Benvenuto su TuttoCamere.it Benvenuto su TuttoCamere.it  
  Registrati gratuitamente! Home  ·  Argomenti  ·  Stats  ·  Il tuo account  ·  Inserisci Articolo  ·  Top 10  

  Mappa del Sito
· Home
· Archivio Notizie
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Cerca
· Contenuti
· Downloads
· FAQ
· Feedback
· Il Tuo Account
· La Camera di Commercio
· Link Utili
· Messaggi Privati
· Proponi Notizia
· Raccomanda questo sito
· Sondaggi
· Top 10

  Cerca con Google
Google
Web www.tuttocamere.it

  Sponsor

  Accorpamenti CCIAA
Gli accorpamenti delle Camere di Commercio
La riforma delle Camere di Commercio
Gli accorpamenti

  Software e servizi
La CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI
LA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI delle Camere di Commercio d’Italia



FIRMA DIGITALE

FIRMA DIGITALE
Dike 6 e Business key
Il software di firma digitale



COMUNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA D'IMPRESA
Registro imprese, Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP



FedraPlus
FedraPlus
Software per la compilazione della pratica Registro imprese
Versione corrente 06.90.00



COMUNICA Starweb
COMUNICA Starweb
Il servizio per la compilazione della Comunicazione Unica
Versione corrente 3.5.8



L'ufficio online del Registro delle imprese

REGISTROIMPRESE.IT
L'ufficio online del Registro delle imprese
I dati ufficiali delle Camere di Commercio



Impresa in un giorno

Impresa in un giorno
La tua scrivania telematica
Gestisci online le pratiche per la tua attività



La pubblica amministrazione per l''impresa

La Pubblica Amministrazione per l''impresa

Nuovo accesso federato di Impresa.gov.it e Impresainungiorno.gov.it.


La posta certificata di Infocamere

PEC LEGALMAIL
La posta certificata di Infocamere



INI PEC

Qui puoi cercare gli indirizzi PEC di imprese e professionisti italiani



 SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID
Sistema Pubblico di Identità Digitale



I CONTO

”ICONTO”
Il conto per i pagamenti verso le Camere di Commercio e le altre PP.AA.



BENVENUTA IMPRESA

BENVENUTA IMPRESA
I servizi camerali per l’impresa digitale



IMPRESA.ITALIA.IT

IMPRESA.ITALIA.IT
Un nuovo servizio per il cittadino imprenditore



DIRITTO ANNUALE – Calcola e Paga on line

DIRITTO ANNUALE CAMERALE – Calcola e Paga on line



ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione

ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione



FATTURAZIONE ELETTRONICA
FATTURAZIONE ELETTRONICA
Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. semplice e sicuro
Scopri Legalinvoice



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Servizio InfoCamere



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Sistema di interscambio



Cert.Impresa

Cert.Impresa



LINEA AMICA

LINEA AMICA
Il portale degli italiani



Italia Sicura

ItaliaSicura
La mappa dei cantieri antidissesto



SoldiPubblici
Soldi Pubblici
Scopri quanto spende chi e per cosa.



VerifichePA

Il servizio delle Camere di Commercio per le PP.AA. per la verifica dell’autocertificazione d’impresa



Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa

Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa



Logo UnionCamere

Il portale delle Camere di Commercio d'Italia



Vorld Pass

Servizio di Conciliazione delle Camere di Commercio



Vorld Pass

ConciliaCamera
Il tuo spazio per la mediazione online



WORLD PASS

Scopri come internazionalizzare la tua impresa



DESTINAZIONE ITALIA

Aprire l’Italia ai CAPITALI e ai TALENTI del mondo



INDUSTRIA 4.0

INDUSTRIA 4.0
Piano nazionale Industria 4.0



Qui si parla di Start-up innovativa

Percorso per creare una Start-up innovativa



CONTRATTI DI RETE<br> COLLABORARE PER COMPETERE

CONTRATTI DI RETE
Portale che sostiene la nascita e lo sviluppo delle reti d’impresa in Italia



PROGETTO EXCELSIOR
PROGETTO EXCELSIOR
I programmi occupazionali delle imprese rilevati dal sistema delle Camere di Commercio



CRESCERE IN DIGITALE

CRESCERE IN DIGITALE
Entra nel mondo del lavoro digitale
Formazione e tirocini per i giovani



ECCELLENZE IN DIGITALI

ECCELLENZE IN DIGITALE
Sviluppa le tue competenze digitali



GARANZIA GIOVANI

GARANZIA GIOVANI
Un’impresa per il tuo futuro



Registro delle imprese storiche italiane

Registro delle imprese storiche italiane



Registro nazionale per l’alternanza <br>SCUOLA LAVORO

Registro nazionale per l’alternanza
SCUOLA LAVORO
Il portale delle Camere di Commercio

  ALTRI ORGANISMI
UNIONCAMERE
UNIONCAMERE
Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura



STARnet

La rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio



INFOCAMERE

INFOCAMERE
Società in-house delle Camere di Commercio italiane



UNIVERSITA’ MERCATORUM

L’Università di tutte le aziende italiane
La prima Startup University tutta italiana



ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE

ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE
Per la promozione della cultura economica

Fondazione di Unioncamere

  REGISTRO IMPRESE

Camera di Commercio di Sassari
IL REGISTRO DELLE IMPRESE NELLA GIURISPRUDENZA
Raccolta delle più importanti pronunce dei Giudici del Registro delle imprese dal 1996 in poi.

  ISTAT
ISTAT
Indice Nazionale dei prezzi al consumo



ISTAT
Classificazione delle attività economiche
ATECO 2007



Noi Italia

100 statistiche
per capire il Paese in cui viviamo

  ITALIA.IT
Sito ufficiale del turismo in Italia
Sito ufficiale del turismo in Italia

  Dona con PayPal!
Se ritieni che il lavoro che facciamo sia utile, valido e soprattutto soddisfi le tue aspettative professionali e vuoi dimostrare il tuo apprezzamento e sostegno con una donazione a piacere, utilizza il bottone "Donazione" qui sotto.
GRAZIE!

  Meteo Italia
Servizio Meteorologico Aeronautica
Servizio Meteorologico dell'aeronautica

  AvventuraMarche
... scopri il fascino di questa meravigliosa regione? AvventuraMarche.it

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatevi su dove volete andare

FARNESINA
Informatevi su dove volete andare

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatici dove siete nel mondo

FARNESINA
Informateci dove siete nel mondo
AUTORIPARAZIONE: MECCATRONICA – AUTOCARROZZERIA – GOMMISTA – DISCIPLINA E REQUISITI





NOTIZIE IN BREVE

MECCATRONICA - Formazione responsabile tecnico - Proposta di accordo Stato_Regioni

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, in data 19 dicembre 2013, ha approvato un proposta di accordo (13/133/CR9/C9-C11) sullo standard professionale e formativo del responsabile tecnico di attività di meccatronica.


Dal Ministero chiarimenti operativi e interpretativi della L. n. 224/2012

E' stata pubblicata la Circolare n. 3659/C del 11 marzo 2013 con la quale il Ministero dello Sviluppo Economico chiarisce le modifiche alla disciplina dell'attività di autoriparazione introdotte con la legge 11 dicembre 2012, n. 224, che ha raggruppato le due attività: "meccanica/motoristica" e "elettrauto" nell'attività di "meccatronica".


Pubblicata la legge n. 224/2012, di modifica alla L. n. 122/1992

E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2012, la L. 11 dicembre 2012, n. 224, recante modifiche all'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 122.


Veicoli fuori uso - Nuovi obblighi dalla legge comunitaria 2010

Gli autoriparatori, quando tecnicamente possibile, avranno l’obbligo di consegnare i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalle riparazioni dei veicoli - ad eccezione di quelli per cui è previsto dalla legge un consorzio obbligatorio di raccolta - direttamente ai centri di raccolta autorizzati o agli operatori autorizzati per il trasporto e la raccolta.


