Benvenuto su TuttoCamere.it Benvenuto su TuttoCamere.it  
  Registrati gratuitamente! Home  ·  Argomenti  ·  Stats  ·  Il tuo account  ·  Inserisci Articolo  ·  Top 10  

  Mappa del Sito
· Home
· Archivio Notizie
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Cerca
· Contenuti
· Downloads
· FAQ
· Feedback
· Il Tuo Account
· La Camera di Commercio
· Link Utili
· Messaggi Privati
· Proponi Notizia
· Raccomanda questo sito
· Sondaggi
· Top 10

  Cerca con Google
Google
Web www.tuttocamere.it

  Sponsor

  Accorpamenti CCIAA
Gli accorpamenti delle Camere di Commercio
La riforma delle Camere di Commercio
Gli accorpamenti

  Software e servizi
La CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI
LA CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI delle Camere di Commercio d’Italia



FIRMA DIGITALE

FIRMA DIGITALE
Dike 6 e Business key
Il software di firma digitale



COMUNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA D'IMPRESA
Registro imprese, Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP

Versione corrente 1.3.0


FedraPlus
FedraPlus
Software per la compilazione della pratica Registro imprese

Versione corrente 06.94.04


COMUNICA Starweb
COMUNICA Starweb
Il servizio per la compilazione della Comunicazione Unica

Versione corrente 3.6.7


L'ufficio online del Registro delle imprese

REGISTROIMPRESE.IT
L'ufficio online del Registro delle imprese
I dati ufficiali delle Camere di Commercio



Impresa in un giorno

Impresa in un giorno
La tua scrivania telematica
Gestisci online le pratiche per la tua attività



La pubblica amministrazione per l''impresa

La Pubblica Amministrazione per l''impresa

Nuovo accesso federato di Impresa.gov.it e Impresainungiorno.gov.it.


La posta certificata di Infocamere

PEC LEGALMAIL
La posta certificata di Infocamere



INI PEC

Qui puoi cercare gli indirizzi PEC di imprese e professionisti italiani



 SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID
Sistema Pubblico di Identità Digitale



I CONTO

”ICONTO”
Il conto per i pagamenti verso le Camere di Commercio e le altre PP.AA.



Incentivi.gov.it

INCENTIVI.GOV.IT
Al cuore dello sviluppo



BENVENUTA IMPRESA

BENVENUTA IMPRESA
I servizi camerali per l’impresa digitale



IMPRESA.ITALIA.IT

IMPRESA.ITALIA.IT
Un nuovo servizio per il cittadino imprenditore



DIRITTO ANNUALE – Calcola e Paga on line

DIRITTO ANNUALE CAMERALE – Calcola e Paga on line



ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione

ELENCO degli Atti depositati dagli Agenti della riscossione



FATTURAZIONE ELETTRONICA
FATTURAZIONE ELETTRONICA
Il servizio di fatturazione elettronica verso la P.A. semplice e sicuro
Scopri Legalinvoice



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Servizio InfoCamere



Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione
Sistema di interscambio



Cert.Impresa

Cert.Impresa



NoiPA

NoiPA
Servizi PA a Persone PA



LINEA AMICA

LINEA AMICA
Il portale degli italiani



Italia Sicura

ItaliaSicura
La mappa dei cantieri antidissesto



SoldiPubblici
Soldi Pubblici
Scopri quanto spende chi e per cosa.



VerifichePA

Il servizio delle Camere di Commercio per le PP.AA. per la verifica dell’autocertificazione d’impresa



Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa

Servizi gratuiti per lo sviluppo dell''impresa



Logo UnionCamere

Il portale delle Camere di Commercio d'Italia



Vorld Pass

Servizio di Conciliazione delle Camere di Commercio



Vorld Pass

ConciliaCamera
Il tuo spazio per la mediazione online



WORLD PASS

Scopri come internazionalizzare la tua impresa



DESTINAZIONE ITALIA

Aprire l’Italia ai CAPITALI e ai TALENTI del mondo



INDUSTRIA 4.0

INDUSTRIA 4.0
Piano nazionale Industria 4.0



PID

PID
Punto Impresa Digitale



Qui si parla di Start-up innovativa

Percorso per creare una Start-up innovativa



CONTRATTI DI RETE<br> COLLABORARE PER COMPETERE

CONTRATTI DI RETE
Portale che sostiene la nascita e lo sviluppo delle reti d’impresa in Italia



