Benvenuto su TuttoCamere.it Benvenuto su TuttoCamere.it  
  Registrati gratuitamente! Home  ·  Argomenti  ·  Stats  ·  Il tuo account  ·  Inserisci Articolo  ·  Top 10  

  Mappa del Sito
· Home
· Archivio Notizie
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Cerca
· Contenuti
· Downloads
· FAQ
· Feedback
· Il Tuo Account
· La Camera di Commercio
· Link Utili
· Messaggi Privati
· Proponi Notizia
· Raccomanda questo sito
· Sondaggi
· Top 10

  Cerca con Google
Google
Web www.tuttocamere.it

  Sponsor

  Accorpamenti CCIAA
Gli accorpamenti delle Camere di Commercio
La riforma delle Camere di Commercio
Gli accorpamenti

  Software e servizi
La CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI
LA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI delle Camere di Commercio d’Italia



FIRMA DIGITALE

FIRMA DIGITALE
Dike 6 e Business key
Il software di firma digitale



COMUNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA D'IMPRESA
Registro imprese, Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP

Versione corrente 1.3.0


FedraPlus
FedraPlus
Software per la compilazione della pratica Registro imprese

Versione corrente 06.94.04


COMUNICA Starweb
COMUNICA Starweb
Il servizio per la compilazione della Comunicazione Unica

Versione corrente 3.6.7


L'ufficio online del Registro delle imprese

REGISTROIMPRESE.IT
L'ufficio online del Registro delle imprese
I dati ufficiali delle Camere di Commercio



Impresa in un giorno

Impresa in un giorno
La tua scrivania telematica
Gestisci online le pratiche per la tua attività



La pubblica amministrazione per l''impresa

La Pubblica Amministrazione per l''impresa

Nuovo accesso federato di Impresa.gov.it e Impresainungiorno.gov.it.


La posta certificata di Infocamere

PEC LEGALMAIL
La posta certificata di Infocamere



INI PEC

Qui puoi cercare gli indirizzi PEC di imprese e professionisti italiani



 SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID
Sistema Pubblico di Identità Digitale



I CONTO

”ICONTO”
Il conto per i pagamenti verso le Camere di Commercio e le altre PP.AA.



Incentivi.gov.it

INCENTIVI.GOV.IT
Al cuore dello sviluppo



BENVENUTA IMPRESA

BENVENUTA IMPRESA
I servizi camerali per l’impresa digitale



IMPRESA.ITALIA.IT

IMPRESA.ITALIA.IT
Un nuovo servizio per il cittadino imprenditore



DIRITTO ANNUALE – Calcola e Paga on line

DIRITTO ANNUALE CAMERALE – Calcola e Paga on line



ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione

ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione



FATTURAZIONE ELETTRONICA
FATTURAZIONE ELETTRONICA
Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. semplice e sicuro
Scopri Legalinvoice



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Servizio InfoCamere



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Sistema di interscambio



Cert.Impresa

Cert.Impresa



NoiPA

NoiPA
Servizi PA a Persone PA



LINEA AMICA

LINEA AMICA
Il portale degli italiani



Italia Sicura

ItaliaSicura
La mappa dei cantieri antidissesto



SoldiPubblici
Soldi Pubblici
Scopri quanto spende chi e per cosa.



VerifichePA

Il servizio delle Camere di Commercio per le PP.AA. per la verifica dell’autocertificazione d’impresa



Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa

Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa



Logo UnionCamere

Il portale delle Camere di Commercio d'Italia



Vorld Pass

Servizio di Conciliazione delle Camere di Commercio



Vorld Pass

ConciliaCamera
Il tuo spazio per la mediazione online



WORLD PASS

Scopri come internazionalizzare la tua impresa



DESTINAZIONE ITALIA

Aprire l’Italia ai CAPITALI e ai TALENTI del mondo



INDUSTRIA 4.0

INDUSTRIA 4.0
Piano nazionale Industria 4.0



PID

PID
Punto Impresa Digitale



Qui si parla di Start-up innovativa

Percorso per creare una Start-up innovativa



CONTRATTI DI RETE<br> COLLABORARE PER COMPETERE

CONTRATTI DI RETE
Portale che sostiene la nascita e lo sviluppo delle reti d’impresa in Italia