Nuovi adempimenti previsti dalla Legge n. 166/2009 per gli autoriparatori

Le imprese esercenti attività di autoriparazione possono consegnare, ove ciò sia tecnicamente fattibile, ad un centro di raccolta, direttamente, qualora iscritti all’Albo nazionale dei gestori ambientali, ovvero avvalendosi di un operatore autorizzato alla raccolta ed al trasporto di rifiuti, i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalle riparazioni dei veicoli, ad eccezione di quelle per cui è previsto dalla legge un consorzio obbligatorio di raccolta


Le modifiche dell'articolo 19 della legge n. 241/1990 - Problematiche applicative per le attività regolamentate il cui esercizio e subordinato a verifica dei requisiti presso le Camere di Commercio

I commi dal 3 al 7 dell'articolo 9 della legge 18 giugno 2009, n. 69 hanno introdotto rilevanti novità nella struttura della procedura nota come "dichiarazione di inizio attività - DIA", di cui all'articolo 19 della legge n. 241/1990.
Il Ministero dello Sviluppo Economico, con la Lettera-Circolare n. 3625/C del 17 luglio 2009, Prot. 0065083, si è occupato, nello specifico, delle attività soggette a preventiva verifica dei requisiti a cura dell'ufficio del Registro delle imprese, ovvero della Commissione provinciale dell'artigianato, quali: l'impiantistica (D.M. n. 37/2008); l'autoriparazione (L. n. 122/1992); le imprese di pulizia (L. n. 82/1994 e D.M. n. 274/1997); l'attività di facchinaggio (D.M. 221/2003), formulando indicazioni per l'adozione di comportamenti il più possibili omogenei.
Successivamente, lo stesso Ministero è tornato sullo stesso argomento fornendo, con Nota del 24 novembre 2009, Prot. 107640, ulteriori considerazioni che ribadiscono la linea tenuta dal Ministero nella Circolare n. 3625/C.

. Se vuoi approfondire l’argomento, clicca QUI.


Nuovi obblighi per le imprese di autoriparazione

Le imprese esercenti attività di autoriparazione, di cui alla legge n. 122/1992, e successive modificazioni, devono consegnare, ove ciò sia tecnicamente fattibile, ad un centro di raccolta dei veicoli fuori uso, direttamente, qualora iscritti all'Albo nazionale dei gestori ambientali, ovvero avvalendosi di un operatore autorizzato alla raccolta ed al trasporto di rifiuti, i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalle riparazioni dei veicoli, ad eccezione di quelle per cui e' previsto dalla legge un consorzio obbligatorio di raccolta.
Lo ha stabilito l’art. 1, comma 1, lett. a) del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135 – in vigore dal 26 settembre 2009 – che ha modificato l’art. 5, comma 15, del D.Lgs. 24 giugno 2003, n. 209, recante “Attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso”.


LE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE - LEGGE N. 122 DEL 1992

1. Normativa di riferimento

La fonte normativa è la legge 5 febbraio 1992, n. 122, successivamente modificata dalla legge 26 settembre 1996, n. 507, dal D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558, art. 10 e infine, dalla L. 11 dicembre 2013, n. 224.
Sono state successivamente emanate le seguenti Circolari esplicative:
- la n. 3286/C del 19 giugno 1992;
- la n. 3348/C del 28 settembre 1994;
- la n. 3562/C del 7 luglio 2003;
- la n. 3600/C del 6 aprile 2006;
- la n. 3637/C del 10 agosto 2010;
- la n. 3653/C del 2 luglio 2012;
- la n. 3659/C del 11 marzo 2013
.


2. Ambito di applicazione

Secondo quanto stabilito dall'art. 1, comma 3, della L. n. 122 del 1992, l'attività di autoriparazione si distingueva nelle attività di:
a) meccanica-motoristica;
b) carrozzeria;
c) elettrauto;
d) gommista.

Successivamente, la legge 11 dicembre 2012, n. 224, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2012, ha sostituito tale comma stabilendo che l’attività di autoriparazione si distingue nelle attività di:
a) meccatronica;
b) carrozzeria;
c) gommista
.
Vengono così unificate, in una nuova categoria detta «meccatronica», le due preesistenti attività di meccanico-motorista ed elettrauto.

Con l'articolo 2 viene previsto che le Regioni e Province Autonome, entro sei mesi, dovranno adeguare i programmi e le modalità di svolgimento dei corsi regionali alle nuove disposizioni.
All'articolo 3 vengono poi dettate le disposizioni transitorie, prevedendo che le imprese di autoriparazione abilitate alle attività di meccanica e motoristica e di elettrauto, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge n. 122/1992, nel testo vigente prima della data di entrata in vigore della presente legge (5 gennaio 2013), possono proseguire, per i cinque anni successivi alla medesima data di entrata in vigore, l’attività suddetta.

Rientrano nell'attività di autoriparazione tutti gli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di qualsiasi componente, anche particolare, dei veicoli e dei complessi di veicoli a motore, nonché l'installazione, sugli stessi veicoli e complessi di veicoli a motore, di impianti e componenti fissi.
Rientrano inoltre gli interventi specialistici su autoveicoli quali: interventi su radiatori, carburatori, pompe di iniezione, benzina e diesel, impianti di climatizzazione, impianti per alimentazione GPL o metano, freni e balestre, impianti frigoriferi, impianti di sollevamento, impianti telefonici e musicali, assetti sportivi e carrozzeria speciale.

Non rientrano le attività di lavaggio, di rifornimento di carburante, di sostituzione del filtro dell’aria, del filtro dell’olio, dell’olio lubrificante e di altri liquidi lubrificanti o di raffreddamento.

Non rientrano, inoltre, le attività di autoriparazione effettuate esclusivamente su autoveicoli o motoveicoli non autorizzati a circolare su strada, come ad auto e moto da competizione, go-kart, ecc...

È previsto anche una speciale abilitazione per l’esercizio dell’attività di riparazione per uso interno avente carattere strumentale o accessorio, per le imprese che svolgono in prevalenza commercio e noleggio di veicoli, quelle di autotrasporto merci conto terzi iscritte all’albo di cui all’articolo 12 della legge 6 giugno 1974, n. 298, nonché ogni altra impresa o organismo di natura privatistica che svolga attività di autoriparazione per esclusivo uso interno.

Ogni impresa può ottenere le abilitazioni per uno o più settori in relazione all’attività di autoriparazione esercitata.
Salvo il caso di operazioni strumentali o accessorie strettamente connesse all’attività principale, non è consentito l’esercizio delle attività previste dall’art. 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122, senza la relativa specifica iscrizione.


3. Requisiti richiesti

I requisiti richiesti per l’esercizio dell’attività di autoriparazione sono di ordine generale, di ordine morale e di ordine tecnico-professionale.
Le imprese che esercitano attività di autoriparazione devono designare un responsabile tecnico per ciascuna unità operativa (officina).
E’ ammesso un solo responsabile tecnico per due officine soltanto se le stesse sono contigue o comunque molto vicine, in modo che possa sovrintendere ad entrambe agevolmente.
Non può essere preposto alla gestione tecnica un consulente o un professionista esterno.
Il responsabile tecnico, infatti, deve avere un rapporto di immedesimazione con l'impresa, inteso come vincolo stabile e continuativo, che comporti un rapporto diretto con la struttura operativa dell'impresa e lo svolgimento di un costante controllo circa il rispetto della normativa tecnica vigente impegnando l'impresa con il proprio operato e le proprie determinazioni limitatamente agli aspetti tecnici dell'attività.
Il responsabile tecnico può pertanto essere:
- il titolare;
- un familiare (se può essere coadiuvante secondo la normativa delle imprese artigiane);
- un socio di società di persone (anche accomandante);
- un socio di società a responsabilità limitata e di società cooperative;
- l’amministratore di società di capitali e di società cooperative;
- un dipendente;
- una persona estranea all’impresa, se legata da contratto d’opera o da contratto di associazione in partecipazione o in possesso di una apposita procura institoria
.

Ai sensi dell’art. 2 della L. n. 443/1985 le imprese artigiane possono individuare il responsabile tecnico per le ditte individuali esclusivamente nella persona del titolare, per le società nella persona di un socio partecipante alle lavorazioni e iscritto nei relativi elenchi assistenziali e previdenziali.

Per svolgere l´attività di autoriparazione sono necessari i seguenti requisiti:
1 - REQUISITI D´IMPRESA
Ai fini della denuncia di inizio attività l´impresa deve:
• rivolgersi alla Camera di Commercio della provincia dove intende svolgere l´attività;
• presentare la designazione di un Responsabile Tecnico per ogni officina
.

2 - REQUISITI DEL RESPONSABILE TECNICO
Il responsabile tecnico deve possedere requisiti sia personali sia professionali.

2.1. REQUISITI PERSONALI
◦ essere cittadino italiano o di stato membro della CEE oppure essere in possesso del permesso di soggiorno per lavoro autonomo, dipendente e per motivi di famiglia;
◦ non aver riportato condanne definitive per reati commessi nell´esecuzione degli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di veicoli a motore per i quali è prevista una pena detentiva.

2.2. REQUISITI PEOFESSIONALI
◦ Laurea o diploma di istruzione secondaria di secondo grado in materia tecnica attinente l´attivita`
oppure
◦ titolo di studio a carattere tecnico-professionale ed un anno di lavoro, negli ultimi cinque, come operaio qualificato, socio, titolare, coadiuvante presso impresa operante nel settore;
oppure
◦ un corso regionale teorico-pratico seguito da almeno un anno di lavoro, negli ultimi cinque, come operaio qualificato, socio, titolare, coadiuvante, presso impresa operante nel settore;
oppure
◦ svolgimento dell´attività, per tre anni negli ultimi cinque, come operaio qualificato, socio, titolare, coadiuvante, presso un´impresa operante nel settore.