PROGETTO EXCELSIOR
PROGETTO EXCELSIOR
I programmi occupazionali delle imprese rilevati dal sistema delle Camere di Commercio



CRESCERE IN DIGITALE

CRESCERE IN DIGITALE
Entra nel mondo del lavoro digitale
Formazione e tirocini per i giovani



ECCELLENZE IN DIGITALI

ECCELLENZE IN DIGITALE
Sviluppa le tue competenze digitali



GARANZIA GIOVANI

GARANZIA GIOVANI
Un’impresa per il tuo futuro



Registro delle imprese storiche italiane

Registro delle imprese storiche italiane



Registro nazionale per l’alternanza <br>SCUOLA LAVORO

Registro nazionale per l’alternanza
SCUOLA LAVORO
Il portale delle Camere di Commercio

  ALTRI ORGANISMI
UNIONCAMERE
UNIONCAMERE
Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura



STARnet

La rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio



INFOCAMERE

INFOCAMERE
Società in-house delle Camere di Commercio italiane



UNIVERSITA’ MERCATORUM

L’Università di tutte le aziende italiane
La prima Startup University tutta italiana



ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE

ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE
Per la promozione della cultura economica

Fondazione di Unioncamere

  REGISTRO IMPRESE

Camera di Commercio di Sassari
IL REGISTRO DELLE IMPRESE NELLA GIURISPRUDENZA
Raccolta delle più importanti pronunce dei Giudici del Registro delle imprese dal 1996 in poi.

  ISTAT
ISTAT
Indice Nazionale dei prezzi al consumo



ISTAT
Classificazione delle attività economiche
ATECO 2007



Noi Italia

100 statistiche
per capire il Paese in cui viviamo

  ITALIA.IT
Sito ufficiale del turismo in Italia
Sito ufficiale del turismo in Italia

  Dona con PayPal!
Se ritieni che il lavoro che facciamo sia utile, valido e soprattutto soddisfi le tue aspettative professionali e vuoi dimostrare il tuo apprezzamento e sostegno con una donazione a piacere, utilizza il bottone "Donazione" qui sotto.
GRAZIE!

  Meteo Italia
Servizio Meteorologico Aeronautica
Servizio Meteorologico dell'aeronautica

  AvventuraMarche
... scopri il fascino di questa meravigliosa regione? AvventuraMarche.it

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatevi su dove volete andare

FARNESINA
Informatevi su dove volete andare

  Viaggiare Sicuri
 FARNESINA<br>Informatici dove siete nel mondo

FARNESINA
Informateci dove siete nel mondo
TuttoCamere.it FAQ (Frequently Asked Questions)



Categoria: Principale -> Somministrazione di alimenti e bevande

Domanda
·  Qual è la disciplina generale attualmente applicabile alla vendita al dettaglio e alla somministrazione di alimenti e bevande effettuate tramite distributori automatici?
·  E’ necessaria l’iscrizione al Registro esercenti il commercio per aprire un bar all’interno di un’associazione senza scopo di lucro?
·  Può un provvedimento diretto a stabilire le condizioni di rilascio delle autorizzazioni di pubblico esercizio di somministrazione imporre, in aggiunta ai “parametri numerici” il rispetto delle “distanze minime” tra esercizi della stessa tipologia?
·  Dopo l’entrata in vigore del D. Lgs. n. 114/98 di riforma del commercio e l’abrogazione da parte del citato decreto della legge n. 426/71 e del D. M. n. 375/88 come viene regolamentata la vendita e la somministrazione di alimenti e bevande tramite distrib

Risposta
·  Qual è la disciplina generale attualmente applicabile alla vendita al dettaglio e alla somministrazione di alimenti e bevande effettuate tramite distributori automatici?