PROGETTO EXCELSIOR
PROGETTO EXCELSIOR
I programmi occupazionali delle imprese rilevati dal sistema delle Camere di Commercio



CRESCERE IN DIGITALE

CRESCERE IN DIGITALE
Entra nel mondo del lavoro digitale
Formazione e tirocini per i giovani



ECCELLENZE IN DIGITALI

ECCELLENZE IN DIGITALE
Sviluppa le tue competenze digitali



GARANZIA GIOVANI

GARANZIA GIOVANI
Un’impresa per il tuo futuro



Registro delle imprese storiche italiane

Registro delle imprese storiche italiane



Registro nazionale per l’alternanza <br>SCUOLA LAVORO

Registro nazionale per l’alternanza
SCUOLA LAVORO
Il portale delle Camere di Commercio

  ALTRI ORGANISMI
UNIONCAMERE
UNIONCAMERE
Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura



STARnet

La rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio



INFOCAMERE

INFOCAMERE
Società in-house delle Camere di Commercio italiane



UNIVERSITA’ MERCATORUM

L’Università di tutte le aziende italiane
La prima Startup University tutta italiana



ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE

ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE
Per la promozione della cultura economica

Fondazione di Unioncamere

  REGISTRO IMPRESE

Camera di Commercio di Sassari
IL REGISTRO DELLE IMPRESE NELLA GIURISPRUDENZA
Raccolta delle più importanti pronunce dei Giudici del Registro delle imprese dal 1996 in poi.

  ISTAT
ISTAT
Indice Nazionale dei prezzi al consumo



ISTAT
Classificazione delle attività economiche
ATECO 2007



Noi Italia

100 statistiche
per capire il Paese in cui viviamo

  ITALIA.IT
Sito ufficiale del turismo in Italia
Sito ufficiale del turismo in Italia

  Dona con PayPal!
Se ritieni che il lavoro che facciamo sia utile, valido e soprattutto soddisfi le tue aspettative professionali e vuoi dimostrare il tuo apprezzamento e sostegno con una donazione a piacere, utilizza il bottone "Donazione" qui sotto.
GRAZIE!

  Meteo Italia
Servizio Meteorologico Aeronautica
Servizio Meteorologico dell'aeronautica

  AvventuraMarche
... scopri il fascino di questa meravigliosa regione? AvventuraMarche.it

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatevi su dove volete andare

FARNESINA
Informatevi su dove volete andare

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatici dove siete nel mondo

FARNESINA
Informateci dove siete nel mondo
RIFIUTI - IMBALLAGGI - PRODUZIONE RACCOLTA E GESTIONE - CONSORZIO CONAI





LA PRODUZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMBALLAGGI

1. Dir. 94/62/CE - La direttiva imballaggi

L'Unione europea ha tentato di armonizzare i provvedimenti nazionali relativi alla gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio con l'emanazione delle seguenti direttive:
- Direttiva 1994/62/CE, del 20 dicembre 1994 sugli imballaggi e sui rifiuti d'imballaggio;
- Direttiva 2004/12/CE dell'11 febbraio 2004, che modifica la direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio;
- Direttiva 2005/20/CE del 9 marzo 2005, che modifica la direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio;
- Direttiva 2013/2/UE della Commissione del 7 febbraio 2013, recante modifica dell’allegato I della direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

1.1. I contenuti della Direttiva 94/62/CE

Con la Direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 1994, sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio, l'Unione europea ha dettato le direttive volte a limitare la produzione di rifiuti d’imballaggio a promuovere il riciclaggio, il riutilizzo e altre forme di recupero di tali rifiuti.

Campo di applicazione

La direttiva si applica a tutti gli imballaggi immessi sul mercato europeo e a tutti i rifiuti d'imballaggio, utilizzati o scartati da industrie, esercizi commerciali, uffici, laboratori, servizi, nuclei domestici e a qualsiasi altro livello, qualunque siano i materiali che li compongono.