IMPIANTISTI, AUTORIPARATORI E IMPRESE DI PULIZIE - Titoli di studio abilitanti

Le Camere di Commercio dell'Emilia Romagna hanno redatto elenco dei titoli di studio idonei per le attività di cui alla Legge 122/1992, D.M. 37/2008, Legge 82/1994".

. Se vuoi scaricare il documento, clicca QUI.


4. Modalità di denuncia

Il giorno stesso in cui si inizia l’attività deve essere presentata la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), ai sensi dell'art. 19 della legge 241/1990, con allegata la documentazione richiesta.
L'accertamento dei requisiti viene effettuato dal Responsabile del procedimento e, per le imprese artigiane dalla Commissione Provinciale per l'Artigianato.
Entro 60 giorni dalla data di presentazione della denuncia i requisiti devono essere riconosciuti o negati: oltre tale termine vale il principio del silenzio-assenso.


5. Sanzioni

Le province e i comuni vigilano sull’applicazione della Legge.
Le sanzioni per l'esercizio abusivo dell'attività di autoriparazione sono sontenute nell'art. 10 della legge n. 122/1992 e sono così suddivise:
1) L’esercizio dell’attività di autoriparazione da parte di impresa non in possesso dei prescritti requisiti personali e tecnico-professionali è punito con la sanzione amministrativa da euro 5.164,57 a euro 15.493,71 e con la confisca delle attrezzature e delle strumentazioni utilizzate per l’attività illecita.

2) L’esercizio, da parte di un’impresa, di un’attività diversa da quella per la quale ha ottenuto il riconoscimento dei requisiti personali e tecnico-professionali è punita con la sanzione amministrativa da euro 2.582,28 a euro 7.746,85 e la confisca delle attrezzature e delle strumentazioni utilizzate per l’attività illecita.

3) Il proprietario o possessore di veicoli o complessi di veicoli a motore che, per la manutenzione e riparazione degli stessi, non si avvale di imprese in possesso dei suddetti requisiti personali e tecnico-professionali, è punito con la sanzione amministrativa da euro 51,65 a euro 258,23.

Anche in questo caso si applica il disposto di cui all'art. 16 della Legge n. 689/1981, secondo il quale "E' ammesso il pagamento di una somma in misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa, o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo oltre alle spese del procedimento, entro il termine di sessanta giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notificazione degli estremi della violazione".

Pertanto:
• nel caso di cui al punto 1, la misura ridotta da pagare è di euro 5.164,00;
• nel caso di cui al punto 2, la misura ridotta da pagare è di euro 2.582,00;
• ne caso di cui al punto 3, la misura ridotta da pagare è di euro 86,00.

Nei casi di cui ai punti 1) e 2) è prevista la sanzione accessoria della confisca delle attrezzature utilizzate per l'esercizio dell'attività abusiva, per cui è necessario procedere al sequestro delle attrezzature ai sensi dell'art. 13 della legge n. 689/1981.

Le autorità competenti ad emettere le sanzioni in questione sono:
1) per le imprese artigiane: la Regione o ente delegato;
2) per le imprese non artigiane: la Camera di Commercio.

I proventi delle sanzioni amministrative in questione sono destinati:
1) per le imprese artigiane: alla Regione o ente delegato;
2) per le imprese non artigiane: allo Stato (con il Modello F23).

Contro la eventuale sanzione rilevata da un organo di vigilanza (Carabinieri, Vigili urbani, ecc.) è ammesso ricorso al Giudice di Pace.


POSSESSO DEI REQUISITI E DI ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ - CASISTICA

1. Certificato di idoneità fisica per i responsabili tecnici - In alcune Regioni non viene più richiesto

Il Consiglio dei Ministri, in data 19 ottobre 2006, ha approvato un disegno di legge, presentato dal Ministro della Salute Livia Turco, che riguardava una serie di “Misure di semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della salute e altri interventi in materia sanitaria”.
Il disegno di legge, tra le altre numerose attività, prevedeva l’abolizione delle disposizioni concernenti l’obbligo di alcuni certificati attestanti l’idoneità psico-fisica al lavoro e la sana costituzione fisica, e quelli previsti per l’assunzione nel pubblico impiego.
All’articolo 1, comma 6, veniva, inoltre, espressamente abrogata la lettera c) dell’art. 7, comma 1 della legge n. 122/1992 (disciplina dell’attività di autoriparazione), nella quale si prevedeva il possesso del requisito della idoneità fisica all'esercizio dell'attività, attestato da una apposita certificazione rilasciata dall'ufficiale sanitario del Comune di esercizio dell'attività.
Con l’entrata in vigore di tale disposizione non sarebbe più dovuto essere richiesto, per i responsabili tecnici che operavano nel settore dell’autoriparazione, il certificato attestante l’idoneità fisica.

Tale disegno di legge non ha avuto seguito ed è tuttora fermo in Parlamento.

Nel frattempo, tuttavia, alcune Regioni hanno deliberato in merito all'abolizione dell'obbligo di presentazione del certificato attestante l'idoneità psico-fisica all'esercizio di una professione o attività, come quello richiesto dall'art. 7, comma 1, lett. c). della L. n. 122/1992.
Ricordiamo:
- la Regione FRIULI VENEZIA GIULIA (con la L.R. 18 agosto 2005, n. 21);
- la Regione EMILIA ROMAGNA (con il Regolamento regionale 23 dicembre 2008, n. 2, emanato in attuazione dell'art. 6, comma 2, della L.R. 19 febbraio, n. 4).

- Si riporta il testo delle due normative regionali:
. Regione Friuli Venezia Giulia - L.R. 18 agosto 2005, n. 21: Norme di semplificazione in materia di igiene, medicina del lavoro e sanità pubblica e altre disposizioni per il settore sanitario e sociale.

. Regione Emilia Romagna - Regolamento regionale 23 dicembre 2008, n. 2: Regolamento di semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della salute in attuazione dell'art. 6, comma 2, della legge regionale 19 febbraio 2008, n. 4 (Disciplina degli accertamenti della disabilità. Ulteriori misure di semplificazione ed altre disposizioni in materia sanitaria e sociale).


2. Idoneità fisica del responsabile tecnico

Secondo quanto disposto dal comma 1, lett. c), dell'art. 7, della legge n. 122/1992, il responsabile tecnico, oltre al possesso dei requisiti soggettivi e professionali, deve "essere fisicamente idoneo all'esercizio dell'attivita' in base a certificazione rilasciata dall'ufficiale sanitario del comune di esercizio dell'attività".
L'idoneità fisica all'esercizio dell'attività di responsabile tecnico può essere certificata solo dall'ufficiale sanitario del Comune di esercizio dell'attività e non anche da medici privati liberi professionisti. (Nota del Ministero Sviluppo economico del 19 settembre 2007, Prot. n. 8801)


3. L’attività lavorativa nell’ultimo quinquennio

A proposito del requisito previsto dall’art. 7, comma 2, lett. a), nella parte in cui si prevede “avere esercitato l'attività di autoriparazione, alle dipendenze di imprese operanti nel settore nell'arco degli ultimi cinque anni”, ci si è chiesti se l’esercizio dell’attività di autoriparazione nell’arco degli ultimi cinque anni vada riferito esclusivamente alle imprese operanti nel settore per le quali l’operaio qualificato ha prestato la propria opera per almeno tre anni, oppure se quest’ultimo debba effettivamente aver prestato la propria opera per almeno tre anni negli ultimi cinque anni presso imprese operanti nel settore.
il Ministero dello Sviluppo Economico, con Note del 12 febbraio 2001, Prot. 502208 e del 9 febbraio 2007, Prot. 0001506, ha puntualizzato che il requisito in questione deve essere riferito alla persona e non all'impresa datore di lavoro.
Scopo della norma è infatti quello di garantire che l’esperienza professionale posseduta dai soggetti che aspirano a ricoprire il ruolo di responsabili tecnici sia stata maturata in tempi recenti, garantendo così interventi sicuri anche su veicoli di recente progettazione.

Nella Nota del 9 febbraio 2006, Prot. 0001506, rispondendo ad un quesito di una Camera, che chiedeva se un soggetto che abbia esercitato regolarmente l’attività dal 1996 al 2000, previo riconoscimento dei requisiti sulla base dell’esperienza professionale precedentemente maturata alle dipendenze di altra impresa del settore, potesse oggi riprendere l’attività, il Ministero ha dato risposta negativa in quanto il requisito di cui all’articolo 7, comma 2, lett. a) deve essere interpretato in maniera rigorosa, “né, nella fattispecie soccorre la speciale e agevolatrice previsione di cui all’art. 6 della legge 25/96”. Il requisito in questione, infatti, esaurisce i propri effetti decorso il quinquennio, non essendo dotato di quelle caratteristiche di stabilità che, invece, contraddistinguono la parallela fattispecie di cui all’art. 3, comma 1, lett. d) della legge n. 46/1990, dove si richiede di aver prestato attività lavorativa, alle dirette dipendenze di una impresa del settore, nel medesimo ramo di attività dell'impresa stessa, semplicemente “per un periodo non inferiore a tre anni”.
Il testo della Nota citata viene riportato nell'Appendice normativa.