La risoluzione del Ministero delle attività produttive del 9 gennaio 2001, rispondendo ad una serie di quesiti, fa il punto sulla disciplina della vendita e della somministrazione mediante distributori automatici dopo l’entrata in vigore del decreto 114/1998, che ha riformato il settore del commercio.
In materia di vendita mediante distributori automatici è attualmente applicabile l’art. 17 del decreto 114, il quale distingue due sole fattispecie.
La prima è individuata dal quarto comma del predetto art. 17, ai sensi del quale “la vendita mediante apparecchi automatici effettuata in apposito locale ad essa adibito in modo esclusivo è soggetta alle medesime disposizioni concernenti l’apertura di un esercizio di vendita”. Pertanto, l’apertura di un esercizio, nel quale venga effettuata la vendita esclusivamente tramite distributori automatici, è soggetta a comunicazione o autorizzazione al Comune competente per territorio, a seconda che si tratti rispettivamente di un esercizio di vicinato ovvero di una media struttura di vendita.
L’altra fattispecie di vendita mediante distributore automatico è prevista dai commi 1, 2 e 3 dell’art. 17 ed è individuata per il fatto che non viene svolta in apposito locale ad essa adibito in modo esclusivo. Tale vendita è soggetta ad apposita comunicazione al Comune competente per territorio e può iniziare decorsi trenta giorni dal ricevimento della medesima da parte del Comune.
Nella comunicazione deve essere dichiarata la sussistenza del possesso dei requisiti morali e professionali, il settore merceologico e l’ubicazione del distributore automatico, nonché, l’osservanza delle norme sull’occupazione del suolo pubblico qualora il distributore fosse installato sulle aree pubbliche.
Per quanto riguarda, invece, la somministrazione di alimenti e bevande effettuata mediante distributori automatici, è applicabile l’art. 1 comma 2 della legge 25 agosto 1991 n. 287 (legge che disciplina l’attività di somministrazione di alimenti e bevande), solo nel caso in cui gli alimenti e le bevande venduti mediante gli apparecchi automatici siano consumati dagli acquirenti in locali appositamente attrezzati ed adibiti esclusivamente a tale attività. In questo caso, l’esercente al quale è imputabile l’attività mediante il distributore automatico deve essere iscritto nel Registro esercenti il commercio, per poter richiedere successivamente l’autorizzazione amministrativa al Comune competente in relazione all’ubicazione dell’esercizio.
Per tutti gli altri casi (ivi compresa l’installazione di distributori automatici negli spacci interni o in qualsiasi luogo il cui accesso non sia possibile a chiunque), torna applicabile l’art. 17 commi 1, 2 e 3 del decreto 114/1998: l’avvio dell’attività è consentito decorsi trenta giorni dal ricevimento, da parte del Comune, dell’apposita comunicazione.
Un’ultima precisazione del Ministero riguarda l’installazione di più distributori automatici: il titolare di una ditta che gestisce distributori automatici non deve attendere il decorso dei trenta giorni per ogni nuovo apparecchio da installare, perché ciò determinerebbe di fatto un ostacolo all’iniziativa economica e alla necessità di riconoscere alla medesima il diritto di rispondere con efficienza alle esigenze del mercato.

[ Torna Su ]

·  E’ necessaria l’iscrizione al Registro esercenti il commercio per aprire un bar all’interno di un’associazione senza scopo di lucro?