Le misure

Gli Stati membri devono adottare misure volte a prevenire la produzione di rifiuti di imballaggi e a sviluppare i sistemi di riutilizzo degli imballaggi per ridurne l’impatto sull’ambiente.
Gli Stati membri debbono instaurare sistemi di ritiro, raccolta e recupero per raggiungere i seguenti obiettivi quantitativi:
• entro il 30 giugno 2001 sarà recuperata o incenerita, presso impianti di incenerimento dei rifiuti con recupero di energia, una quantità compresa fra il 50 e il 65 % in peso di rifiuti di imballaggio;
• entro il 31 dicembre 2008 sarà recuperato o incenerito, presso impianti di incenerimento dei rifiuti con recupero di energia, un minimo del 60 % dei rifiuti di imballaggio;
• entro il 30 giugno 2001 sarà riciclata (con un minimo del 15 % per ogni materiale di imballaggio) una quantità compresa fra il 25 e il 45 % in peso di tutti i materiali di imballaggio contenuti nei rifiuti di imballaggio;
• entro il 31 dicembre 2008 sarà riciclata una quantità compresa fra il 55 e l’80 % dei rifiuti di imballaggio;
• entro il 31 dicembre 2008, per i materiali contenuti nei rifiuti di imballaggio, dovranno essere raggiunti i seguenti obiettivi: ◦60 % per il vetro, la carta e il cartone;
◦50 % per i metalli;
◦22,5 % per la plastica;
◦15 % per il legno.


La Grecia, l'Irlanda e il Portogallo - a causa rispettivamente delle numerose isolette, delle zone rurali e montagnose, e dello scarso consumo di imballaggi - saranno vincolati da tali obiettivi soltanto nel 2011.

La direttiva 2005/20/CE accorda una scadenza supplementare ai 10 nuovi Stati membri (Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia, Ungheria) per raggiungere gli obiettivi della presente direttiva sugli imballaggi. Tali deroghe sono accordate fino al 2015.
Anche la Romania e la Bulgaria dispongono di specifiche deroghe definite nei loro rispettivi trattati di adesione.


2. D.Lgs- n. 152/2006 - La gestione degli imballaggi

Il nuovo codice ambientale (D. Lgs. n. 152/2006) dedica al problema della gestione degli imballaggi il Titolo II della Parte Quarta, articoli dal 217 al 225.

All’articolo 218 viene definito “imballaggio” ”il prodotto, composto di materiali di qualsiasi natura, adibito a contenere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, a proteggerle, a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all’utilizzatore, ad assicurare la loro presentazione, nonché gli articoli a perdere usati allo stesso scopo”.
I produttori e gli utilizzatori sono responsabili della corretta ed efficace gestione ambientale degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio generati dal consumo dei propri prodotti (art. 221, comma 1, D. Lgs. n. 152/2006).
Al fine di razionalizzare ed organizzare la ripresa degli imballaggi usati, la raccolta, il recupero e il riciclaggio dei rifiuti di imballaggi e per garantire il necessario coordinamento di tali attività è stato istituito il Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI), che ha personalità giuridica di diritto privato, senza fine di lucro, retto da uno statuto approvato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio, di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico.


3. CONAI - Consorzio Nazionale Imballaggi

3.1. Natura e finalità del CONAI

CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è stato istituito nel 1997 con il compito di garantire il recupero e il riciclo dei materiali di imballaggio e di perseguire gli obiettivi previsti dalla legislazione europea e nazionale.
Il Consorzio ha messo a punto uno dei sistemi più efficaci ed efficienti in tutto il panorama europeo in termini di recupero, riciclo e valorizzazione di questi materiali.
CONAI, formato da oltre 1.400.000 imprese, costituisce in Italia un modello di eccellenza per la tutela dell’ambiente che basa la propria forza sul principio della responsabilità condivisa tra le imprese, che producono e utilizzano gli imballaggi, i comuni, che gestiscono la raccolta differenziata, e i cittadini che hanno il compito di separare correttamente i rifiuti di imballaggio.

Il Consorzio nazionale imballaggi (CONAI), ha personalità giuridica di diritto privato senza fine di lucro ed è retto da uno statuto approvato con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico.


3.2. Il sistema CONAI

Il sistema CONAI opera attraverso sei Consorzi di filiera che rappresentano i materiali utilizzati per la produzione di imballaggi: acciaio, alluminio, carta, legno, plastica, vetro.
Ogni Consorzio coordina, organizza e incrementa, per ciascun materiale, sia l’attività di ritiro dei rifiuti di imballaggio provenienti dalla raccolta urbana e dalle imprese, sia il loro avvio a recupero e riciclo.
Ogni Consorzio opera sull’intero territorio nazionale attraverso convenzioni specifiche con i Comuni e le società di gestione della raccolta differenziata.