4. Riparazione dei motocicli – Possesso di tutte le sezioni

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con Parere del 3 dicembre 2007, Prot. 0010981, in risposta ad una nota della Camera di Commercio di La Spezia, sostiene che per l’attività di riparazione di motocicli non è sufficiente il possesso dei requisiti delle sole sezioni di meccanica e motoristica.

Nello specifico, il riconoscimento del requisito tecnico-professionale per l’esercizio dell’attività di riparazione di motocicli non è possibile per chi vanta le seguenti condizioni:
1) iscrizione come imprenditore individuale esercente l'attività di riparazione motocicli (sezione meccanica e motoristica) dal 1° ottobre 1992 al 31 dicembre 1999;
2) qualità di socio lavoratore in una cooperativa iscritta per l'attività di meccanica e motoristica, dal 2000 al 2007;
3) iscrizione, in data 20 aprile 1995, nel Registro delle imprese di autoriparazione, sempre per la sezione meccanica e motoristica;
4) lo svolgimento, su motocicli, di lavori inerenti le altre tre sezioni (carrozzeria, gommista, elettrauto) negli anni 1993 e 1994, comprovato mediante l'esibizione di fatture.

Il Ministero esclude anche che a detta fattispecie possa essere applicato l’art. 6 della legge n. 25/1996, in quanto la stessa garantisce il riconoscimento del requisito tecnico-professionale solo a coloro che dimostrino di avere svolto professionalmente l'attività, alla data di entrata in vigore del D.P.R. n. 387 del 1994, nel corso di periodi pregressi in qualità di titolari di imprese del settore regolarmente iscritte all'albo delle imprese artigiane o nel registro delle ditte, per una durata non inferiore ad un anno.


5. Requisito dell'immedesimazione del responsabile tecnico - Chiarimenti del Ministero

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con il Parere del 18 dicembre 2007, Prot. 0011618, ha fornito chiarimenti in merito al requisito dell’immedesimazione del responsabile tecnico, precisando che:
a) nel caso S.n.c. il socio che assume l’incarico di responsabile tecnico deve essere uno dei soci partecipanti al lavoro;
b) nel caso sia l’accomandante ad assumere l’incarico di responsabile tecnico, lo stesso dovrà essere socio prestatore d’opera.
In entrambi i casi la prestazione d’opera del socio è soddisfatta anche quando la prestazione d'opera si sostanzia nello svolgimento di un costante controllo sui servizi offerti dall'impresa, senza necessità di una prestazione lavorativa anche manuale, purché sia verificata la stabilità e continuità del vincolo e il rapporto diretto con la struttura operativa dell'impresa stessa.


6. Operaio qualificato presso industrie meccaniche - Non abilitante

L'esperienza maturata come operaio qualificato presso industrie meccaniche, operanti nel settore della costruzione di motori industriali (costruzioni di macchine e di parti delle stesse) non può essere ritenuta idonea ad abilitare all'assunzione del ruolo di responsabile tecnico in imprese esercenti l'attività di autoriparazione.
Lo ha stabilito il Ministero dello Sviluppo Economico con il parere espresso il 27 marzo 2008, Prot. 2580, il cui testo si riporta nell'Appendice normativa.


7. Riparazione di pneumatici - Richiesto il possesso dei requisiti

Considerato quanto previsto dall'art. 1, comma 2, della legge n. 122/1992, ovverosia che rientrano nell'attività di autoriparazione tutti gli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di qualsiasi componente, anche particolare, dei veicoli e dei complessi di veicoli a motore, anche per esercitare l'attività di "riparazione di pneumatici" è necessario possedere i requisiti tecnico-professionali previsti dalla legge all'articolo 7, per l'attività di gommista di cui al comma 3, lettera d), dell'articolo 1.
Ciò vale sia nel caso in cui l'attività di riparazione pneumatici si inserisca in un ciclo di servizio completo (smontaggio del pneumatico danneggiato, riparazione e rimontaggio), sia nel caso in cui rappresenti una fase soltanto di detto ciclo di servizio (es. la riparazione viene fatta da una impresa diversa da quella che smonta e rimonta le gomme).
Non vi rientra, invece, l'attività di "rigenerazione pneumatici", in cui una certa quantità di pneumatici usurati (di proprietà dell'impresa) viene rigenerata e successivamente commercializzata, in quanto l'attività in questione è sottoposta a specifici controlli amministrativi e non riguarda, in ogni caso, il ripristino delle condizioni di sicurezza riferite ad uno specifico veicolo.
Lo ha stabilito il Ministero dello Sviluppo Economico con la Lettera Circolare del 31 marzo 2008, Prot. 2688, il cui testo si riporta nell'Appendice normativa.


8. Responsabile tecnico - Verifica dell'idoneità fisica

La certificazione di idoneità fisica all'esercizio dell'attività, prevista dall'art. 7, comma 1, lett. c), della legge n. 122/1992, può essere rilasciata esclusivamente da un medico appartenente ad una struttura pubblica (Ufficiale sanitario) e non da uno specialista privato. (Ministero dello Sviluppo Economico, Nota del 5 febbraio 2009, Prot. 11020).


9. Accettabile la nomina a responsabile tecnico di un soggetto cui sia stata conferita una procura - Non accettabile una nomina con effetto retroattivo

Nulla osta alla preposizione come responsabile tecnico di un soggetto cui sia stata conferita procura. Importante che tale procura, con sottoscrizione autenticata del preponente, risulti depositata al Registro delle imprese e che il rapporto interno tra il rappresentante e il rappresentato risulti coerente con il principio di immedesimazione.

Non può essere accolta una nomina retrodatata di un responsabile tecnico di un'impresa di autoriparazione in quanto i titoli del soggetto in questione vanno valutati solo al momento in cui viene presentata la dichiarazione di inizio attività, nell'ambito della quale l'impresa attesta la presenza di un soggetto in possesso dei requisiti previsti dalla legge. (Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 25 agosto 2009, Prot. 75298).


10. Attività di autoriparazione e responsabile tecnico - Stessa sede e stesso direttore tecnico in una società e in una impresa individuale

Con Nota del 9 dicembre 2009, Prot. 113217, il Ministero dello Sviluppo economico, rispondendo ad un quesito posto dalla Camera di Commercio di Asti, chiarisce che l’amministratore di una società può svolgere il ruolo di responsabile tecnico della stessa nel caso in cui egli sia in possesso dei requisiti di legge e possa garantire la continuativa presenza presso l’officina e, contemporaneamente nello stesso locale, costui può svolge il medesimo ruolo anche per l’impresa individuale di cui è titolare.

Il caso che ha originato il quesito è quello di una società a responsabilità limitata che ha nominato come responsabili tecnici i due amministratori: uno per le attività di meccanica-motoristica, gommista e carrozzeria; e l’altro (che riveste anche la carica di socio) per l’attività di elettrauto.
Il responsabile tecnico per l’attività di elettrauto è anche titolare di una impresa individuale artigiana esercente le attività di meccanica-motoristica ed elettrauto, la cui sede (legale e operativa) coincide con quella della società che lo ha nominato.
Secondo il Ministero è illogico impedire all’amministratore di una società di svolgere il ruolo di responsabile tecnico per la società stessa nel caso in cui egli sia in possesso dei requisiti di legge e possa garantire la continuativa presenza presso l’officina, per il solo fatto che, contemporaneamente, e nello stesso locale, detto soggetto svolge il medesimo ruolo anche per l’impresa individuale di cui è titolare.
Di conseguenza, verificato che nel caso sottoposto all’esame il soggetto interessato è titolare di un’impresa individuale e amministratore dell’altra, e che entrambe svolgono l’attività di autoriparazione presso la stessa sede, sembra doversi ritenere che possano trovare applicazione, per analogia ed in via eccezionale, le indicazioni già contenute nella Nota del MICA del 2 agosto 1995, Prot. n. 388195 e nella Circolare n. 3286/C del 19 giugno 1992 (punto 4b).



L'ATTIVITA' DI AUTORIPARAZIONE
SEZIONE MECCATRONICA - LEGGE N. 224 DEL 2012

1. febbraio 2012 - PROPOSTA DI LEGGE DI MODIFICA DELL'ART. 1 DELLA LEGGE N. 122 DEL 1992

1. L’articolo 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122, è sostituito dal seguente:
3. Ai fini della presente legge l’attività di autoriparazione si distingue nelle attività di:
a) meccatronica;
b) carrozzeria;
c) gommista ».