L’attività di somministrazione di alimenti e bevande svolta dalle associazioni e dai circoli privati è stata regolamentata dal DPR n. 235 del 4 aprile 2001, il quale distingue le associazioni e i circoli aderenti ad enti ed organizzazioni nazionali con finalità assistenziali da quelli non aderenti.
Nel primo caso, l’associazione o il circolo può svolgere l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, presentando al Comune competente per territorio, una denuncia di inizio di attività, dichiarando nella stessa, l’ente nazionale a cui si aderisce, il tipo di attività di somministrazione, l’ubicazione e la superficie dei locali, la sussistenza delle finalità non lucrative di cui all’art 111 del Testo Unico delle Imposte sui redditi, la conformità del locale alle norme in materia di edilizia, igiene e sanità e sicurezza, nonché il possesso delle prescritte autorizzazioni in materia. Alla denuncia di inizio dell’attività deve essere allegata una copia semplice, non autenticata, dell’atto costitutivo o dello statuto.
Nel secondo caso, il legale rappresentante dell’associazione o del circolo deve presentare una domanda di autorizzazione al Comune competente per territorio, contenente gli stessi elementi di cui sopra, ad eccezione, dell’indicazione dell’ente nazionale, nonché la specificazione della natura non commerciale dell’associazione o del circolo, ai sensi degli artt. 111 e 111 bis del Testo Unico delle Imposte sui redditi. La domanda si considera accolta quando, entro 45 giorni dalla data di presentazione, non sia comunicato il diniego.
Entrambe le tipologie associative disciplinate dal decreto possono svolgere l’attività di somministrazione di alimenti e bevande (es. bar), senza l’obbligo di iscrizione nel Registro esercenti il commercio, a condizione che i rispettivi statuti siano conformi alle disposizioni contenute negli artt. 111 e 111 bis del Testo Unico delle Imposte sui redditi. In particolare, lo statuto dovrà prevedere le seguenti clausole:

  • Espresso divieto di distribuire, anche in modo indiretto, tra gli associati, eventuali utili, fondi o riserve, durante la vita dell’associazione.
  • Obbligo, in caso di scioglimento, di devolvere l’eventuale patrimonio residuo ad altra associazione avente finalità analoghe, ovvero per fini di pubblica utilità.
  • Effettività del rapporto associativo e della partecipazione alla vita associativa da parte degli associati o dei soci, escludendo espressamente la temporaneità del rapporto.
  • Attribuzione del diritto di voto ai soci maggiorenni per l’approvazione e la modificazione dello statuto e per la nomina degli organi, nonché diritto di tutti gli associati di poter accedere alle cariche associative.
  • Obbligo della redazione e dell’approvazione annuale del rendiconto economico-finanziario.
  • Previsione dell’intrasmissibilità e della non rivalutabilità della quota o dei contributi associativi.
Inoltre, l’attività di somministrazione deve essere esercitata presso la sede dove vengono svolte le attività istituzionali e deve essere diretta esclusivamente in favore degli associati. Infine, l’atto costitutivo e lo statuto devono essere redatti nella forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o semplicemente registrata.
Qualora, invece, la conformità alle clausole sopra indicate non sussista o venga meno successivamente, l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande è subordinata all’iscrizione nel Registro esercenti il commercio del legale rappresentante dell’associazione o del circolo o di un suo delegato, nonché al rilascio dell’autorizzazione amministrativa prevista dalla legge 25 agosto 1991 n. 287, in materia di pubblici esercizi.
Qualora l’associazione o il circolo affidi la gestione dell’attività di somministrazione a terzi, è evidente che su quest’ultimo ricade l’obbligo di iscrizione nel Registro esercenti il commercio e di richiesta dell’autorizzazione amministrativa al Comune.

[ Torna Su ]

·  Può un provvedimento diretto a stabilire le condizioni di rilascio delle autorizzazioni di pubblico esercizio di somministrazione imporre, in aggiunta ai “parametri numerici” il rispetto delle “distanze minime” tra esercizi della stessa tipologia?

