla società semplicemente la documentazione dalla quale risulti il valore attribuito ai conferimenti e la sussistenza delle condizioni previste dalla legge che escludono l’obbligatorietà della relazione di stima.
Questa documentazione, come la relazione di stima, deve sempre essere allegata all’atto costitutivo.
Inoltre, in ragione dell’importanza del ruolo che assolve, la norma prevede che l’esperto risponde dei danni causati alla società, ai soci e ai terzi.


Il Consiglio Notarile di Milano si è espresso recentemente, con la massima n. 101, in materia di "valore equo" ricavato da un bilancio approvato da non oltre un anno di cui all’articolo 2343-ter, comma 2, lett. a) c.c. affermando che esso consiste nel valore correttamente iscritto in un bilancio approvato nei tempi e con i requisiti richiesti dalla norma stessa a prescindere dal fatto che:
- il bilancio sia redatto secondo i principi contabili IAS/IFRS o secondo le norme e i principi contabili emanati da ogni Stato membro in ossequio alla quarta direttiva comunitaria (direttiva 78/660/CEE);
- il bene o i beni da conferire siano icritti in bilancio con il criterio del “valore equo” o con altro criterio, purchè siano iscritti in conformità ai criteri stabiliti dalle norme e ai principi applicabili al caso concreto.
Nella medesima massima, il Consiglio Notarile di Milano sostiene che affinchè il valore risultante dal bilancio possa costituire parametro di riferimento per la valutazione dei beni oggetto di conferimento in s.p.a., occorre:
a) che si tratti del bilancio di esercizio, approvato da non oltre un anno, che sia riferito a una data non anteriore alla chiusura dall’ultimo esercizio per il quale sia scaduto il termine legale di approvazione;
b) che il bilancio sia stato nel caso concreto sottoposto a controllo o revisione contabile ai sensi degli art. 2409-bis c.c. o 155 TUF sempre che il revisore non abbia espresso rilievi o impossibilità di esprimere un giudizio;
c) che si tratti in alternativa di un bilancio infrannuale avente le medesime caratteristiche e redatto secondo le norme del bilancio di esercizio: disposizione, quest’ultima, che si pone in contrasto con la costante interpretazione secondo cui per i bilanci straordinari è esclusa la revisione legale (e quindi l’espressione di un giudizio).

Il Consiglio Notarile di Milano, con la recente massima n. 102, sostiene che “la valutazione precedente non oltre sei mesi il conferimento” può consistere sia in una valutazione commissionata ed eseguita al solo fine di effettuare il conferimento avvalendosi del regime alternativo di cui agli articoli 2343-ter e ss. c.c. sia in una valutazione già eseguita ad altri fini, purchè rispondente ai requisiti richiesti dalla norma.
Secondo la medesima massima la perizia di cui ci si avvale ai sensi dell’articolo 2343-ter, comma 2), lett. b) non deve essere asseverata di giuramento e il termine di sei mesi richiesto dalla norma decorre dalla data a cui è riferita la valutazione peritale e deve ritenersi rispettato:
- in sede di costituzione della società, qualora entro i sei mesi sia sottoscritto l’atto costitutivo;
- in sede di aumento di capitale, qualora entro i sei mesi sia eseguito il conferimento in natura.


L'articolo 2343-quater

L’articolo 2343-quater prevede poi che, nel termine di trenta giorni dall’iscrizione della società, gli amministratori, al fine di procedere eventualmente ad una nuova valutazione, devono verificare:
• se, nel periodo successivo a quello in cui sono stati effettuati i conferimenti, sono intervenuti fatti eccezionali che hanno inciso sul valore dei beni conferiti; o
• se, successivamente al termine dell’esercizio, si sono verificati fatti nuovi rilevanti tali da modificare sensibilmente il fair value dei beni o dei crediti conferiti.
Spetta, inoltre, agli amministratori il controllo dei requisiti di professionalità ed indipendenza dell’esperto che ha reso la valutazione.