Art. 2. In via transitoria, le imprese di autoriparazione abilitate alle attività di meccanica e motoristica e di elettrauto ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122, nel testo vigente prima della data di entrata in vigore della presente legge, possono proseguire, per i cinque anni successivi alla medesima data di entrata in vigore, l’attività suddetta. Entro cinque anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, le attività di meccanica e quelle di elettrauto si dotano dei requisiti necessari per svolgere l’attività di meccatronica e assumono la nuova denominazione.


Questi sono i due articoli della proposta di legge Delfino ed altri, recante “Modifica all’articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 122, concernente la disciplina dell’attività di autoriparazione” assegnata dalla Camera in sede legislativa alla IX Commissione Trasporti.
Se l’evoluzione tecnologica di questi ultimi venti anni non ha modificato, se non marginalmente, i contenuti delle attività concernenti la riparazione e la manutenzione di carrozzeria e di gomme, ben altro è accaduto nel campo della meccanica-motoristica-elettrauto.
Qui, infatti, l’evoluzione tecnologica dei veicoli ha determinato un intreccio progressivo e sempre più intenso tra funzionamento del motore e delle parti meccaniche e funzionamento degli impianti e delle dotazioni elettriche degli autoveicoli.
Gli impianti e le dotazioni elettriche non hanno più, infatti, funzioni prevalentemente autonome (accensione, illuminazione eccetera), ma molto spesso sono direttamente serventi al funzionamento delle parti motoristiche e meccaniche, ovvero ne assicurano il costante monitoraggio.
Ma, se così è, risulta inimmaginabile, oggi, lo svolgimento di interventi di manutenzione e di riparazione su motore e su parti meccaniche senza la contemporanea verifica delle connessioni con la parte elettrica e viceversa. È difficile, cioè, ipotizzare un intervento sulla parte elettrica senza valutare l’impatto sulla parte motoristica e meccanica eventualmente connessa, e ancor più difficile è immaginare un intervento sulle parti meccaniche e motoristiche senza valutare il funzionamento dei correlati impianti elettrici.
Viene meno, quindi, la possibilità di tenere separate, se non per interventi minori e marginali, l’attività di meccanico-motorista da quella di elettrauto.
Nasce da qui la presente proposta di legge, il cui articolo 1 unifica in una nuova categoria detta «meccatronica» le due preesistenti distinte attività di meccanicomotorista ed elettrauto, apportando le conseguenti modifiche all’articolo 1 della legge n. 122 del 1992.

. Se vuoi scaricare il testo della proposta di legge n. 4574, clicca QUI.


2. 21 DICEMBRE 2012 - Pubblicata la legge n. 224/2012, di modifica alla L. n. 122/1992 - Nasce la nuova attività di MECCATRONICA

E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2012, la L. 11 dicembre 2012, n. 224, recante modifiche all'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 122.
Il testo della legge viene riportato nell'Appendice normativa.

La nuova legge ha, in sostanza, accorpato le sezioni meccanica/motoristica ed elettrauto nella nuova attività di “meccatronica”.
Per effetto di tale innovazione a partire dal 5 gennaio 2013 è necessario porre una distinzione tra le imprese che sono già in attività e le imprese che invece avviano, dopo tale data, una nuova attività.

A. AVVIO DI NUOVA ATTIVITA'

Non sarà più possibile iscrivere un'impresa per la sola attività di meccanica o per la sola attività di elettrauto
Conseguentemente, coloro che vogliono aprire una nuova attività dovranno necessariamente chiedere la lett. a) della Legge 122/92 cioè la "meccatronica" ed essere in possesso dei requisiti necessari per entrambe le attività.

I requisiti validi, alternativi tra loro, sono i seguenti:
a) attività prestata per tre anni negli ultimi cinque alle dirette dipendenze di un'impresa abilitata sia alla meccanica/motoristica che all'elettrauto;
b) diploma di qualifica professionale di "Operatore industrie meccaniche e dell’autoveicolo" più un anno negli ultimi cinque alle dirette dipendenze di un'impresa abilitata sia alla meccanica/motoristica che all'elettrauto;
c) frequenza di un corso regionale sia per l'attività di meccanica/motoristica sia per quella di elettrauto più un anno negli ultimi cinque alle dirette dipendenze di un'impresa abilitata sia alla meccanica/motoristica che all'elettrauto;
d) diploma di maturità professionale di Tecnico delle industrie meccaniche o laurea in ingegneria meccanica, ingegneria chimica, ingegneria aeronautica, fisica.

Con riguardo al requisito sub c) la legge prevede l'istituzione di appositi corsi regionali di qualificazione per la nuova attività di "meccatronica" entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge.

B. IMPRESE GIA' IN ATTIVITA'

Per le imprese già in attività e regolarmente iscritte nel Registro imprese o all'Albo delle imprese artigiane al 5 gennaio 2013 la legge prevede quanto segue:
1) quelle già abilitate sia alla meccanica/motoristica che all'elettrauto sono abilitate di diritto alla nuova attività di "meccatronica";
2) quelle già abilitate alla sola attività di meccanica/motoristica possono continuare a svolgere l'attività per cinque anni (cioè sino al 5 gennaio 2018), ma entro tale data i responsabili tecnici debbono acquisire anche un titolo abilitante all'attività di "elettrauto", mediante la frequenza di un apposito corso regionale teorico pratico di qualificazione (pena la perdita della qualifica di responsabile tecnico);
3) quelle già abilitate alla sola attività di elettrauto possono continuare a svolgere l'attività per cinque anni (cioè sino al 5 gennaio 2018), ma entro tale data i responsabili tecnici debbono acquisire anche un titolo abilitante all'attività di meccanica/motoristica, mediante la frequenza di un apposito corso regionale teorico pratico di qualificazione (pena la perdita della qualifica di responsabile tecnico);
4) possono comunque continuare a svolgere l'attività le imprese i cui responsabili tecnici (siano o meno titolari dell'impresa stessa) abbiano compiuto 55 anni alla data del 5 gennaio 2013, e ciò sino al compimento dell'età prevista per il conseguimento della pensione di vecchiaia.


3. 11 MARZO 2013 - CIRCOLARE ESPLICATIVA DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

E' stata pubblicata la Circolare n. 3659/C del 11 marzo 2013 con la quale il Ministero dello Sviluppo Economico chiarisce le modifiche alla disciplina dell'attività di autoriparazione introdotte con la legge 11 dicembre 2012, n. 224, che ha raggruppato le due attività: "meccanica/motoristica" e "elettrauto" nell'attività di "meccatronica".
Il Ministero spiega, innanzitutto, il senso della riforma chiarendo che il legislatore, nell’emanare questa nuova norma, ha voluto conseguire due obiettivi:
- istituire la figura del "meccatronico", avendo preso atto che nelle automobili e nei motoveicoli recenti è impossibile scindere l’aspetto motoristico da quello elettronico;
- salvaguardare i diritti dei soggetti che si sono formati ed hanno operato nel regime vigente fino al 4 gennaio 2013.
Il fatto che la legge n. 224/2012 (in vigore dal 5 gennaio 2013) non abbia previsto alcuna norma transitoria per le nuove imprese, diversamente da quelle già operative, ha di fatto paralizzato la nascita di nuove imprese meccaniche ed elettrauto.
La circolare fornisce alcuni chiarimenti in merito all’applicazione della nuova disciplina, in riferimento soprattutto al possesso dei requisiti per l’abilitazione alla nuova figura di meccatronico.
Queste le principali novità.

1) Dipendente di impresa abilitata per una sola sezione: può essere riconosciuto il requisito di meccatronica valutando l’esperienza lavorativa non solo in base all’abilitazione dell’impresa ma anche in base all’effettivo lavoro svolto: es. interventi su centraline elettroniche, cambi automatici e sequenziali, impianti ABS, impianti ESP, impianti di raffreddamento non tradizionali, climatizzatori, impianti di iniezione elettronica.
Tale esperienza lavorativa deve essere certificata dal titolare/legale rappresentante con dichiarazione sostitutiva di notorietà.
Se l’impresa è cessata, in alternativa alla dichiarazione sostitutiva potranno essere considerati altri documenti come fatture, mansionari ecc.

2) Imprese già in attività, abilitate per una sola sezione, che dimostrino con fatture di aver svolto interventi su componenti appartenenti sia alla sezione MM che EL, per 3 anni negli ultimi 5, possono chiedere l’iscrizione per la nuova sezione di meccatronica senza la necessità che il responsabile tecnico frequenti il corso integrativo.
I requisiti possono essere riconosciuti al responsabile tecnico non dipendente, socio/titolare, se lo stesso dimostra di aver effettivamente prestato opera con iscrizione all’INAIL.
La richiesta può essere fatta se il responsabile tecnico è stato presente nell’azienda nel periodo relativo alle fatture presentate.
Occorre presentare una pratica Comunica di inizio attività di meccatronica dalla data di invio della pratica, allegando fatture e versamento di euro 168,00 per Tasse e Concessioni governative (da effettuare sul CCP n. 8003).