3.3. Obblighi dei produttori e degli utilizzatori

Secondo quanto stabilito all’art. 221 del D. Lgs. n. 152/2006, i produttori e gli utilizzatori sono responsabili della corretta ed efficace gestione ambientale degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio generati dal consumo dei propri prodotti.
A tal fine, per garantire il necessario raccordo con l'attività di raccolta differenziata organizzata dalle pubbliche amministrazioni, i produttori e gli utilizzatori partecipano al Consorzio nazionale imballaggi (CONAI).

Per adempiere agli obblighi di riciclaggio e di recupero nonché agli obblighi della ripresa degli imballaggi usati e della raccolta dei rifiuti di imballaggio secondari e terziari su superfici private, e con riferimento all'obbligo del ritiro, su indicazione del Consorzio nazionale imballaggi, dei rifiuti di imballaggio conferiti dal servizio pubblico, i produttori possono alternativamente:
a) organizzare autonomamente la gestione dei propri rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale;
b) aderire ad uno dei consorzi di cui all'articolo 223;
c) attestare sotto la propria responsabilità che è stato messo in atto un sistema di restituzione dei propri imballaggi, mediante idonea documentazione che dimostri l'autosufficienza del sistema, nel rispetto dei criteri e delle modalità di cui ai commi 5 e 6
.

Sono a carico dei produttori e degli utilizzatori:
a) i costi per il ritiro degli imballaggi usati e la raccolta dei rifiuti di imballaggio secondari e terziari;
b) il corrispettivo per i maggiori oneri relativi alla raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio conferiti al servizio pubblico per i quali l'Autorità d'ambito richiede al Consorzio nazionale imballaggi;
c) i costi per il riutilizzo degli imballaggi usati;
d) i costi per il riciclaggio e il recupero dei rifiuti di imballaggio;
e) i costi per lo smaltimento dei rifiuti di imballaggio secondari e terziari.


3.4. Contributo Ambientale CONAI

3.4.1. Natura del contributo ambientale

Il Contributo Ambientale CONAI, stabilito per ciascuna tipologia di materiale di imballaggio, rappresenta la forma di finanziamento attraverso la quale il CONAI ripartisce tra i produttori e utilizzatori il costo per i maggiori oneri della raccolta differenziata, per il riciclaggio e per il recupero dei rifiuti di imballaggi.
Questo costi vengono determinati sulla base del programma generale di prevenzione e gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio.
Il Consiglio di amministrazione del 31 luglio 2008 ha deliberato che l’applicazione del Contributo Ambientale CONAI decorre a far data dal 1° ottobre 1998.

Il versamento del Contributo Ambientale CONAI è attualmente regolato dagli articoli 221 e 224 del D. Lgs. n. 152/2006 (Codice ambientale).

Il Contributo Ambientale CONAI viene applicato in un punto particolare del ciclo di vita degli imballaggi denominato “prima cessione”. Si tratta del momento nel quale:
- L’imballaggio finito passa dall’ “Ultimo produttore” al “Primo utilizzatore”, oppure
- Il materiale di imballaggio passa da un “Produttore di materia prima o di semilavorati” a un “Autoproduttore”.


3.4.2. Maggiorazioni previste per il 2007

Il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI), nella seduta del 13 luglio 2006, prendendo atto della richiesta formulata dai due Consorzi interessati (COMIECO e COREVE), aveva deliberato di portare il contributo ambientale CONAI, a partire dal 1° gennaio 2007 rispettivamente:
per gli imballaggi in CARTA e CARTONE da 15,49 a 30,00 euro a tonnellata;
• per gli imballaggi in VETRO da 5,16 a 10,32 euro a tonnellata
.


3.4.3. Maggiorazioni previste per l’anno 2010

Successivamente, a fine dicembre 2009, è stata pubblicata sul sito del Consorzio nazionale imballaggi (CONAI) la versione aggiornata della “Guida all’adesione e all’applicazione del Contributo ambientale”.
Alcune delle principali modifiche presenti nella Guida 2010 sono in relazione alla variazione del Contributo Ambientale su tre materiali: vetro, acciaio e alluminio.
Il Consiglio di amministrazione CONAI, su proposta dei Consorzi interessati, ha deliberato le seguenti variazioni:
• Contributo Ambientale CONAI per imballaggi in VETRO: da 10,32 a 18,82 euro a tonnellata a partire dal 1° gennaio 2010;

• Contributo Ambientale CONAI per imballaggi in ACCIAIO: da 15,49 a 31,00 euro a tonnellata a partire dal 1° aprile 2010;

• Contributo Ambientale CONAI per imballaggi in ALLUMINIO: da 25,82 a 52,00 euro a tonnellata a partire dal 1° maggio 2010.