Il Ministero delle attività produttive è intervenuto più volte sull’argomento (si vedano i Pareri n. 190212 del 18 marzo 1992, n. 191121 del 31 maggio 1994, n. 507799 del 8 giugno 2001, n. 513957 del 30 ottobre 2001), affermando che la legge n. 217/1991, contrariamente a quanto previsto nella precedente normativa dettata dalla legge n. 524/1974, non prevede il rispetto delle distanze minime fra gli esercizi.
Di recente, poi, il Consiglio di Stato, con sentenza n. 6309 del 20 dicembre 2001, ha accolto l’appello proposto, avverso la contraria sentenza del TAR della Campania, dal titolare di un pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande, il quale, in conseguenza di uno sfratto, aveva richiesto al Comune il trasferimento dell’attività in nuovi locali e si era visto opporre dal Sindaco il diniego per mancanza della distanza prescritta da un regolamento locale.
La determinazione dei parametri numerici spetta ai Sindaci; tali parametri, in relazione alla tipologia degli esercizi, devono assicurare la migliore funzionalità e produttività del servizio da rendere al consumatore e il più equilibrato rapporto tra gli esercizi e la popolazione residente e fluttuante, tenuto anche conto del reddito di tale popolazione, dei flussi turistici e delle abitudini di consumo extradomestico.
Pertanto, nelle norme attualmente in vigore non si riscontrano riferimenti all’eventuale determinazione, al di là dei parametri numerici, di distanze minime da rispettare nell’apertura o nel trasferimento di un esercizio pubblico.

[ Torna Su ]

·  Dopo l’entrata in vigore del D. Lgs. n. 114/98 di riforma del commercio e l’abrogazione da parte del citato decreto della legge n. 426/71 e del D. M. n. 375/88 come viene regolamentata la vendita e la somministrazione di alimenti e bevande tramite distrib

Per effetto di quanto disposto dall’art. 26, comma 6, del D. Lgs. n. 114/98, con cui è stata abrogata la legge n. 426/71 ed il D. M. n. 375/88, alla vendita mediante distributori automatici è applicabile l’articolo 17 del D. Lgs. n. 114/98 che, al comma 4, dispone che tale vendita “… è soggetta alle medesime disposizioni concernenti l’apertura di un esercizio di vendita”.
Ciò vuol dire che l’apertura di un esercizio, nel quale viene effettuata la vendita esclusivamente tramite distributori automatici, è soggetta a comunicazione, se la superficie rientra nei limiti individuati per gli esercizi di vicinato, è invece soggetta al regime autorizzatorio qualora si tratta di medie e grandi strutture di vendita.
Va comunque notato che la formulazione del citato articolo non esplicita chi sia tenuto, in caso di nuova apertura, a presentare la comunicazione, a chi vada attribuito il possesso dei requisiti previsti dall’art. 5, ne chi sia tenuto ad osservare le norme sull’occupazione del suolo pubblico.
Si fa, pertanto, tacitamente, riferimento all’esercente al quale è imputabile l’attività, che può essere un soggetto diverso dal titolare dell’esercizio nel quale l’apparecchio è installato.
E’ quanto viene sostenuto in una recentissima risoluzione ministeriale, la n. 550254 del gennaio 2001, in cui si sostiene anche che l’art. 17 abbia sostituito l’art. 54, comma 5, del D.M. n. 375/88 anche nella parte relativa alla somministrazione di alimenti e bevande mediante distributori automatici.
A questa specifica attività, infatti, non è applicabile la legge n. 287/91 che disciplina l’attività di somministrazione di alimenti e bevande la quale, all’art. 1, comma 2 specifica che tale legge ” è applicabile alla somministrazione di alimenti e bevande venduti con gli apparecchi automatici solo quando tali prodotti siano consumati in locali appositamente attrezzati ed adibiti esclusivamente all’uso degli apparecchi medesimi”.
Per finire, va rilevato che l’art. 17 è applicabile anche in caso di installazione di distributori automatici negli spacci interni o in altri luoghi non accessibili al pubblico dal momento che, nella formulazione del suddetto articolo non si utilizza mai il richiamo “al pubblico” con la conseguenza che le disposizioni in esso contenute devono intendersi applicabili anche nel caso di vendita rivolta a cerchie ristrette di persone.

[ Torna Su ]



© 2006-2018 by L. Maurizi & C. Venturi
© 2002-2005 by Leaff Engineering
Informativa completa sul trattamento dei dati personali
Ottimizzazione per motori di ricerca grazie a sitemapper script
Potete collegare le nostre news sul vostro sito usando il file backend.php or ultramode.txt
Questo sito contiene link a indirizzi web esterni. Gli autori del sito non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei siti raggiungibili attraverso questi link.
Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.089 Secondi