3) Imprese già in attività, abilitate per entrambe le sezioni con due differenti responsabili tecnici: l’impresa è abilitata di diritto per la sezione meccatronica, ferma restando la possibilità, per i responsabili tecnici, di frequentare i corsi integrativi.

4) Imprese di nuova costituzione con attività limitata ad una sola sezione derivanti da cessioni d’azienda, conferimenti , fusioni, scissioni, trasformazioni: se viene trasferito il compendio aziendale, comprensivo del responsabile tecnico, possono continuare l’attività sino al 5 gennaio 2018; entro tale termine i responsabili tecnici dovranno frequentare con esito positivo il corso integrativo.

5) Imprese già in attività al 5 gennaio 2013, abilitate per una sola sezione, che trasferiscono la sede in altra provincia possono continuare l’attività sino al 5 gennaio 2018; entro tale termine i responsabili tecnici dovranno frequentare con esito positivo il corso integrativo.

6) Imprese di nuova costituzione con attività limitata ad una sola sezione: le disposizioni transitorie previste dall’art. 3, comma 2, legge n. 224/2012 possono essere applicate anche a questo tipo di imprese, purchè il titolare/legale rappresentante si impegni (con dichiarazione scaricabile dal sito), a frequentare/far frequentare al responsabile tecnico i corsi integrativi non appena questi siano istituiti.
Nella visura dell’impresa verrà inserita la seguente precisazione:
“Impresa abilitata all’attività di meccanica-motoristica/elettrauto ai sensi e nei termini previsti dal punto 7 della circolare ministeriale n. 3659/C dell’11 marzo 2013”.


4. 19 DICEMBRE 2013 - MECCATRONICA - Proposta di accordo Stato-Regioni su standard professionale e formativo del responsabile tecnico

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, in data 19 dicembre 2013, ha approvato un proposta di accordo (13/133/CR9/C9-C11) sullo standard professionale e formativo del responsabile tecnico di attività di meccatronica.
La proposta è stata trasmessa alla Conferenza Stato-Regioni ed è stata pubblicata sul sito www.regioni.it (nella sezione conferenze).
Il responsabile tecnico dell'attività di meccatronica è la persona preposta alla gestione tecnica dell’impresa di autoriparazioni, in grado di riconoscere le esigenze del cliente, di diagnosticare e pianificare gli interventi necessari ed operare sia sulla parte elettrica ed elettronica che sulla parte meccanica del veicolo in ottemperanza a quanto richiesto dalla legislazione vigente per l’abilitazione all’esercizio dell’attività di meccatronica.
Nel rispetto di quanto previsto dall’art. 2, della L. 224/2013, la proposta di accordo individua i seguenti ambiti di competenza, articolati in abilità minime e conoscenze essenziali:
1. Gestione dell’attività di autoriparazione;
2. Diagnosi tecnica e strumentale delle parti meccaniche del veicolo;
3. Riparazione e manutenzione delle parti meccaniche;
4. Diagnosi tecnica e strumentale degli apparati elettrico/elettronici del veicolo;
5. Riparazione e manutenzione degli apparati elettrico/elettronici del veicolo
.
La durata minima dei percorsi standard è di 500 ore con una quota di stage che può oscillare dal 20 al 30% del monte ore complessivo.
E’ consentito un massimo di assenze pari al 20% del monte ore complessivo.

Ai sensi dell’art 3 comma 2 della legge 11 dicembre 2012 , n. 224, i responsabili tecnici delle imprese già iscritte nel Registro delle imprese o nell'Albo delle imprese artigiane e abilitate alle attività di meccanica e motoristica o a quella di elettrauto qualora non siano in possesso di almeno uno dei requisiti tecnico-professionali previsti dalle lettere a) e c) del comma 2 dell'articolo 7 della citata legge n. 122 del 1992, devono frequentare il percorso formativo, limitatamente alle competenze relative all'abilitazione professionale non posseduta.
Per questi soggetti la durata minima del corso di formazione è ridotta a 40 ore.
Inoltre, nelle more dell’aggiornamento alla L. 122/1992 - come modificata dalla L. 224/2012 - degli standard delle competenze tecnico-professionali delle figure del repertorio nazionale del sistema di Istruzione e Formazione professionale (IeFP):
1) I soggetti in possesso del coerente titolo di qualifica professionale conseguito nell’ambito dei percorsi di durata triennale previsti dal sistema di Istruzione e Formazione professionale (IeFP), per ottenere la qualificazione professionale di responsabile tecnico di attività di meccatronica dovranno frequentare un percorso integrativo della durata minima di 100 ore, limitatamente alle competenze non possedute.
2) I soggetti in possesso del coerente titolo di diploma professionale regionale di tecnico conseguito nell’ambito dei percorsi di quarta annualità previsti dal sistema di Istruzione e Formazione professionale (IeFP), per ottenere la qualificazione professionale di responsabile tecnico di attività di meccatronica dovranno frequentare un percorso integrativo della durata minima di 50 ore limitatamente alle competenze non possedute.
Sono fatte salve le disposizioni delle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano inerenti il riconoscimento di crediti formativi che consentono di ridurre la durata dei percorsi formativi limitatamente alla specifica situazione del singolo individuo per competenze acquisite in percorsi formativi e/o professionali.

Come previsto dalla circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 3659 del 11 marzo 2013, “per i responsabili tecnici delle imprese attive nei settori di meccanica-motoristica o di elettrauto, che hanno operato per tre anni negli ultimi cinque anche su determinate componenti del veicolo che sono a “cavallo” tra meccanica-motoristica ed elettrauto” e che possono documentare tale circostanza, è possibile richiedere l’iscrizione alla Camera di Commercio per la nuova sezione della meccatronica, senza la necessità di frequentare corsi integrativi.

Condizione minima di ammissione all’esame finale è la frequenza di almeno l’80% delle ore complessive del percorso formativo.
Al termine del percorso, sia standard che integrativo, viene rilasciato un attestato di qualificazione professionale per responsabile tecnico di attività di meccatronica, ai sensi dell’art. 7, comma 2, lettera b), della legge 5 febbraio 1992, n. 122 e s.m.i.

- Si riporta il testo della:
. Proposta di accordo in conferenza stato-regioni sullo standard professionale e formativo del responsabile tecnico di attività di meccatronica, ai sensi della legge 11 dicembre 2012 n. 224.


4. NOVEMBRE 2017 - Come ottenere la regolarizzazione per la sezione “MECCATRONICA” - Termine per l’adeguamento il 4 gennaio 2018

La legge n. 224 del 11 dicembre 2012 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2012 e in vigore dal 5 gennaio 2013) ha apportato importanti modifiche alle norme che classificavano l’attività di autoriparazione suddividendola non più in 4 (meccanica motoristica, elettrauto, gommista, carrozzeria) ma in 3 sezioni (meccatronica, gommista, carrozzeria), procedendo alla modifica dell’articolo 1 della legge n. 122 del 5 febbraio 1992.
Le preesistenti attività di meccanica motoristica e di elettrauto – a decorrere dal 5 gennaio 2013 - sono state pertanto unificate nella nuova sezione denominata “meccatronica”.

L'articolo 3 della citata legge n. 224 del 2012 ha previsto un speciale regime transitorio per le imprese già in attività e regolarmente iscritte nel Registro imprese o all'Albo delle imprese artigiane alla data del 5 gennaio 2013:
1) da una parte quelle abilitate ad entrambe le sezioni (meccanica/motoristica ed elettrauto): queste sono abilitate di diritto alla nuova attività di "meccatronica";
2) dall'altra parte quelle abilitate o alla sola attività di “meccanica/motoristica” o alla sola attività di “elettrauto”: queste possono continuare a svolgere l'attività per cinque anni (cioè sino al 4 gennaio 2018), ma entro tale data i responsabili tecnici debbono - pena la perdita della qualifica di responsabile tecnico:
a) dimostrare un’esperienza professionale qualificata (esercitata per almeno tre anni negli ultimi cinque) e documentata con apposita dichiarazione sostitutiva; oppure
b) acquisire anche un titolo abilitante all'attività di “meccanica / motoristica” o di "elettrauto", mediante la frequenza di un apposito corso regionale teorico pratico di qualificazione.

Una deroga è stata prevista per i preposti alla gestione tecnica che, alla data del 5 gennaio 2013, abbiano già compiuto 55 anni: questi soggetti potranno proseguire l’attività come responsabili tecnici fino all'età prevista per il conseguimento della pensione di vecchiaia.