3.4.4. Entità del Contributo Ambientale per materiale per l’anno 2010

ACCIAIO: 15,49 euro a tonnellata (fino al 31marzo 2010
31,00 euro a tonnellata (dal 1° aprile 2010)

ALLUMINIO: 25,82 euro a tonnellata (fino al 30 aprile 2010)
52,00 euro a tonnellata (dal 1° maggio 2010)

CARTA: 22,00 euro a tonnellata

LEGNO: 8,00 euro a tonnellata

PLASTICA: 195,00 euro a tonnellata

VETRO: 15,82 euro a tonnellata.


3.4.5. Contributi ambientali per alluminio, carta e plastica ridotti dal 2012

Il Consiglio di amministrazione CONAI (Consorzio nazionale imballaggi), con un comunicato stampa del 14 luglio 2011, ha ridotto il contributo ambientale sugli imballaggi in alluminio, carta e plastica.
La riduzione sarà operativa dal 1° gennaio 2012.
Il contributo:
- per l'alluminio passerà dagli attuali 52,00 Euro/ton a 45,00 Euro/ton,
- quello per la carta da 22,00 Euro/ton a 14,00 Euro/ton e
- quello per la plastica da 140,00 Euro/ton a 120,00 Euro/ton.

A beneficiare delle riduzioni saranno, secondo il Consorzio nazionale imballaggi, 1,4 milioni di imprese produttrici e utilizzatrici di imballaggi.
La riduzione si è resa possibile grazie a un parziale recupero dell'immesso al consumo e all'aumento delle quotazioni della materie prime seconde.
Secondo il CONAI, nel 2010 il recupero complessivo dei rifiuti di imballaggio in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro ha raggiunto una percentuale del 74,9% pari a 8,5 milioni di tonnellate recuperate su 11,4 milioni di tonnellate immesse al consumo; il riciclo complessivo si è attestato al 64,6% dell’immesso al consumo, di cui circa la metà garantita dal CONAI. Il ricorso alla discarica si è quindi ulteriormente ridotto al 25%.


3.5. Gestione degli imballaggi – Finisce il monopolio del CONAI

L’articolo 26, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività", ha introdotto novità anche in materia di imballaggi, procedendo alla sostituzione della lett. a), del comma 3, dell’art. 221 del D. Lgs. n. 152/2006 e dettando così misure a favore della concorrenza anche nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio.
Attualmente la norma stabilisce che per adempiere agli obblighi di riciclaggio e di recupero nonché agli obblighi della ripresa degli imballaggi usati e della raccolta dei rifiuti di imballaggio su superfici private, i produttori possono, anziché aderire al Consorzio nazionale imballaggi (CONAI), “organizzare autonomamente la gestione dei propri rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale”.
Con la nuova normativa i produttori potranno ora “organizzare autonomamente, anche in forma collettiva, la gestione dei propri rifiuti di imballaggio”.
Si passa quindi da una forma “associata” ad una forma “collettiva” della gestione dei propri imballaggi, anche su scala locale. E’, infatti, sparito il riferimento esplicito “su tutto il territorio nazionale".
Diventa così più facile per le imprese organizzarsi in modo alternativo al sistema CONAI.
Con la modifica dell’art. 261, le sanzioni per chi non sceglie una delle due modalità (adesione ai Consorzi o organizzazione alternativa) vanno da 10.000,00 euro a 60.000,00 euro.

. Se vuoi approfondire l’argomento delle liberalizzazioni introdotte dal D.L. n. 1/2012, clicca QUI.


3.6. 29 LUGLIO 2013 - Approvato il nuovo Statuto-Tipo del CONAI

E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 176 del 29 luglio 2013, il decreto interministeriale 26 aprile 2013, recante "Approvazione dello schema tipo dello statuto dei Consorzi costituiti per la gestione degli imballaggi".
Il testo del decreto viene riportato nei Riferimenti normativi.