Qualora gli amministratori ritengano che siano intervenuti fatti eccezionali e rilevanti tali da modificare il valore effettivo dei conferimenti eseguiti o, non riscontrino la sussistenza dei requisiti richiesti in capo all’esperto nell’ipotesi prevista, essi procedono ad una nuova valutazione e si applica l’articolo 2343 c.c., quindi:
• fino a quando le valutazioni non sono state controllate, le azioni corrispondenti ai conferimenti in natura sono inalienabili e devono restare depositate presso la società;
• se risulta che il valore dei beni e dei crediti era inferiore di oltre un quinto a quello per cui avvenne il conferimento, la società deve proporzionalmente ridurre il capitale sociale, annullando le azioni che risultano scoperte;
• il socio conferente può decidere, però, di versare la differenza in denaro o di recedere dalla società.

Se, invece, non sono intervenuti fatti eccezionali e se sono ritenuti idonei i requisiti di professionalità ed indipendenza dell’esperto, gli amministratori devono depositare per l'iscrizione nel Registro delle imprese una dichiarazione circa il valore attribuito ai beni conferiti all’esito della verifica.
La dichiarazione degli amministratori deve contenere le seguenti informazioni:
• la descrizione dei beni o dei crediti conferiti per i quali non si è fatto luogo alla relazione di stima;
• il valore ad essi attribuito, la fonte di tale valutazione e il metodo di valutazione;
• la dichiarazione che tale valore è almeno pari a quello loro attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell’eventuale sovrapprezzo;
• la dichiarazione che non sono intervenuti fatti eccezionali o rilevanti che incidono sulla valutazione dei conferimenti;
• la dichiarazione di idoneità dei requisiti di professionalità e di indipendenza dell’esperto di cui all’art. 2343-quater, secondo comma, lettera b)
.


Regime pubblicitario

Entro trenta giorni dall’iscrizione della società, gli amministratori devono presentare, al Registro delle imprese competente, domanda di iscrizione della dichiarazione sul valore dei beni e dei crediti conferiti resa ai sensi dell’art. 2343-quater c.c.
Gli effetti della pubblicità legale della dichiarazione nel Registro delle imprese sono quelli della pubblicità dichiarativa (art. 2193 c.c.).
La dichiarazione, se non iscritta, non può essere opposta ai terzi da chi è obbligato a richiederne l’iscrizione, a meno che questi non provi che i terzi ne abbiano avuto conoscenza.
L’ignoranza della dichiarazione non può essere opposta dai terzi dal momento in cui l’iscrizione è avvenuta.
Fino all’iscrizione della dichiarazione le azioni della società sono inalienabili e devono restare depositate presso la sede della stessa.


MANUALI OPERATIVI

Il Registro delle imprese di Torino ha pubblicato una guida dal titolo “SPA – Dichiarazione degli amministratori sul valore dei beni e/o dei crediti conferiti ex art. 2343-quater C.C.”, nella quale vengono fornite le istruzioni complete per la corretta presentazione della domanda di iscrizione di tale dichiarazione.

. Se vuoi scaricare la GUIDA predisposta dal Registro delle imprese di TORINO , clicca QUI.


RIFERIMENTI NORMATIVI

. Direttiva 2006/68/CE del Parlamento e del Consiglio del 6 settembre 2006, che modifica la direttiva 77/91/CEE del Consiglio relativamente alla costituzione delle società per azioni nonché alla salvaguardia e alle modificazioni del loro capitale sociale.

. D. Lgs. 4 agosto 2008, n. 142: Attuazione della direttiva 2006/68/CE, che modifica la direttiva 77/91/CEE relativamente alla costituzione delle società per azioni nonchè alla salvaguardia e alle modificazioni del capitale sociale.


. Se vuoi scaricare il testo aggiornato del Codice Civile dopo le modifiche apportate dal D. Lgs. n. 142/2008, clicca QUI.










Copyright © by TuttoCamere.it All Right Reserved.

Pubblicato su: 2009-04-30 (1618 letture)

[ Indietro ]
Content ©
© 2006-2018 by L. Maurizi & C. Venturi
© 2002-2005 by Leaff Engineering
Informativa completa sul trattamento dei dati personali
Ottimizzazione per motori di ricerca grazie a sitemapper script
Potete collegare le nostre news sul vostro sito usando il file backend.php or ultramode.txt
Questo sito contiene link a indirizzi web esterni. Gli autori del sito non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei siti raggiungibili attraverso questi link.
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.106 Secondi