Di conseguenza, entro la data del 4 gennaio 2018, il titolare o legale rappresentante dell’impresa che deve dichiarare l'ampliamento dell'attività alla “meccatronica” dovrà presentare al Registro delle imprese una pratica telematica di Comunicazione Unica (che potrà essere, a seconda deiu casi: i modelli I2, S5, UL, Intercalare P), sottoscritta digitalmente dal titolare o dal legale rappresentante, di variazione dell'attività nella sede (o nell'eventuale unità locale), indicando quale inizio attività di meccatronica la data di presentazione della denuncia.
Alla Comunicazione Unica dovrà essere allegata la modulistica per l'autocertificazione dei requisiti del soggetto che assumerà la qualifica di “Responsabile Tecnico” e l’autocertificazione antimafia.
Oggetto dell’autocertificazione potranno essere:
- il possesso di un idoneo titolo di studio qualificante;
- l’avvenuta frequenza con esito positivo di apposito corso professionale;
- l’esercizio dell’attività di meccatronica per tre anni negli ultimi cinque
.

Diritti di segreteria e Imposta di bollo

- Per le ditte Individuali: 18,00 + 9,00 euro di diritti di segreteria e 17,50 euro di imposta di bollo;
- Per le società: 30,00 +15,00 euro di diritti di segreteria, e 16,00 euro di imposta di bollo (solo in caso di società artigiane).


PROBLEMATICHE CONNESSE ALL’ATTIVITA’ DI AUTORIPARAZIONE

1. DICHIARAZIONE SULL'IMMISSIONE SUL MERCATO DI PITTURE, VERNICI E PRODOTTI PER CARROZZERIA

. Se vuoi approfondire l’argomento, clicca QUI.


2. VEICOLI FUORI USO - NUOVI ADEMPIMENTI PREVISTI A CARICO DEGLI AUTORIPARATORI

2.1. Le novità introdotte dalla legge n. 196/2009

Le imprese esercenti attività di autoriparazione possono consegnare, ove ciò sia tecnicamente fattibile, ad un centro di raccolta, direttamente, qualora iscritti all’Albo nazionale dei gestori ambientali, ovvero avvalendosi di un operatore autorizzato alla raccolta ed al trasporto di rifiuti, i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalle riparazioni dei veicoli, ad eccezione di quelle per cui è previsto dalla legge un consorzio obbligatorio di raccolta.
Questo è quanto stabilito all'art. 1, comma 1, della legge 20 novembre 2009, n. 166 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 274 del 24 novembre 2009 - Suppl. Ord. n. 215), recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee”, il quale ha modificato il comma 15 dell'art. 5, del D. Lgs. 24 giugno 2003, n. 209 (Attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso).


2.2. Ulteriori novità introdotte dalla legge n. 217/2011 - Legge comunitaria 2010

Gli autoriparatori, quando tecnicamente possibile, avranno l’obbligo di consegnare i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalle riparazioni dei veicoli - ad eccezione di quelli per cui è previsto dalla legge un consorzio obbligatorio di raccolta - direttamente ai centri di raccolta autorizzati o agli operatori autorizzati per il trasporto e la raccolta.
Il produttore dei componenti del veicolo dovrà, inoltre, mettere a disposizione degli impianti di trattamento, fermo restando il rispetto delle norme vigenti in materia di riservatezza commerciale ed industriale, adeguate informazioni sulla demolizione, sullo stoccaggio e sulla verifica dei componenti che possono essere reimpiegati.
È quanto previsto all’articolo 23 della legge 15 dicembre 2011, n. 217 (Legge comunitaria 2010).
Detto articolo, attraverso la modifica diretta dell’articolo 5, comma 15 e dell’art. 10, comma 1-bis del decreto legislativo 24 giugno 2003, n. 209 (recante attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso), ha trasformato in obbligo quella che prima rappresentava una facoltà.

Questi i testi vigenti doipo le richiamate modifiche:
1. Art. 5, comma 15, D. Lgs. n. 209/2003
”15. Le imprese esercenti attività di autoriparazione, di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 122, consegnano, ove ciò sia tecnicamente fattibile, i pezzi usati allo stato di rifiuto derivanti dalle riparazioni dei veicoli, ad eccezione di quelli per cui è previsto dalla legge un consorzio obbligatorio di raccolta, ai seguenti soggetti:
a) direttamente ad un centro di raccolta di cui al comma 3, qualora iscritti all'Albo nazionale dei gestori ambientali;
b) ad un operatore autorizzato alla raccolta ed al trasporto dei rifiuti perché provveda al loro trasporto ad un centro di raccolta di cui al comma 3”.


2. Art. 10, comma 1-bis, D. Lgs. n. 209/2003
”1-bis. Fermo restando il rispetto delle norme vigenti in materia di riservatezza commerciale ed industriale, il produttore dei componenti del veicolo mette a disposizione degli impianti di trattamento di cui all’articolo 3, comma 1, lettera o), per quanto richiesto dagli stessi impianti, adeguate informazioni sulla demolizione, sullo stoccaggio e sulla verifica dei componenti che possono essere reimpiegati”.

. Se vuoi approfondire l’argomento, clicca QUI.



APPROFONDIMENTI – GUIDE E MANUALI

- Sull'argomento proponiamo una approfondimento, curato da Claudio Venturi, dal titolo:
L'attività di autoriparazione e di revisione dei veicoli. (Aggiornato a giugno 2015).
(N.B. Nell'APPENDICE A e nella SCHEDA RIEPILOGATIVA viene riportato un elenco dei titoli di studio ritenuti validi ai fini dell'esercizio dell'attività di autoriparazione).



- Proponiamo, inoltre, una tabella esemplificativa, elaborata da Claudio Venturi, dal titolo:
Le attività di impiantistica, autoriparazione, pulizia e facchinaggio: Normative a confronto.


- Se sei interessato ad approfondire l'argomento della REVISIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI, clicca QUI.



- Se vuoi scaricare la Guida predisposta dalle Camere di Commercio della LOMBARDIA, dal titolo IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE - Istruzioni per la presentazione della dichiarazione di inizio attività al Registro delle imprese, cliccate QUI.

- Se vuoi scaricare la Guida predisposta dalle Camere di Commercio del TRIVENETO, dal titolo IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE - Istruzioni per la compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività, cliccate QUI.


RIFERIMENTI

. Per la MODULISTICA da utilizzare, a decorrere dal 31 luglio 2010, per la Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al Registro delle imprese, cliccate QUI.

. Per le denunce da presentare al REGISTRO DELLE IMPRESE, cliccate QUI

. Per gli adempimenti presso l’ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE, cliccate QUI

. Per consultare gli importi dei DIRITTI DI SEGRETERIA dovuti alla Camera di Commercio, cliccate QUI

. Per consultare gli importi delle TASSE SULLE CONCESSIONI GOVERNATIVE , cliccate QUI.

. Per quanto riguarda L'IMPOSTA DI BOLLO, cliccate QUI.

. Per un approfondimento dell’argomento dei titoli e qualifiche professionali, clicca QUI.

. Per approfondire l'argomento del Riconoscimento qualifiche professionali estere, di competenza del ministero dello Sviluppo Economico, cliccate QUI

. Per le istruzioni per il riconoscimento dei titoli di formazione professionale acquisiti in Paesi appartenenti e non all'Unione Europea, ai fini dell'esercizio in Italia delle attività di impiantistica, pulizia, autoriparazione e facchinaggio, emanate dal Ministero delle attività produttive, cliccate QUI


APPENDICE NORMATIVA

. L. 2 febbraio 1992, n. 122 : Disposizioni in materia di sicurezza della circolazione stradale e disciplina dell’attività di autoriparazione. (Testo coordinato con le modifiche apportate, da ultimo, dalla legge 11 dicembre 2012, n. 224).

. D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285: Nuovo codice della strada. Art. 80

. Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato - Circolare del 19 giugno 1992, n. 3286/C: Legge 5 febbraio 1992, n. 122. Disposizioni in materia di sicurezza della circolazione stradale e disciplina dell'attività di autoriparazione.

. D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495: Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada. Artt. 239, 240 e 241

. Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato - Direzione Generale del Commercio interno e dei Consumi industriali – Div. 8^ - Nota del 30 novembre 1995, Prot. 389878: Legge 5 febbraio 1992, n. 122 - Interpretazione dell'articolo 7, comma 1, lettera b).

. L. 5 gennaio 1996, n. 25: Differimento di termini previsti da disposizioni legislative nel settore delle attività produttive ed altre disposizioni urgenti in materia.

. Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato - Direzione Generale del Commercio, delle Assicurazioni e dei Servizi - Div. VIII - Circolare n. 3439/C del 27 marzo 1998: Legge 5 marzo 1990, n. 46. Chiarimenti e interpretazioni evolutive sugli aspetti problematici più importanti.