GUIDE E APPROFONDIMENTI

Disponibile la Guida all'adesione e all'applicazione del CONTRIBUTO AMBIENTALE 2014

Il CONAI ha pubblicato, sul proprio sito istituzionale, la "Guida all'adesione e all'applicazione del Contributo Ambientale 2014".
La guida, anche per il 2014, ha mantenuto la veste grafica e la struttura della versione precedente con l'introduzione di tutti gli aggiornamenti e le novità del caso, tra i quali si evidenzia l'adeguamento dei testi e della modulistica in funzione della variazione, a partire dal 1° gennaio 2014:
- del Contributo Ambientale CONAI sugli imballaggi in plastica, che passa da 110,00 a 140,00 euro/ton;
- del contributo forfetario sul peso dei soli imballaggi delle merci, che passa da 31,00 a 37,00 euro/ton;
- delle aliquote da applicare sul valore delle importazioni dei prodotti alimentari imballati, che passa da 0,07% a 0,08% e dei prodotti non alimentari imballati, che passa da 0,03% a 0,04%.
Inoltre, a partire dal 2014, diventa obbligatoria la modalità di invio on-line delle dichiarazioni del Contributo Ambientale CONAI e delle richieste di rimborso / esenzione (moduli 6.6 / 6.5).

. Se vuoi scaricare la Guida, clicca QUI



RIFERIMENTI

. Se vuoi visitare il sito del CONAI, Consorzio nazionale per la gestione degli imballaggi, clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del COREVE, Consorzio Recupero Vetro, clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del Consorzio Nazionale Riciclo Imballaggi Acciao, Clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del COBAT - Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, Clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del CIAL - Consorzio Imballaggi Alluminio, Clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del COMIECO - Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, Clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del RILEGNO - Consorzio Nazionale per la Raccolta e il Recupero e il Riciclaggio degli Imballaggi di legno, Clicca QUI

. Se vuoi visitare il sito del COREPLA - Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, Clicca QUI


RIFERIMENTI NORMATIVI

- DIRETTIVA 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 dicembre 1994 sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

- D. Lgs. 3 marzo 2006, n. 152: Norme in materia ambientale. (Testo aggiornato a maggio 2009). Artt. dal 217 al 225.

. Se vuoi scaricare il testo aggiornato del decreto dal sito NORMATTIVA, clicca QUI.


- DECRETO 2 maggio 2006: Aggiornamento degli studi europei fissati dal Comitato europeo di normazione (CEN), in conformità ai requisiti essenziali stabiliti all'articolo 9 della direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio. Artt. dal 217 al 225.

. Se vuoi scaricare il testo del decreto 2 maggio 2006, clicca QUI.


- DIRETTIVA 2013/2/UE della Commissione del 7 febbraio 2013 recante modifica dell’allegato I della direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

- D.I. 26 aprile 2013: Approvazione dello schema tipo dello statuto dei Consorzi costituiti per la gestione degli imballaggi.
- D.I. 26 aprile 2013 - ALLEGATO - Statuto-Tipo.

- D.M. 22 aprile 2014: Attuazione della direttiva 2013/2/UE della Commissione del 7 febbraio 2013, recante modifica dell'allegato I della direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

. Direttiva (UE) 2018/852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica la direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio


RICERCA SU NORMATTIVA


. Se vuoi fare una ricerca su NORMATTIVA per verificare il testo aggiornato di una legge o di un decreto, clicca QUI.



Tutti i documenti elencati sono realizzati in formato PDF; per consultarli occorre installare sul proprio PC il software Adobe Reader Scarica Adobe Reader








Copyright © by TuttoCamere.it All Right Reserved.

Pubblicato su: 2010-01-22 (1890 letture)

[ Indietro ]
Content ©
© 2006-2018 by L. Maurizi & C. Venturi
© 2002-2005 by Leaff Engineering
Informativa completa sul trattamento dei dati personali
Ottimizzazione per motori di ricerca grazie a sitemapper script
Potete collegare le nostre news sul vostro sito usando il file backend.php or ultramode.txt
Questo sito contiene link a indirizzi web esterni. Gli autori del sito non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei siti raggiungibili attraverso questi link.
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.072 Secondi