. D.M. 6 agosto 1998, n. 408: Regolamento recante norme sulla revisione generale periodica dei veicoli a motore e loro rimorchi.

. D.P.R. 14 novembre 2002, n. 313: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti.

. D.Lgs. 24 giugno 2003, n. 209: Attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso. (Testo aggiornato con le modifiche apportate, da ultimo, dalla legge 15 dicembre 2011, n. 217 - In vigore dal 17 gennaio 2012).

. Circolare del Ministero delle attività produttive n. 3562/C del 7 luglio 2003 – Leggi 5 marzo 1990, n. 46 (Norme per la sicurezza degli impianti), e 5 febbraio 1992, n. 122 (Disposizioni in materia di sicurezza della circolazione stradale e disciplina dell’attività di autoriparazione) – Problematiche connesse all’applicazione dell’art. 6 della legge n. 25/1996.

. Ministero delle attività produttive - Circolare n. 3600/C del 6 aprile 2006 - Prot. 0003469: Attività regolamentate (installazione di impianti, autoriparazioni, pulizie, facchinaggio). Utilizzo di alcune figure contrattuali previste dalla riforma del diritto del lavoro.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 9 febbraio 2007, Prot. 0001506: Requisiti tecnico-professionali - legge 122/1992.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 19 settembre 2007, Prot. 0008801: Legge n. 122/1992 (Disciplina dell'attività di autoriparazione) - Verifica dell'idoneità fisica del responsabile tecnico - Competenza.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 22 ottobre 2007, Prot. 0009846: Legge n. 122/1992 (esercizio attività di autoriparazione) - Problematiche in tema di "immedesimazione" del responsabile tecnico e di acquisizione del requisito tecnico-professionale.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 31 ottobre 2007, Prot. 0010050: Legge n. 122/1992 - Svolgimento dell'attività di autoriparazione in forma itinerante e mediante preposizione, in qualità di responsabile tecnico, di un associato in partecipazione.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 31 ottobre 2007, Prot. 0010053: Legge n. 122/1992 (in materia di esercizio dell'attività di autoriparazione) - Riconoscimento requisito tecnico-professionale di cui all'art. 7.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Nota del 3 dicembre 2007, Prot. 0010981: Motocicli e regime transitorio per l'autoriparazione (legge n. 122/1992).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione Generale per il Commercio e le Assicurazioni e i Servizi - Ufficio B4 - Nota del 18 dicembre 2007, Prot. 0011618: Richiesta di chiarimenti in merito al requisito dell’immedesimazione del responsabile tecnico.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Nota del 27 marzo 2008, Prot. 2580: Legge n. 122 del 1992 (esercizio dell'attività di autoriparazione) - Riconoscimento del requisito tecnico-professionale di cui all'art. 7, comma 2, lett. a) - Richiesta parere.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Lettera Circolare del 31 marzo 2008, Prot. 2688: Legge n. 122/1992 ("Disposizioni in materia di sicurezza della circolazione stradale e disciplina dell'attività di autoriparazione) - Attività di "riparazione pneumatici".

. D.M. 28 aprile 2008: Recepimento della direttiva 2007/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 settembre 2007, relativa all'omologazione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, nonchè dei sistemi, componenti ed entità tecniche destinati a tali veicoli.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Direzione Generale per la vigilanza e la normativa tecnica - Ufficio XI - Nota del 26 gennaio 2009, Prot. 7072: Legge n. 122/1992 - Esercizio dell’attività di autoriparazione - Requisito professionale.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Direzione Generale per la vigilanza e la normativa tecnica - Ufficio XI - Nota del 5 febbraio 2009, Prot. 11020: Verifica dell'idoneità fisica del responsabile tecnico di imprese di autoriparazione (legge n. 122/1992) - Competenza.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Direzione Generale per la vigilanza e la normativa tecnica - Ufficio XI - Nota del 25 agosto 2009, Prot. 75298: Attività di autoriparazione (legge n. 122/1992) - Quesiti.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Direzione Generale per la vigilanza e la normativa tecnica - Ufficio XI - Nota del 29 ottobre 2009, Prot. 0095921: Richiesta parere su L. n. 122/1992 (autoriparatori).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per la regolazione del mercato - Direzione Generale per la vigilanza e la normativa tecnica - Ufficio XI - Nota del 9 novembre 2009, Prot. 0100447: Richiesta parere su L. n. 122/1992 (autoriparatori).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro imprese - Nota del 24 novembre 2009, Prot. 107640: Art. 19 della legge n. 241 del 1990, come modificato, in ultimo, dall’articolo 9, commi da 4 a 6, della legge n. 69 del 2009 - Problematiche interpretative con riferimento ad alcune attività soggette a verifica dei requisiti da parte degli uffici del registro delle imprese.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro imprese - Nota del 9 dicembre 2009, Prot. 0113217: Attività di autoriparazione (legge n. 122 del 1992) - Responsabile tecnico - Quesito.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Circolare n. 3637/C del 10 agosto 2010, Prot. 105485: Impatto sulle procedure di avvio di alcune attività regolamentate, della riformulazione dell’articolo 19 della legge n. 241 del 1990 prevista dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 (“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica”).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro imprese - Nota del 20 settembre 2010, Prot. 0123483: Quesiti in materia di autoriparazione (legge n. 122 del 1992).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro imprese - Nota del 31 maggio 2011, Prot. 0103714: Richiesta di parere su L. n. 122/92 (autoriparatori).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro imprese - Nota del 31 maggio 2011, Prot. 0103724: Richiesta di parere su L. n. 122/92 (autoriparatori).

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro delle imprese - Letera-Circolare del 16 giugno 2011, Prot. 0115431: Valutabilità dei diplomi, attestati e brevetti rilasciati dal Ministero della difesa ai fini del riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali per lo svolgimento di attività regolamentate .

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro delle imprese - Circolare n. 3653/C del 2 luglio 2012, Prot. 0148904: Richiesta di parere su attività di autoriparazione - L. n. 122/1992 - Quesito su attività di autoriparazione (installazione di cristalli per autoveicoli) in forma itinerante .

. L. 11 dicembre 2012, n. 224: Modifica all'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 122, concernente la disciplina dell'attività di autoriparazione.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro delle imprese - Nota del 14 gennaio 2013, Prot. 0005538: L. 11 dicembre 2012, n. 224 - Quesito.

. Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizzazione - Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione XXI - Registro delle imprese - Circolare n. 3659/C del 11 marzo 2013, Prot. 0041348: L. 11 dicembre 2012, n. 224 - Modifica alla disciplina di autoriparazione.


GIURISPRUDENZA

Il Ministero delle Attività Produttive, con Nota del 12 novembre 2003, Prot. 559215, ha reso che, con decreto del Presidente della Repubblica in data 14 ottobre 2003, sono stati accolti due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica proposti dalle ditte ….. contro la Camera di Commercio di Caserta con i quali è stato chiesto l’annullamento del provvedimento con cui la Camera di Commercio in questione aveva rifiutato l’iscrizione di una unità operativa in cui si svolgevano tutte e quattro le sezioni previste dalla Legge n. 122/1992 e la nomina di un responsabile tecnico già iscritto al Registro delle imprese per la sezione meccanica-motoristica, come collaboratore dell’impresa materna, per mancanza di un titolo abilitativo per la sezione c) (elettrauto).

Dopo i vari ricorsi gerarchici proposti dal ricorrente (Camera di Commercio, Giunta regionale, Ministero delle attività produttive), con parere del 10 giugno 2003, N. Sezione 4387/02 (di cui si riporta copia), il Consiglio di Stato ha ritenuto insufficienti e inadeguate le argomentazioni poste a base del provvedimento impugnato e pertanto ha accolto i due ricorsi.

Si riporta il testo del decreto e del parere del Consiglio di Stato:
. Ministero delle Attività Produttive – Nota del 12 novembre 2003, Prot. 559215: Due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica proposti dalle ditte ….. contro la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Caserta (RS/5071).


Tutti i documenti elencati sono realizzati in formato PDF; per consultarli occorre installare sul proprio PC il software Adobe Reader Scarica Adobe Reader








Copyright © by TuttoCamere.it All Right Reserved.

Pubblicato su: 2013-12-28 (15570 letture)

[ Indietro ]
Content ©
© 2006-2017 by L. Maurizi & C. Venturi
© 2002-2005 by Leaff Engineering
Ottimizzazione per motori di ricerca grazie a sitemapper script
Potete collegare le nostre news sul vostro sito usando il file backend.php or ultramode.txt
Questo sito contiene link a indirizzi web esterni. Gli autori del sito non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei siti raggiungibili attraverso questi link.
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.495 Secondi